10 esercizi vocali di canto

di Assunta Proto tramite: O2O

Si ritiene spesso che il canto sia un talento, un dono che non è stato concesso a tutti: pensare così sarebbe come dire che l'esercizio e l'impegno non servano a nulla, se non sono accompagnati da una predisposizione naturale. Certo, è vero che alcuni soggetti abbiano già di partenza una bella voce, o che magari riescano senza sforzo a raggiungere note molto basse o molto alte, ma ciò non significa che studiando non si possano raggiungere ottimi risultati. Lo studio del canto è in tutto e per tutto uguale allo studio di un qualsiasi strumento musicale, ma l'apprendimento è in parte facilitato dal fatto che tutti, chi più e chi meno, cantiamo. Questi 10 esercizi vocali di canto vi permetteranno di apprendere i fondamenti del canto, ma ovviamente nulla sostituisce un buon insegnante.

1 Riscaldamento Come ogni esercizio fisico, anche il canto richiede un riscaldamento: le corde vocali sono molto delicate, e cantare a freddo potrebbe portare dopo poco tempo a un calo di voce. Riscaldare le corde vocali è semplice: basta ripetere l'alfabeto canticchiando, su qualsiasi melodia, così da elasticizzare anche i muscoli facciali.

2 Canto libero Cantare deve essere un'azione naturale: prima di partire con lo studio vero e proprio possiamo capire la nostra tonalità naturale, provando a cantare diverse canzoni. In questo modo, possiamo sceglierne una che non ci fa "stonare" o stancare nell'esecuzione.

Continua la lettura

3 Respiro Un tipico problema dei principianti è la "mancanza di fiato": spesso si arriva a metà canzone già con il fiatone, e per riprendere fiato si rischia di perdere il tempo.  Prima di imparare a cantare, dobbiamo imparare a respirare: per farlo, è necessario riuscire a prendere il controllo del proprio diaframma, il muscolo che permette il movimento dei polmoni, procedendo con respiri profondi e regolari.

4 Esercizio di forza Per aumentare la nostra capacità polmonare, possiamo procedere con questo semplice esercizio: lanciamo in aria una piuma e, con la sola forza dei nostri soffi, non facciamola cadere. Per rendere il tutto più difficile, possiamo stabilire un'altezza alla quale vogliamo che la piuma resti, imparando così anche a dosare la quantità di fiato emessa.

5 Esercizio con la base Alcune persone sembrano essere capaci di cantare bene sin da subito: questa opinione però viene meno quando si trovano a dover cantare accompagnati da una base. Come per gli strumenti musicali, un valido trucco didattico è registrarsi nell'esecuzione di un brano: in questo modo riusciremo a capire se abbiamo centrato la tonalità giusta, se siamo riusciti a tenere il tempo e se abbiamo scandito tutte le parole, senza aggiustare la metrica con frasi troncate.

6 Esercizio con le note alte Il sogno di ogni aspirante cantante è avere una buona estensione vocale, riuscendo così a raggiungere senza problemi note molto alte: con le dovute precauzioni, possiamo sin da subito esercitarci sulle note alte, cercando brani in tonalità come il SI o il La, provando a cantare brevi spezzoni di altezza sempre più maggiore.

7 Esercizio con le note basse Se le note alte sono un problema, non significa che quelle basse non lo siano: cantare per lunghi periodi in una tonalità bassa, se non si ha una predisposizione naturale, significa andare in contro a stonature ed imperfezioni. Parallelamente alle note alte, esercitiamoci anche con quelle basse, frequenti ad esempio nei canti corali.

8 Esercizio con la U francese I suoni del canto sono gli stessi del parlato: ampliamo il nostro repertorio fonetico prendendo in prestito suoni da altre lingue poco presenti, se non addirittura assenti, nella nostra. Un esempio? Esercitiamoci con la "u" francese, suono all'apparenza facile ma difficile da emettere bene.

9 Esercizio con alternanza vocalica Un buon cantante deve riuscire a passare senza problemi da una nota all'altra: per esercitarci, possiamo canticchiare alternatamente le due vocali I ed O. La I è infatti simile per emissione alle note alte; la O, poiché mantiene la gola in parte chiusa, è paragonabile alle note basse.

10 Esercizio con il naso Una voce nasale è in genere vista come un difetto, eppure molti cantanti hanno fatto di questa caratteristica il loro successo. Utilizzare bene il naso significa avere una maggiore capacità respiratoria e una più ampia cassa di risonanza: esercitiamoci a parlare o cantare utilizzando l'aria proveniente dal solo naso, affiancandola poi a quella inspirata per mezzo della bocca.

Canto: come eseguire il riscaldamento vocale Chi è nel mondo della musica sia come speaker che come ... continua » 5 esercizi per un tenore Il tenore in ambito musicale è la più alta delle voci ... continua » 5 esercizi per intonare la voce per cantare Il canto è una vera e propria passione, ma non è ... continua » 10 consigli per riscaldare la voce prima di cantare Ecco 10 consigli per riscaldare la voce prima di cantare. Riscaldare ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

La respirazione nel canto

Chi ha una voce bella deve poterla sfruttare al meglio e per far questo, è necessario studiare canto ed imparare ad utilizzarla a dovere. Anche ... continua »

I registri vocali

La voce umana è il suono prodotto dalla vibrazione delle corde vocali nella laringe. Questi organi, che variano da persona a persona, si aprono e ... continua »

La respirazione nel canto lirico

Il canto è una delle forme espressive più belle ed istintive dell’uomo, utilizzato sin dagli albori della storia umana come strumento universale di comunicazione ... continua »

Tecniche di canto moderno

Molto spesso quando facciamo la doccia, in modo del tutto naturale iniziamo a canticchiare uno dei nostri motivi preferiti. Ma lo facciamo anche in molte ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.