5 esercizi per un tenore

di Federico Maruotti tramite: O2O

Il tenore in ambito musicale è la più alta delle voci maschili all'interno di un orchestra. Nei primi due secoli della storia del melodramma italiano non ebbe il ruolo di protagonista, a vantaggio soprattutto delle voci femminili. La prima opera che sancì l'ascesa del tenore sul panorama musicale italiano fù il Guglielmo Tell nel 1829. Da quella data in poi, questa figura crebbe sempre di più in importanza nel mondo musicale e fiorirono molti artisti di rilievo fra cui, per quanto riguarda l'Italia il compianto Luciano Pavarotti. Se si vuole intraprendere questa bellissima carriera, oltre ad avere delle doti innate occorrono anche molto esercizio e tecnica. Vediamo allora 5 esercizi fondamentali che deve assolutamente conoscere e praticare un tenore.

1 Tenere una postura corretta Tenere una postura corretta è un elemento fondamentale per esercitarsi a cantare nel modo migliore. I più inesperti potrebbero pensare infatti che il cantare sia opera esclusiva delle corde vocali ma non è così. Quando emettiamo dei suoni invece, tutto il corpo partecipa all'emissione della voce, quindi per cantar bene dobbiamo predisporre tutto l'organismo nel modo più corretto possibile. I più grandi maestri di musica a tale scopo consigliano di cantare in posizione eretta e con le gambe leggermente divaricate, tenendo i piedi un po' divergenti. L'intero organismo poi deve essere il più rilassato possibile al fine vibrare assieme alle corde vocali nel momento dell'emissione della voce.

2 Controllare la respirazione Per quanto riguarda la respirazione, anche quì i meno esperti potrebbero trovare delle sorprese. In condizioni normali infatti tutti noi tendiamo a respirare con il naso e ad espirare con la bocca. Nel canto invece, oltre a preoccuparci di inspirare il giusto quantitativo di aria nei polmoni, in base a quanto fiato ci servirà per emettere le parole da cui è composta la battuta da cantare, dobbiamo anche imparare a respirare con il diaframma. Questo ci consentirà di trattenere più aria all'interno del nostro organismo, in modo da poter cantare anche le battute più lunghe. Per avere un'idea di cosa sia il diaframma e di come poter respirare con esso, possiamo immaginare come una linea retta orizzontale posta all'altezza della metà dello stomaco, all'interno della quale l'aria, immagazzinata attraverso l'inspirazione, viene accumulata, trattenuta e poi rilasciata lentamente durante l'emissione della voce.

Continua la lettura

3 Riscaldare la voce Il riscaldamento vocale non riguarda solo le corde vocali ma comprende tutto l'organismo ed in media richiede un tempo di circa 20 minuti.  Per prima cosa occorre ritirarsi in un luogo tranquillo e cominciare a rilassarsi; poi viene consigliato di fare qualche esercizio di aerobica, per migliorare la circolazione ed il tono muscolare.  Approfondimento I registri vocali (clicca qui) Dopodichè si incomincia il riscaldamento vero e proprio delle corde vocali, partendo dall'emissione delle note più gravi per arrivare via via a quelle più acute.

4 Raffreddare la voce Dopo una lunga esercitazione o dopo un concerto, le corde vocali cambiano di colore a causa dell'esercizio svolto, assumendo un colore rosa invece del bianco naturale. Questa condizione è del tutto normale se permane per poco tempo, ma se dovesse rimanere per più di un ora, potrebbe diventare cronica, allora si consiglia di effettuare delle tecniche di raffreddamento vocale, come ad esempio mangiare un gelato o bere qualcosa di fresco, ma non subito, magari dopo un'ora dallo sforzo, per evitare un eccessivo sbalzo termico,.

5 Scoprire la propria estensione vocale L'estensione vocale indica il range di suoni, dal più basso al più alto, che una persona può avere. È molto importante per il tenore conoscere la propria estensione vocale, perché in base a questo dato si potrà stabilire qual è il repertorio musicale più adatto alla sua voce. Per farlo viene utilizzata una tecnica chiamata fonetografia. Da considerare comunque il fatto che le corde vocali devono essere sempre allenate, come qualsiasi altro muscolo del corpo per mantenere costantemente delle buone performance, altrimenti si corre il rischio di un abbassamento della qualità del canto.

Come cantare in una corale Molto spesso la partecipazione ad una corale rappresenta il primo passo ... continua » Canto: come eseguire il riscaldamento vocale Chi è nel mondo della musica sia come speaker che come ... continua » Esercizi per imparare a cantare Il canto è un'arte che prevede un particolare impegno e ... continua » Riscaldamento vocale Per gli appassionati del canto è necessario sapere che prima di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Tecniche di canto lirico

Per chi è appassionato di musica lirica ed ama cimentarsi in questa particolare arte del canto lirico, sa che bisogna studiare ed esercitarsi molto. Chi ... continua »

La respirazione nel canto

Chi ha una voce bella deve poterla sfruttare al meglio e per far questo, è necessario studiare canto ed imparare ad utilizzarla a dovere. Anche ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.