Appunti sul teatro elisabettiano

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si parla di età elisabettiana, si fa riferimento al periodo che va dalla seconda metà del '500 all'inizio del '600. Questi anni, per la maggior parte, sono trascorsi sotto il regno di Regina Elisabetta. In ogni caso, anche successivamente alla morte della celebre regnante, questi anni rappresentarono un momento storico che fu teatro di una crescita del nuovo Umanesimo. La riforma della religione aveva portato con sè nuove idee, priorità ed interessi, e, soprattutto, nacque un interesse per il teatro come mai prima di allora. Furono due i personaggi a cui fu riconosciuta l' influenza esercitata sul mondo del teatro: la regina Elisabetta che, ovviamente, esercitando una massima autorità, poteva esercitare cambiamenti a qualsiasi contenuto teatrale, ed il più grande drammaturgo di tutti i tempi, ossia William Shakespeare (1564-1616 d. C.). Dopo una breve illustrazione del periodo storico di riferimento, è ora di approfondire maggiormente le informazioni sul teatro elisabettiano con questi appunti.

25

Valori laici.

Il contenuti teatrali divennero molto più vari e "liberi": infatti, se fino a quel momento i temi trattati nel teatro erano solo religiosi, adesso questi stessi acquisivano un significato che procedeva sempre più verso il laico. Riferendosi a ciò, è importante ricordare che l'ostilità del mondo protestante fece sì che a poco a poco vennero abbandonati quasi del tutto i temi religiosi. Il primo dramma inglese del periodo elisabettiano fu scritto da John Bale, con il titolo "King Johan" ed in questo il Re Giovanni (XIII sec d. C.) per trasposizione riprende i connotati di Enrico VIII (padre di Elizabeth e responsabile dell'omonima riforma), nella sua volontà di separare l'Inghilterra da Roma, perché profondamente ostile alla chiesa cattolica. Nell'étà di Elisabetta, le idee di Enrico VIII furono tenute sempre in considerazione e, infatti, si misero in risalto l'Inghilterra e le sue origini nobili, in modo da allontanarla sempre più dal sistema di valori di Roma.

35

Teatri all'aperto.

Nel 1575, a Londra si elaborò un codice per gli attori, ma questa decisione non fu apprezzata dalla maggior parte degli artisti, tanto che molti decisero di ritirarsi fuori città pur di boicottarla. Questo favorì negli anni successivi la fioritura di teatri all'aperto: dal Theatre nel 1576, al Rose nel 1587, fino al Globe Theatre costruito nel 1599. La pianta dei teatri elisabettiani era rotonda oppure ottagonale, ed avevano una capienza di 2500 persone che si distribuivano a seconda della classe sociale ed economica cui appartenevano. I costumi di scena specie nelle opere di Shakespeare, erano molto elaborati e generosi, ed erano utilizzati trucchi scenici per simulare effetti speciali durante le rappresentazioni teatrali.

Continua la lettura
45

Teatri al coperto.

Verso la fine del '500, nacquero così i teatri al coperto, dotati di un sistema di illuminazione a candele e dotati di trucchi scenici per simulare effetti speciali da adoperare durante le rappresentazioni. Questi teatri erano molto più piccoli di quelli all'aperto, infatti, non avendo molti posti disponibili, erano riservati a coloro i quali facevano parte di un'elevata classe sociale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

Guida ai teatri di Napoli

Napoli è una città che ha un patrimonio storico, artistico e culturale enorme, conosciuto ed ammirato in tutto il mondo; motivo per cui sono sempre numerosi i turisti provenienti da tutto il mondo ogni anno che accorrono nel capoluogo campano. Per quanto...
Recitazione

William Shakespeare: vita e opere

Figura circondata da uno dei misteri più fitti della storia della letteratura, William Shakespeare è uno degli scrittori (e drammaturghi) più influenti e più citati del mondo. Ci sono illustri critici letterari che non hanno dubbi quando dicono che...
Recitazione

I teatri più famosi d'Italia

I teatri sono dei particolarissimi edifici, all'interno dei quali vengono messe in scena delle rappresentazioni teatrali di prose ed altri tipi di spettacoli che riguardano varie forme artistiche come la danza, la musica, la poesia, ecc.Tuttavia anche...
Recitazione

I migliori teatri di Roma

I migliori teatri di Roma non solo rappresentano un fiore all'occhiello per la capitale, ma significano anche una presa di posizione netta nei confronti di una società che è intrappolata in modo sempre più statico nei confronti della cultura. Fortunatamente,...
Recitazione

Differenze tra teatro greco e romano

L'origine del teatro occidentale, come lo conosciamo è senza alcun dubbio riferibile alle forme drammatiche sorte nell'antica Grecia, così come sono di derivazione greca le parole teatro, scena, tragedia, dramma, coro e dialogo. Gli Ateniesi svilupparono...
Recitazione

Guida al teatro pirandelliano

Quando si parla di Luigi Pirandello ci si riferisce non solo alla sua attività di scrittore ma anche al suo impegno nei confronti dell'arte drammatica. In merito al teatro Pirandelliano dunque ci si rifà ad una serie di fasi le quali raggruppano sia...
Letteratura

Guida a La Tempesta di Shakespeare

La Tempesta, commedia in cinque atti di William Shakespeare, è la penultima opera del drammaturgo inglese e contiene molti aspetti fondamentali del suo teatro. L'apparente semplicità della trama non deve infatti ingannare il lettore: se si analizza...
Recitazione

Le migliori Accademie di Teatro in Italia

Per diventare un buon attore, non è sufficiente fare solo televisione e cimentarsi in soap opere, film e fiction ma occorre seguire dei veri corsi di recitazione, andando in una scuola di teatro. Oggi grazie alla facoltà presente all'università "DAMS",...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.