Arte nella Civiltà Egizia

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nei libri di storia quando si parla della Civiltà Egizia non si può non trattare argomentazioni che riguardano le loro costruzioni e pitture. D'altra parte sono proprio quelle che oggi ci hanno fornito tutte le informazioni necessarie per comprendere la loro storia, i loro avvenimenti. In questa guida parleremo infatti dell'arte egizia, fornendo qualche appunto di ciò che era la loro civiltà.

24

Ma per quanti monumenti, statue, vasi e pitture siano ancora visibili ed in ottime condizioni, ben pochi nomi di chi ha contribuito con il proprio lavoro a creare queste meraviglie ci sono stati tramandati, perché non c'era l'usanza di firmare le proprie opere. Forse uno dei pochi e più noto è quello dell'architetto Imhotep, che ha costruito la piramide a gradoni presente nella necropoli di Saqqara e appartenuta al re Zoser, primo faraone della terza dinastia che ha dato inizio l'Antico Regno. Una civiltà che è nata oltre tremila anni prima di Cristo e che in questo lunghissimo periodo di tempo ha vissuto scarsi cambiamenti nel modo di costruire o di dipingere. Forse questa mancanza è stata causata dalla distanza che questo popolo aveva culturalmente e territorialmente rispetto alle altre dinastie presenti nel mondo dell'epoca. Oppure perché essendo l'arte strettamente connessa con la religione ben poco era possibile lasciare all'improvvisazione di qualche artista che oggi potremmo definire "avanguardista".

34

Le figure umane venivano dipinte sempre di lato, il pigmento usato era sempre inserito all'interno di un contorno ben delimitato. Per ottenere il marrone poteva essere usata della terra macinata con l'aggiunta di albume, per il verde si usavano dei sali di rame e altro ancora. Il Libro dei Morti è un antico testo sacro egizio ricco di formule magiche che servivano ad accompagnare il defunto nell'aldilà. In principio le scene che ne facevano parte erano dipinte direttamente sui muri della tomba, poi passarono ad ornare il sarcofago ed infine furono trasmesse su rotoli di papiro.

Continua la lettura
44

Per non parlare delle grandi opere scultoree: ad oggi si ritrovano moltissime statue risalenti all'antico Egitto. In queste venivano rappresentati i faraoni, o comunque chi regnava tra le varie successioni, disposti a dorso nudo e con copricapo. Le loro erano posizioni autoritarie che trasmettevano la loro storia e importanza fino ai giorni nostri. Non mancano neanche le statue delle divinità, di cui l'antico Egitto ne era sommerso, come anche le statue di gatti, che infatti se ne trovavano molte, perché considerati i guardiani dell'oltretomba.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Come e perché visitare il museo egizio di Torino

I Musei sono un ottimo luogo dove passare un fine settimana, alla scoperta e ricerca di nuove cose da sapere, esperienze da fare, dove aumentare la propria cultura. Ogni città che si rispetti possiede almeno uno o due museo piuttosto prestigiosi, all'interno...
Mostre e Musei

Le mostre archeologiche più belle d'Italia

Le mostre archeologiche prevedono degli itinerari che portano indietro nel tempo per rivivere la storia di quei luoghi che hanno testimoniato la nascita della cultura tradizionale. Visitare gli itinerari archeologici non è solo sintomo di desiderio di...
Mostre e Musei

Guida al British Museum

Il British Museum è senza dubbio uno dei musei storici più famosi e grandi in Europa ma anche nel mondo. Nasce per volere di Sir Hans Sloane, interessato a diversi ambiti, era medico, scienziato e collezionista. Inizialmente nel 1753 (anno di inaugurazione)...
Mostre e Musei

I musei più belli d'Italia

Nonostante tutte le sue contraddizioni e i suoi difetti, non esiste un paese al mondo più bello dell'Italia. E questo non sono solo gli Italiani a pensarlo, ma tutto il mondo a riconoscerlo: il patrimonio artistico-culturale dell'Italia è unico nell'intero...
Mostre e Musei

Guida al Museo Egizio

Il Museo Egizio di Torino è il secondo al mondo per importanza e ricchezza di reperti custoditi, subito dopo quello de Il Cairo, e davanti al British Museum di Londra. Il Museo Egizio si trova all'interno di un elegante palazzo ubicato al centro...
Arti Visive

Come realizzare un quadro in stile egiziano

Se si vuole creare una specie di opera d'arte, che rimandi un richiamo al passato e all'antico Egitto, ecco l'articolo giusto su come realizzare un quadro in stile egiziano. Solitamente, è piuttosto difficile riuscire ad ammirare dal vivo opere egiziane...
Mostre e Musei

Guida al Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio di Torino è uno dei poli museali più noti ed apprezzati in Italia. Situato nel cuore del capoluogo piemontese, ad oggi è secondo solo al Museo del Cairo per valore e quantità di reperti ospitati. In questa breve guida al Museo Egizio...
Arti Visive

Arte nella Civiltà Mesopotamica

Con arte mesopotamica si intende l'arte sviluppatasi in Mesopotamia nel IV millennio a. C, quando l'unificazione era un intento ma ancora un miraggio. Una regione del Vicino Oriente, invasa da ogni sorta di popolo e situata nella mezzaluna fertile, ossia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.