Arte nella Civiltà Egizia

di Francesco Cutropia tramite: O2O difficoltà: media

Nei libri di storia quando si parla della Civiltà Egizia non si può non trattare argomentazioni che riguardano le loro costruzioni e pitture. D'altra parte sono proprio quelle che oggi ci hanno fornito tutte le informazioni necessarie per comprendere la loro storia, i loro avvenimenti. In questa guida parleremo infatti dell'arte egizia, fornendo qualche appunto di ciò che era la loro civiltà.

1 Ma per quanti monumenti, statue, vasi e pitture siano ancora visibili ed in ottime condizioni, ben pochi nomi di chi ha contribuito con il proprio lavoro a creare queste meraviglie ci sono stati tramandati, perché non c'era l'usanza di firmare le proprie opere. Forse uno dei pochi e più noto è quello dell'architetto Imhotep, che ha costruito la piramide a gradoni presente nella necropoli di Saqqara e appartenuta al re Zoser, primo faraone della terza dinastia che ha dato inizio l'Antico Regno. Una civiltà che è nata oltre tremila anni prima di Cristo e che in questo lunghissimo periodo di tempo ha vissuto scarsi cambiamenti nel modo di costruire o di dipingere. Forse questa mancanza è stata causata dalla distanza che questo popolo aveva culturalmente e territorialmente rispetto alle altre dinastie presenti nel mondo dell'epoca. Oppure perché essendo l'arte strettamente connessa con la religione ben poco era possibile lasciare all'improvvisazione di qualche artista che oggi potremmo definire "avanguardista".

2 Le figure umane venivano dipinte sempre di lato, il pigmento usato era sempre inserito all'interno di un contorno ben delimitato. Per ottenere il marrone poteva essere usata della terra macinata con l'aggiunta di albume, per il verde si usavano dei sali di rame e altro ancora. Il Libro dei Morti è un antico testo sacro egizio ricco di formule magiche che servivano ad accompagnare il defunto nell'aldilà. In principio le scene che ne facevano parte erano dipinte direttamente sui muri della tomba, poi passarono ad ornare il sarcofago ed infine furono trasmesse su rotoli di papiro.

Continua la lettura

3 Per non parlare delle grandi opere scultoree: ad oggi si ritrovano moltissime statue risalenti all'antico Egitto.  In queste venivano rappresentati i faraoni, o comunque chi regnava tra le varie successioni, disposti a dorso nudo e con copricapo.  Approfondimento L'arte egizia: gli stili (clicca qui) Le loro erano posizioni autoritarie che trasmettevano la loro storia e importanza fino ai giorni nostri.  Non mancano neanche le statue delle divinità, di cui l'antico Egitto ne era sommerso, come anche le statue di gatti, che infatti se ne trovavano molte, perché considerati i guardiani dell'oltretomba.

Guida al Museo Egizio di Torino Il Museo Egizio di Torino è uno dei poli museali più ... continua » Come realizzare un quadro in stile egiziano Se si vuole creare una specie di opera d'arte, che ... continua » Le mostre archeologiche più belle d'Italia Le mostre archeologiche prevedono degli itinerari che portano indietro nel tempo ... continua » I musei più belli d'Italia Nonostante tutte le sue contraddizioni e i suoi difetti, non esiste ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Guida al Museo Egizio

Il Museo Egizio di Torino è il secondo al mondo per importanza e ricchezza di reperti custoditi, subito dopo quello de Il Cairo, e davanti ... continua »

L'arte degli Assiri

Gli Assiri erano una popolazione nomade proveniente dalla valle del Tigri, in Mesopotamia, sin dall’epoca sumera. Verso il 1100 a. C. fondarono il loro ... continua »

L'Architettura egiziana

L'Egitto ha visto sorgere una delle civiltà più antiche e geniali. L'affascinante attività creativa degli egizi, non solo dal punto di vista della ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.