Biografia di Maria Callas

di Domenica Magno tramite: O2O difficoltà: media

,Biografia di Maria Callas nota al pubblico come Maria Callas, è nata a New York nel 1923 ed è stata il più grande soprano che la storia del bel canto abbia conosciuto, meritatamente soprannominata "la diva" o "la divina" grazie alla sua voce potente (il suo registro si estendeva dal sol diesis al mi bemolle), e ad una tecnica impeccabile. Il suo principale merito è stato quello di aver studiato in maniera approfondita il bel canto della tradizione romantica italiana (Donizetti, Rossini, Puccini), e di aver interpretato questo repertorio senza ricorrere ad alcun adattamento che ne facilitasse l'esecuzione. La sua biografia, sebbene ricca di successi e riconoscimenti, narra anche la storia di una vita purtroppo costellata di delusioni d'amore e sofferenze, così come fatalmente accadeva a tanti personaggi drammatici da lei interpretati sul palcoscenico.

1 La sua infanzia negli Stati Uniti non è stata semplice, i suoi genitori, due greci emigrati a New York, dopo la prematura morte del loro figlio Vasily, desideravano un altro maschio, ma giunse lei: inizialmente i genitori non volevano neppure vederla. Tuttavia lei crebbe serenamente e, nel 1931, iniziò a prendere lezioni di canto dimostrando già da subito grandi doti naturali. Nel 1937, dopo la separazione dei genitori, tornò in Grecia con la madre e, ammessa al Conservatorio di Atene, si diplomò in canto, pianoforte e lingue.

2 Tornata a New York, assunse il cognome di Callas, un po' per lasciarsi alle spalle il pesante cognome greco, vista la situazione della sua nazione durante la seconda guerra mondiale, un po' per ritrovare suo padre. Le esperienze dei due anni successivi furono però deludenti: ottenne un'audizione al Metropolitan Theatre di New York per "Madama Butterfly" e "Fidelio", entrambi ruoli che non le si confacevano e che non accettò. Le fu proposto poi di cantare "Turandot" a Chicago ma l'agente teatrale che l'aveva contattata, Eddie Bagarozy, si rivelò un truffatore. Nel 1947, anche seguendo il consiglio della sua insegnante di canto in Grecia, la Callas si trasferì in Italia. I suoi primi ruoli furono ne "La Gioconda" all'Arena di Verona e per "Tristano e Isotta", per questo ruolo il direttore Tullio Serafini la aiutò a migliorare il suo italiano. Ottenne critiche favorevoli ma ancora non era riuscita ad imporsi nel panorama musicale: per fortuna l'incontro con Giovan Battista Meneghini, suo futuro marito, le sarà di grande aiuto poiché, giovane e priva di mezzi, la Callas non avrebbe potuto provvedere da sola al proprio mantenimento.

Continua la lettura

3 Tra il 1948 e il 1951, anno in cui la cantante debuttò al Teatro la Scala di Milano, Maria Callas fece molta gavetta e pian piano la voce circa le sue grandissime doti iniziò a diffondersi.  Tornò ad interpretare la "Norma" di Bellini ma, spesso nelle sue collaborazioni con il direttore Severini, venne scelta per ruoli wagneriani che non le erano molto congeniali, "Valchiria", "Parsifal", "Tristano e Isotta".  Approfondimento L'opera lirica di Verdi (clicca qui) La sua consacrazione avvenne per puro caso, trovandosi a sostituire al Teatro "La Fenice" di Venezia il soprano Margherita Carosio nel ruolo di Elvira ne "I Puritani", diretta da Serafini, ottenendo un successo memorabile tanto che nel 1949 (anno in cui sposò Meneghini, che divenne il suo agente), l'etichetta Fonit-Cetra decise di incidere le arie più importanti de "I Puritani" e della "Norma".

4 Alla Scala Maria Callas è Euridice, Violetta de "La Traviata", Elena ne "I vespri siciliani", Lady Macbeth, Lucia di Lammermoor, Fedora, Anna Bolena e decine di altri personaggi interpretati non solo nel grande teatro milanese ma in giro per il mondo, affermandosi come prima donna indiscussa dell'opera, cantante volitiva e passionale, dalla capacità di fraseggio unica, nonché eccezionale attrice.

5 Nel 1957 Maria Callas conobbe Aristotele Onassis, armatore greco, il loro incontro segnò la rottura del matrimonio tra la cantante e suo marito. Gli anni d'amore tra la Callas e Onassis furono immortalati dalla stampa e sempre oggetto di pettegolezzi ed è pur vero che furono anni di lusso e sregolatezze nei quali la stampa era onnipresente. Dopo il 1964 la voce della cantante iniziò ad incrinarsi, dapprima accusò alcune afonie nell'esecuzione di alcune note, poi alcune interpretazioni poco convincenti, il tutto condito da aspre critiche di stampa e pubblico che inficiarono sulla sua serenità professionale e personale. Un durissimo colpo fu poi l'abbandono di Onassis che lei sperava di sposare. Egli la lasciò per sposare Jaqueline Kennedy, vedova del defunto presidente americano. L'eco mediatica fu enorme e Maria Callas non solo subì questa pubblica umiliazione ma entrò in un periodo di forte depressione, vedendo il suo mondo crollare. Dopo aver interpretato Medea nell'omonimo film di Pier Paolo Pasolini e prodotto da Renzo Rossellini ed essere andata per un anno in tour in Giappone con Giuseppe Di Stefano, nel 1974 la cantante si ritirò dalle scene, forse perché invaghitasi di Di Stefano: subì un'ulteriore delusione d'amore.

6 Anche nella solitudine di Parigi però non fu mai tranquilla, poiché la raggiunsero delle notizie molto tristi sul piano personale ed artistico: la morte di Onassis e di Visconti, suo carissimo amico, e l'assassinio di Pier Paolo Pasolini. Morì da sola, se si esclude la sua governante, nel 1977, la causa della morte fu arresto cardiaco ma molti accusarono l'eccessivo dimagrimento e il forte stress lavorativo cui si era sottoposta come concause. I suoi averi sono andati all'asta e le sue ceneri sparse nel mar Egeo, di lei non restano che le incisioni fatte negli anni e le splendide fotografie di scena, uniche testimonianze di un'artista che ha saputo mettere a frutto le sue doti naturali e ottenere, attraverso uno studio metodico e ad una grande determinazione, delle vocalità e delle interpretazioni assolutamente inimitabili e indimenticabili.

Come diventare cantante lirico La lirica è una variante della musica classica, concentrata sul canto ... continua » Raffaele Paganini: biografia Uno dei grandi protagonisti del mondo della danza italiana e non ... continua » Appunti di letteratura tedesca La letteratura è l'insieme di tutte le opere scritte in ... continua » Italo Calvino: biografia e opere Italo Calvino fu uno dei più importanti scrittori che appartenevano alla ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I registri vocali

La voce umana è il suono prodotto dalla vibrazione delle corde vocali nella laringe. Questi organi, che variano da persona a persona, si aprono e ... continua »

Biografia e opere di Dante

Dante Alighieri è il poeta italiano, appartenente al periodo medievale, più conosciuto a livello mondiale. Considerato da tutti il padre della lingua italiana, deve la ... continua »

Guida ai teatri di Napoli

La storia del teatro napoletano è fatta di attrici mitiche, si pensi a Titina De Filippo, a autori e compagnie leggendarie come quella di Eduardo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.