Breve guida sull'arte cubista

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

l'arte cubista è nata e si è sviluppata a Parigi tra il 1908 e il 1914, in seguito alla ricerca di un nuovo linguaggio pittorico da parte di Picasso e Braque, i quali tagliarono in modo netto ogni rapporto con la precedente art nouveau. Possiamo distinguere le ricerche di Picasso e Braque in due periodi principali: quello del Cubismo analitico, che va dal 1909 al 19012 e quello del Cubismo sintetico, che va dal 1912 al 1914. Con i passaggi seguenti di quest breve guida sull'arte cubista andremo a vedere quelli che sono gli elementi caratterizzanti di questo movimento.

25

Rappresentare gli oggetti

Cominciamo subito col dire che nel primo periodo, lo spazio pittorico e i soggetti rappresentati sono scomposti analiticamente nei loro piani prospettici, i quali vengono rappresentati tutti contemporaneamente sulla tela. Nel secondo periodo la realtà viene sintetizzata nell'immagine, ossia le forme rappresentate non sono copia del reale, ma si parte da semplici forme geometriche variamente atteggiate, che solo in un secondo momento suggeriscono l'idea e la rappresentazione di oggetti reali. Esempi del cubismo analitico sono Brocca e violino di Braque e Ritratto di Daniel-Henry Kahnweiler di Picasso. Esempio del cubismo sintetico è Fruttiera e bicchiere di Braque.

35

Conoscere gli artisti

Picasso e Braque fecero conoscere le loro opere solo ad un pubblico piuttosto ristretto. Il fattore che fece conoscere il movimento cubista al pubblico fu l'esposizione al Salon des Indépendants del 1911 delle opere di alcuni giovani artisti che si rifacevano alle opere di Picasso e Braque, ossia Delauney, Léger, Le Fauconnier, Gleizes e Metzinger. Da allora si diffuse la denominazione di arte cubista. Il movimento si diffuse rapidamente, con l'adesione di artisti quali Marcel Duchamp e Juan Gris, raggiungendo una diffusione su scala continentale, con opere diverse, ma tutte caratterizzate dai punti cardine di questo movimento..

Continua la lettura
45

Conoscere le opere

La nascita del Cubismo si può identificare con la realizzazione, nel 1907, del capolavoro di Picasso Les demoiselles d'Avignon. Si tratta di un dipinto di grandi dimensioni, che raffigura un gruppo di donne nude all'interno di un bordello (l'Avignon menzionato nel titolo, infatti, non è altro che una strada di Barcellona celebre per la prostituzione). Il quadro, che inizialmente venne mostrato ed esposto solamente ad una cerchia ristretta di artisti amici di Picasso, destò subito grande sconcerto per il suo linguaggio innovativo. Le figure, infatti, non sono rappresentate così come vengono viste da un unico punto di vista prospettico, ma sono de-costruite nei loro piani plastici in base alla conoscenza che di esse ha l'artista. Nel 1908, avvenne l'incontro tra Picasso e Braque, che diede avvio ad una lunga collaborazione artistica, interrotta solo nel 1914 a causa dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. Da questo momento, anche Braque realizzò dei dipinti in cui il soggetto rappresentato è de-costruito nei sui vari piani prospettici come il Grande nudo, del 1908.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida alle opere di Pablo Picasso

Le opere di Pablo Picasso costituiscono, nel loro insieme, un vasto e complesso universo pittorico. Lo scopo principale di questa facile guida è quello tracciare un semplice sentiero che possa aiutare il lettore a decifrare i vari periodi nei quali il...
Arti Visive

Cubismo in breve

Il Cubismo consiste in un movimento artistico, letterario e musicale, nato intorno al 1906. In questo tipo di corrente, i migliori esponenti tendevano a confrontarsi tra di loro. Dalle esperienze comuni di Pablo Picasso (1881-1973) e di Georges Braque...
Arti Visive

Pablo Picasso: vita e opere

Pablo Picasso è stato uno dei pittori più significativi del Novecento, è la sue opere sono universalmente riconosciute. Fu un artista mutevole e attraversò molti stili, la sua vita fu lunga ed avventurosa. Il suo nome è legato in particolar modo...
Arti Visive

Come riconoscere un quadro di Picasso

Picasso è uno dei pittori più famosi del mondo. Ogni sua opera è carica di significato e tecnica per un connubio davvero unico. Un quadro di Picasso, però, non va solo visto così di sfuggita ma osservato con cura e attenzione in quanto non rispecchiano...
Arti Visive

Le principali caratteristiche delle opere di Picasso

Pablo Picasso, pittore, scultore, litografo e, come lui stesso amava definirsi, "anche un poeta", è spesso preceduto dalla sua stessa fama. Il suo straordinario ed indiscutibile genio pittorico è iconizzato nel brand del tuo nome. Proprio come una pop...
Mostre e Musei

Guida al Museum Berggruen

Berlino è sicuramente una delle capitali europee più artistiche e culturali, in quanto ospitano il maggior numero di musei. Uno dei fiori all'occhiello della città, anche se poco conosciuto, è senz'altro il Berggruen Museum. Dal 1996 il museo si trova...
Arti Visive

Breve guida sull'arte espressionista

L'espressionismo è il movimento che diede origine a quel tumulto di stravolgimenti artistici e culturali - le cosiddette Avanguardie - che caratterizzarono l'Europa all'inizio del '900. Il movimento espressionista nacque in contrapposizione all'arte...
Arti Visive

"Guernica" di Picasso

La Guernica, di Piacasso, è una delle opere più importanti del famoso cubista spagnolo. L'opera è il frutto della disperazione e della rabbia che l'artista stava provando in quegli anni. Siamo infatti nel pieno della sanguinosa guerra civile della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.