Breve guida sull'arte moderna

di Alex Pinturicchio tramite: O2O difficoltà: media

Vi intendete di arte? Vi piace o vorreste approfondirla? Allora vi proponiamo questa breve guida sull'arte moderna, così da potervi cimentare poi in qualche approfondimento che più vi piace.
L'arte moderna inizia nella seconda metà XIX secolo e, più precisamente, nel 1860.
Quando si parla di arte moderna ci si riferisce ad uno stile e una concezione dell'arte tipici di quell'epoca dove gli artisti rifiutavano il passato e si aprirono definitivamente alla sperimentazione di nuove forme visive.
Continuiamo, adesso, nei particolari.

Assicurati di avere a portata di mano: Leggere molto

1 Impressionismo Tra i primi movimenti dell'arte moderna troviamo l'impressionismo.
Qui gli artisti mirano a rappresentare la percezione della realtà e nell'architettura, già nella seconda metà dell'Ottocento, troviamo quella definita del ferro con ponti, mercati, gallerie, ferrovie, padiglioni espositivi che hanno il compito di arricchire il paesaggio urbanto e connotano i territori.
L'impressionismo, i cui artisti si presentarono per la prima volta al pubblico nel 1874 e nello stesso anno, nello studio del fotografo Nadar, si aprì un'esposizione alla quale parteciparono illustri nomi come Monet, Renoir Pissarro, Dega, Cézanne, Sisley, Morisot.
Fu organizzata da loro pittori per farsi conoscere ed affermare il loro nuovo modo di concepire la pittura.
Purtroppo però non raccolsero molti frutti ed i quadri venduti, ben poco.
Gli impressionisti erano però tenaci e caparbi: si dedicarono allo studio dei rapporti tra i colori, affrontarono il problema della percezione e si proposero di rendere l'impressione della realtà rappresentando la vita moderna, rinnovando l'immagine della città e ponendo a base questi paesaggi come tema ricorrente dell'impressionismo.
Le strade di Parigi, i caffè, i teatri, i giardini diventarono oggetto dell'attenzione dei pittori che non esitarono a dipingere dal vivo, en plein air, con una tecnica molto rapida che permetteva di completare l'opera in poche ore. Avevano lo scopo di cogliere l'impressione, di rappresentare sulla propria tela il paesaggio, imprimendo le loro percezioni e le loro sensazioni che variavano a seconda della luce, l'ora del giorno, la stagione, la trasparenza dell'aria.

2 Pittura accademica Un'altra forma di arte moderna è considerata la cosiddetta pittura accademica.
Ritenuta ancora tradizionale, si sviluppò in tutta Europa.
Le opere degli artisti suoi seguaci rappresentavano per lo più figure e esoccetti basati su convenzioni già conosciute, su canoni del gusto generale conquistando così molto pubblico.
I temi ritratti erano vari e raffiguravano momenti storici, mitologici o allegorici con una tecnica sapiente, chiaroscuri modulati, attente ricostruzioni degli abiti dei personaggi e degli oggetti che li circondavano.

Continua la lettura

3 Salon des refuses Il Salon des refusés
Nel 1863, ben quattromila opere furono rifiutate dalla giuria che selezionava i dipinti che dovevano essere esposti al Salon di Parigi.  Approfondimento Breve guida sull'arte realista (clicca qui) Il verdetto naturalmente non fu ben accetto da tanti artisti come Courbet e Manet che, indignati, presentarono una petizione al ministro delle Belle Arti
L'imperatore Napoleone, saputo dell'accaduto e delle numerose istanze dei pittori esclusi, decise di aprire un salone che doveva ospitare le opere degli artisti rifiutati, ecco così il nome del famigerato Salon des refusés. 
Tra le tele esposte in questo salone, si annovera La colazione sull'erba di Manet che insieme alle opere di Courbet e di Whistler, suscitò un grande scandalo.  Nonostante tutto però, il salone si rivelò essere un'importantissima opportunità per gli artisti non accademici che riuscirono ad esporre le loro opere, ottenendo una riorganizzazione dell'accademia delle Belle Arti.

4 Macchiaioli Si ricorda, poi, il movimento dei Macchiaioli
Ebbe notevole rilievo ed in Italia si sviluppò a Firenze, nel 1856.
I Macchiaioli si riunivano al Caffè Michelangelo e lì dipingevano per macchie, per colori, per toni, in modo da ottenere degli effetti meravigliosi.
La differenza con gli Impressionisti, però, che utilizzavano pennellate veloci per rendere la mutevolezza della luce e la fugacità della visione, fece dei Macchiaioli dei semplificatori della visione tradizionale donando consistenza e peso alle cose.
La pittura era sintetica ma molto significativa ed il movimento annoverò numerosi artisti che ne rimasero entusiasti.

5 Tradizione giapponese Infine, nel 1853, il Giappone vedendosi costretto a firmare trattati commerciali, riuscì a divulgare ed a far conoscere i suoi prodotti in esposizioni internazionali.
Fu così che in Francia, pittori come Manet, collezionavano stampe giapponesi, dipingevano ventagli ed i loro compagni e coniugi veniva ritratti con costumi orienali.
Per gli impressionisti, l'arte giapponese contribuì allo sviluppo delle loro idee compositive e formali, da quei lavori trassero l'angolazione originale non convenzionale, l'assenza della prospettiva, l'uso di dipingere figure su bordo tela, come se fuggissero, l'uso libero delle macchie di colore.
Anche Van Gogh, Gaugain, Toulouse- Lautrec amarono le stampe giapponesi, che analizzarono con passione e da cui ricavarono la sinteticità del tratto e l'impianto essenziale della composizione.

Non dimenticare mai: Si possono approfondire i movimenti dell'arte moderna digitando i vari nomi nella ricerca Google

Le caratteristiche principali dell'impressionismo Quando si sente parlare di Impressionismo si sta facendo riferimento ad ... continua » Impressionismo: contesto storico e culturale L'Impressionismo è un movimento artistico nato nella capitale francese alla ... continua » L' impressionismo di Edouard Manet Il principale esponente del movimento impressionista fu sicuramente Edouard Manet (1832-1883 ... continua » Giuseppe De Nittis: biografia e opere All'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazione della biografia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Guida al Museo Guggenheim

In questo articolo vogliamo parlare di un argomento molto utile ed anche bello da conoscere. Stiamo parlando di una guida completa al museo Guggenheim, per ... continua »

Pittori impressionisti francesi

In questo tutorial andremo a scoprire i pittori Impressionisti francesi. Il movimento dell'Impressionismo nasce nella seconda metà dell'Ottocento, proprio in Francia. Questi pittori ... continua »

Espressionismo in breve

L' espressionismo è un movimento artistico che basa il suo operato su contenuti sociali e sensazioni legate alla drammaticità degli eventi. È un movimento a ... continua »

Espressionismo in breve

L' espressionismo è un movimento artistico che basa il suo operato su contenuti sociali e sensazioni legate alla drammaticità degli eventi. È un movimento a ... continua »

Breve guida sull'arte islamica

Quando si parla di arte naturalmente si intende ogni forma proveniente dall'estro di una persona definita artista. Non necessariamente deve avere a che fare ... continua »

Guida all'arte del Vasari

Giorgio Vasari è stato uno dei più importanti pittori e architetti del tardo manierismo toscano. Conosciuto anche come storico dell'arte, la sua carriera subì ... continua »

Guida all'arte del Vasari

Giorgio Vasari è stato uno dei più importanti pittori e architetti del tardo manierismo toscano. Conosciuto anche come storico dell'arte, la sua carriera subì ... continua »

Arte: Puntinismo

In questa guida ci occuperemo di un argomento molto interessante. La materia è arte e, nello specifico, vedremo la nascita, lo sviluppo e quali furono ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.