Breve storia della danza moderna

di Rosalia Di Giuseppe tramite: O2O difficoltà: media

Oggi grazie agli spettacoli televisi possiamo ammirare degli show incentrati sulla danza, sia moderna che classica. Naturalmente la danza classica rappresenta la base di tutto, avendo una storia millenaria; ma anche la danza più moderna sembra avere delle salde ed interessanti origini. Ripercorriamo insieme allora la breve storia della danza moderna.

Assicurati di avere a portata di mano: Passione per la danza

1 L'origine della danza moderna Fin dalla seconda metà 1600 tutto ciò che si sapeva della danza era in riferimento al rigore formale e lo stile impeccabile, oltre che alla tecnica esasperata che la danza classica imponeva. Ma qualcuno, agli inizi del '900, decise di cambiare queste imposizioni formali. Due ballerini infatti cercarono di creare un nuovo stile, con l'intento di spolverare un po' la danza classica dal rigore invalicabile, stiamo parlando dell'americana Isadora Duncan (1878-1927) ed il russo Serge dè Diaghilev (1872.1929).

2 La fondatrice della danza moderna Isadora Ducan era una ballerina americana molto irrequieta, iniziò a danzare, rispettando tutte le regole dell'accademia, ma molto presto iniziò a sentirsi soffocata. Si sentiva soffocata dalla tecnica esasperata e di conseguenza, non riusciva a dare sfogo alla sua libera espressione di danza. Quindi iniziò a ribellarsi a tutti i principi stabiliti, accusando la danza accademica, di bloccare i movimenti naturali del corpo in armonia con la musica ed il ritmo.

Ben presto queste contestazioni si diffusero dagli Stati Uniti, fino a giungere anche in Europa.
Le sue idee di base erano poche, ma fondamentali, come liberare il corpo dall'elegante tutù, ballare scalzi e senza punte, senza schemi ne regole dettate dai maestri. Secondo La Duncan la danza doveva essere solo lo strumento per affermare la propria libertà.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 L'altro fondatore della danza moderna Serge de Diaghilev era un bravissimo ballerino russo ed un uomo di cultura.  Nella città di Parigi, organizzò i "Ballets Russes", offrendo un'unica ed originale sintesi, tra la danza tipica russa e tra le innovazioni introdotte, in contrasto con quelle accademiche.  Approfondimento Come ballare bene la danza moderna (clicca qui) Nel 1899 lavorò alla direzione dei Teatri Imperiali, ma ben presto il suo spirito di innovazione, lo portò ad una rottura con la direzione.  Proprio a Parigi organizzava dei balletti, affidando le coreografie a Michel Fokine, un'innovatore coreografo di quel periodo.  Tutti capirono che Diaghilev rappresentava nei suoi balletti qualcosa di innovativo, in contrasto con i balletti ufficiali di Mosca.  Dopo questi due grandi personaggi, in Europa e nel mondo, la danza moderna comincio a svilupparsi e diffondersi.

Non dimenticare mai: Conosciamo meglio anche la storia della danza classica

Breve storia della danza classica Tutti gli amanti della danza, oltre a praticarla, dovrebbero conoscerne la ... continua » Breve storia della danza classica Se siamo degli amanti della danza e oltre a praticarla siamo ... continua » Breve storia del balletto La danza è una forma d'arte che ha sempre fatto ... continua » La danza tra il Medioevo e il Rinascimento La danza è conosciuta e amata ormai in tutto il mondo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Breve storia della danza jazz

Se siamo degli amanti della danza, per riuscire ad apprezzarla e comprenderla correttamente, dovremo necessariamente conoscere la sua storia. Su internet potremo trovare tantissime guide ... continua »

La danza indiana

La Danza è una delle più antiche e piacevoli manifestazioni artistiche. I sentimenti e gli stati d'animo, attraverso di essa, prendono vita, suscitando le ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.