Come ascoltare la musica classica

di Chiara Zini tramite: O2O difficoltà: media

Ascoltare buona musica significa mettersi in contatto con una forma d’arte formidabile. Oggi la musica è sempre con noi, dovunque andiamo: radio, lettori mp3, smartphone, tablet. Qualunque brano è accessibile in un attimo collegandosi alla rete. Insomma, la musica è lì, alla portata di tutti noi. La musica classica però è sempre meno trasmessa dalle radio o dalla televisione, mentre abbonda l'offerta di generi più popolari e commerciali. Poco male, perché se il nostro obiettivo e scoprire la musica classica non ci resta che iniziare a farlo. Come? Proveremo qui di seguito a dare qualche consiglio utile a chi desidera avvicinarsi al meraviglioso mondo della musica classica.

1 Cosa si intende per musica classica È innegabile: la buona musica nutre l’anima. E la musica classica è buona musica. Ma cosa si intende per musica classica? Con l'espressione musica classica ci si riferisce alla musica colta del passato, dall'XI al XX secolo. In particolare, nel 1700 e nel 1800 imperò il genere “tonale”, inteso come sistema musicale che utilizza la tonalità e i relativi centri di attrazione tonale, in particolare il quinto grado di una scala, detto dominante, ed il primo detto “tonica”.

2 Nessuna preparazione, ma un ascolto attivo Ascoltare musica classica non necessita di particolari preparazioni teoriche o specifiche. Tuttavia è importante considerare che l’ascolto di questa musica non dovrebbe essere superficiale come avviene per molta musica commerciale, fatta per essere fruita velocemente ed altrettanto velocemente dimenticata. Non è così per la musica classica. I grandi capolavori del passato sono eterni e tutta l’umanità ricorderà sempre compositori come Mozart. Se sapremo ascoltare questa musica con trasporto e passione, avremo in cambio emozioni uniche.

Continua la lettura

3 Dove trovare la musica classica Se siamo neofiti della musica classica, possiamo avvicinarci a questo mondo senza spendere soldi.  Non dovremo comprare dischi: per iniziare ci basterà ascoltare le stazioni radio dedicate, spesso dotate di ottimi programmi che ci potranno aiutare nell’ascolto.  Approfondimento Come avvicinarsi all'ascolto della musica classica (clicca qui) Oggi poi la tecnologia ci vinene ulteriormente in soccorso: Youtube, Spotify, i canali radio sul web.  La rete è un enorme archivio di brani di musica classica gratuitamente fruibili da tutti.  Il modo migliore per un primo approccio a costo zero.  Quando poi la musica classica farà parte di noi, allora l'ideale è assistere a un concerto dal vivo: un'esperienza unica e indimenticabile.

4 L'ascolto consapevole Quando ascoltiamo la musica cerchiamo di apprezzarne anche l’aspetto “timbrico”. Una composizione orchestrale, ad esempio, utilizza differenti sonorità; riconosciamole, apprezziamo la voce suadente degli archi o quella maestosa dei fiati. Mettiamoci, in poche parole, in una sorta di ascolto “consapevole”.

La musica dodecafonica Questa guida si prefigge di delineare in modo chiaro ed esaustivo ... continua » L'importanza della musica nello sviluppo del bambino La musica ha un potere straordinario, incanta, culla, rilassa. Immaginate la ... continua » Guida ai più famosi pianisti del mondo La musica è il «luogo» artistico che mette in confronto e ... continua » Breve storia della musica leggera Il termine musica leggera si riferisce a tutta quella produzione musicale ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.