Come ballare il charleston

di Irene Romeo tramite: O2O difficoltà: media

Il Charleston prende il nome dall'omonima città della Carolina del Sud. Di derivazione jazzistica, questo ballo nasce negli anni Venti in America diffondendosi rapidamente anche in Europa. Il Charleston ha un andamento veloce. Si basa su movimenti rapidi e scomposti, come calci, salti e strisciate sul pavimento. I ballerini di Charleston esperti sembrano dei pattinatori. Ballo brioso, frizzante e divertente non richiede lezioni a pagamento. Ecco come ballare il Charleston, in pochi e semplici passaggi.

Assicurati di avere a portata di mano: Scarpe con la suola con una striscia in pelle di bufala abito a vita bassa Trucco ad hoc Fascia per la testa

1 Primo step Il Charleston è un ballo allegro e gioviale. Semplice da ballare richiede solo pochi e rapidi movimenti. Per cominciare, porta il piede destro davanti al sinistro e piega entrambe le ginocchia. Solleva il piede destro come per disegnare in aria un piccolo semicerchio. Portalo poi all'indietro e appoggialo al suolo. Fletti ora le ginocchia verso l'esterno. Contemporaneamente fai un leggero twist. La punta deve rimanere al suolo, mentre il tallone ruota verso l'esterno. Torna quindi alla posizione iniziale. Ripeti gli stessi passi con il piede sinistro.

2 Secondo step Per ballare il Charleston adeguatamente, porta il piede sinistro davanti al destro. Piega le ginocchia verso l'esterno. Divarica i piedi e porta le punte in fuori. Appoggia le mani sulle gambe e guarda in avanti. Solleva le punte e rivolgile l'una verso l'altra. Avvicina le ginocchia fin quasi a toccarsi. Sovrapponi le mani all'altezza dei polsi. Il Charleston non è difficile da ballare. Fin qui i movimenti sono rapidi e scorrevoli. Quindi, riporta le punte dei piedi in fuori, tenendo le braccia incrociate e le mani sempre sopra le ginocchia.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Terzo step Tocca la parte anteriore del piede a terra, ma non portare il tallone verso il basso.  Per ballare il Charleston appoggiati leggermente in avanti e piega poco le ginocchia.  Approfondimento Le basi di swing dance e fox trot (clicca qui) Mantieni il peso sulla punta dei piedi.  Il passo della roccia, o pausa, è un'oscillazione breve.  Il peso viene trasferito all'altro piede rapidamente prima di restituito al primo.  Quando due persone ballano il Charleston, il leader inizia con un passo indietro sul piede sinistro.  Il seguace inizia con un passo indietro sulla destra, rispecchiando il leader.

4 Quarto step Per ballare al meglio il Charleston occorrono diversi mesi. Serve coordinazione nei movimenti ed un buon allenamento dei polmoni. Danza molto energica, toglie il fiato. Tuttavia, con pochi passi, puoi eseguire una piccola coreografia. Per ballare il Charleston procurati delle calzature ad hoc. La suola deve avere una striscia di pelle di bufala, per gli scivolamenti. Occorre, poi, un abito a vita bassa, una fascia in testa e un bel trucco: un rossetto rosso fuoco!!

Non dimenticare mai: Bisogna avere costanza e buona volontà Alcuni link che potrebbero esserti utili: Charleston (ballo) Il Charleston

Come ballare il tip tap Il tip tap è un ballo molto coinvolgente e movimentato, che ... continua » Come ballare 'Bomba' Solitamente i passi di danza si spiegano visivamente, ma trattandosi di ... continua » 5 consigli per imparare a ballare la rumba La Rumba è un ballo caraibico di coppia che negli ultimi ... continua » Come ballare con chi non sa farlo La danza rappresenta come il canto, un modo per poter esprimere ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come ballare il liscio

Il liscio è un ballo di coppia nato in Emilia Romagna più di duecento anni fa, e comprende diversi stili di ballo, tra cui il ... continua »

Come ballare la mazurca

La Mazurca è un ballo di origine polacca ma conosciuto è ballato in tutto il continente europeo. Con la sua musica e il suo ritmo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.