Come ballare la quadriglia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La quadriglia è realizzata da 4 coppie di ballerini che si pongono rispettivamente l'uno di fronte all'altro o in quadrato. La sua popolarità accrebbe notevolmente durante l'epoca napoleonica, ma su successivamente pian piano messo da parte e sostituito da altre danze come la polka ed il valzer. Resta comunque indiscutibilmente un ballo della cultura popolare, che offre momenti di puro divertimento e socializzazione. In questa breve guida ne analizziamo brevemente le regole basilari e fondamentali per imparare a ballare la quadriglia.

25

Il girotondo

La figura principale, quella che detta il cambio di passo e le varie figure, viene detta "comandante", poiché conduce, appunto, l'intero ballo. Ogni cavaliere sceglie la sua dama e le coppie così formate su dispongono in tondo tenendosi sotto braccio e girando in senso antiorario come in una sorta di girotondo. La mossa subito successiva vede il formarsi di due cerchi che si incrociano.

35

Il saltello alternato

Quando il comandante dice "uomo sotto la propria dama", ogni cavaliere si disporrà alle spalle della propria dama, passando testa e spalle sotto il braccio destro della donna. In questo modo si viene a formare un grande cerchio incrociato. Solo a questo punto si potrà iniziare ad effettuare una sorta di saltello alternato, prima sul piede destro e poi su quello sinistro, mentre l'altra gamba viene alzata mimando una specie di calcio. I cerchi successivamente si invertono e si separano.

Continua la lettura
45

Il cambio dama

Al comando del banditore, si ritorna al girotondo iniziale, per cui ogni cavaliere si pone di fronte alla propria compagna dama e si prendono entrambi per la mano destra. Le donne camminano in senso orario e gli uomini in senso antiorario porgendo, a turno, la mano destra e sinistra al ballerino che si ritrovano in direzione opposta. Si scambia poi la dama e i cavalieri procedono secondo gli ordini di "spasso" e "galoppo". Vi è poi una figura sotto braccio in cui viene porto il braccio e si compie un giro completo intorno a se stessi prima di tornare alla coppia di partenza.

55

La chiocciola

Lo schema della danza si articola fondamentalmente in due moduli. Il primo vede la dama posizionata davanti al cavaliere che, con una piccola giravolta passa la donna al ballerino successivo. Al comando "chiocciola" il cerchio si spezza in un punto fino a formare una sorta di serpente avvolto su se stesso. Nel secondo modulo, la dama che si trova al centro, muovendosi sotto le braccia degli altri figuranti, esce dalla spirale e con il suo cavaliere si dispone con le braccia a formare un ponte. Ed è cosi che si procede fino alla fine della danza. La danza non è affatto difficile e basterà seguire attentamente i comandi della guida! Quindi perché non cimentarsi tutti in una bella quadriglia? Sarà sicuramente divertente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Come ballare il mambo

Il mambo è un ballo caraibico nato nel 1938 ed è un genere musicale cubano. Modificato nella struttura musicale nel corso degli anni, è oggi una danza piena di ritmo e sensualità. Impararlo non è difficile. Il ritmo sostenuto della musica e i passi...
Danza

Come si balla il circolo polare

Il circolo polare consiste in un simpaticissimo e divertentissimo ballo folk, che rientra nelle famose e stupende danze folkloristiche tanto spesso ballate durante le sagre e le feste paesane. Tuttavia possiamo anche affermare che si tratta di un ballo...
Danza

Come ballare il liscio

Siamo ben felici e pronti, di proporre a tutte le nostre lettrici e lettori, che amano ballare, una guida, che li guiderà passo dopo passo, nella scelta e nell'esecuzioni dei passi specifici di questo genere di ballo. In particolare vogliamo cercare...
Danza

Come ballare il tango argentino

Il tango è una danza erotica e appassionata, caratterizzata anche da toni malinconici e a tratti inquietanti. Originaria dell'Argentina, è una danza che coinvolge non solo il corpo ma anche l'anima. Comprendere la filosofia che si nasconde dietro al...
Danza

Lezioni di Salsa: come fare i passi in coppia

La salsa è un tipo di danza particolare, nato dall'unione di vari stili da luoghi geografici completamente diversi. Inizialmente la salsa nacque come unione delle danze europee e africane, ma successivamente fu esportata nel nuovo mondo, dove riuscì...
Danza

Come ballare un lento

Ballare è un'antica forma d'arte, le sue persone compiono movimenti magnifici. Esistono molti tipi di ballo, molti stili, ma forse quello che più affascina e piace di più è il Lento. È certamente il ballo più romantico che ci sia: luci soffuse,...
Danza

Come ballare la salsa

Da qualche anno a questa parte i balli latino americani stanno riscuotendo un grandissimo successo. Sarà per la sempre più crescente voglia di socializzazione e di stare in compagnia o per la semplicità di queste danze, ma sembra proprio che la "febbre"...
Danza

Come ballare la mazurca

La mazurca è un ballo di origine polacca ma conosciuto e ballato in tutto il continente europeo. Con la sua musica e il suo ritmo è un tipo di ballo in grado di incuriosire anche il meno avvezzo alle pratiche della danza di coppia. Se amate il ballo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.