Come cantare con il vibrato

di Teresa Malinconico tramite: O2O difficoltà: media

Il canto è un'abilità che va coltivata giorno dopo giorno e che può presentare diverse difficoltà anche per i cantanti più esperti. La tecnica del vibrato, ad esempio, è molto difficile da padroneggiare e rappresenta una vera perfino per chi si allena da anni. Per eseguire un buon vibrato, infatti, bisogna possedere una padronanza eccellente dei muscoli della gola e della respirazione diaframmatica. Vediamo come cantare ottenendo un risultato soddisfacente con alcune semplici dritte.

1 Per prima cosa è necessario effettuare il riscaldamento con gli esercizi adatti. In questo caso bisogna puntare molto sull'apertura della gola e sul rilassamento dei muscoli collegati. Un esercizio ideale è quello dello sbadiglio, che se eseguito più volte aiuta ad aprire il canale e a sciogliere i muscoli. Rilassate anche il collo effettuando movimenti in cerchio in senso orario e antiorario. Assumete già da adesso una posizione corretta, così sarà più facile mantenerla nel canto. Mettetevi in piedi o sul bordo di una sedia con la schiena assolutamente dritta. Tenete la testa alta e non guardate mai in basso per non aumentare la pressione sottoglottidea.

2 Una volta finito il riscaldamento si inizia a cantare in modo corretto, usando il diaframma e non forzando la voce. Va ricordato che il vibrato è un piccolo movimento naturale della laringe e deriva da una respirazione costante e uniforme. Quando il respiro non è perfetto il vibrato ne risente e decelera a seconda delle emissioni. In questi casi potrete notare che la sua potenza non è affatto stabile e aumenta improvvisamente durante le accelerazioni. Questo deriva dal fatto che non siete ancora pronti per utilizzare un vibrato così forte. Non demoralizzatevi però: nessun cantante ha padroneggiato questa tecnica in poco tempo. Optate per un vibrato più leggero, inserito qua e là nella canzone con tocchi delicati. Il risultato sarà comunque soddisfacente e potrebbe essere addirittura migliore rispetto a una canzone effettuata soltanto col vibrato. Una scelta del genere, infatti, può spesso disturbare l'esecuzione e renderla troppo monotona.

Continua la lettura

3 Continuate ad affinare la vostra tecnica e vedrete che il vibrato si svilupperà in modo naturale.  Gli esercizi che stimolano questo suono non fanno altro che forzarlo e imitarlo, ma non portano ad un vibrato reale Approfondimento La respirazione nel canto (clicca qui) Questo, infatti, deriva soltanto da una voce sana, ricca e correttamente allenata.  Bisogna avere pazienza e non accontentarsi di imitare il suono muovendo la mandibola su e giù.  In questo modo otterreste soltanto una brutta copia di una melodia naturale.

Come imparare a cantare in falsetto Il canto è una delle attività umane più appassionanti e coinvolgenti ... continua » 10 esercizi vocali di canto Si ritiene spesso che il canto sia un talento, un dono ... continua » Come fare il bending con la chitarra Una delle tecniche più importanti per un chitarrista, è il bending ... continua » Come scegliere uno stumento: il violino e la viola Suonare è la passione di moltissime persone, che grazie ai propri ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come cantare in una corale

Molto spesso la partecipazione ad una corale rappresenta il primo passo in un percorso didattico finalizzato all'apprendimento del canto; anzi, sempre più di frequente ... continua »

Riscaldamento vocale

Per gli appassionati del canto è necessario sapere che prima di iniziare a cantare è buona norma iniziare con un riscaldamento vocale per trovare la ... continua »

La respirazione nel canto lirico

Il canto è una delle forme espressive più belle ed istintive dell’uomo, utilizzato sin dagli albori della storia umana come strumento universale di comunicazione ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.