Come confrontare le classificazioni delle opere di Van Gogh

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Malgrado la sua breve esistenza, morì a soli 37 anni, Vincent Van Gogh fu uno degli artisti più versatili e prolifici della pittura moderna. La sua sconfinata produzione, risalente alla seconda metà del XIX secolo, vanta qualcosa come 864 tele e più di mille disegni. Data la sua innata capacità d'imprimere vitalità e dinamismo alla tela, suscitando profonde sensazioni e sentimenti forti, le sue opere hanno influenzato (e continuano ad influenzare) quasi tutte le successive generazioni di artisti. Ecco perché si rivela di fondamentale importanza comprendere come confrontare le classificazioni delle opere di Van Gogh.

25

Tra le peculiarità di Van Gogh spicca l'ispirazione tardiva. A differenza di altri artisti, che cominciarono a creare sin da bambini, le sue prime opere risalgono a quando aveva già compiuto vent'anni. La fonte principale adoperata dagli storici per datare e classificare le sue opere, fonda sulla lunga corrispondenza epistolare che il pittore intrattenne con il fratello Theo, noto mercante d'arte, tra il 1872 e il 1890.

35

La carriera di Van Gogh è stata suddivisa fondamentalmente in quattro periodi, ciascuno dei quali corrispondente al soggiorno dell'artista in una diversa città europea, fonte d'ispirazione per il pittore. Il primo periodo è legato al soggiorno a Neunen, tra il 1883 e il 1885. Ad esso è legata la realizzazione del capolavoro "Mangiatori di Patate", oggi custodito presso il museo di Amsterdam. Il secondo periodo è legato al suo soggiorno parigino (1886-1887). I capolavori realizzati in questo contesto, riproducono soprattutto meravigliosi e suggestivi scorci di Parigi.

Continua la lettura
45

Il 1888 si segnala per la convivenza di Van Gogh, ad Arles, con il suo grande amico Gaugin. È questo, per lo meno inizialmente, il suo momento forse più ispirato e prolifico. Contraddistinto anche da un profondo rinnovamento dei colori adoperati che si fanno più accesi, in sintonia con le colorazioni naturali dei paesaggi provenzali. Purtroppo è anche la fase un cui cominciano a rendersi più gravi e preoccupanti i segni dell'instabilità mentale dell'artista. Proprio in seguito ad una lite furiosa con Gaugin, Van Gogh si taglierà metà dell'orecchio sinistro consegnandolo a Rachele, una prostituta che faceva parte delle frequentazioni comuni dei due artisti.
Tutto ciò culminerà col ricovero coatto, nei primi di gennaio del 1889, presso una clinica psichiatrica. Nel suo ultimo periodo a Saint Remy de Provence, Van Gogh svilupperà la sua ossessione per i cipressi, considerati tuttora come una delle più alte manifestazioni della sua cifra stilistica.

55

Van Gogh morì all'una e trenta del mattino del 29 di luglio del 1890, a seguito delle ferite riportate per un colpo di arma da fuoco. L'ipotesi iniziale che parlava di suicidio è rimasta in vigore per parecchio tempo. Tuttavia, tesi più recenti sostengono che il colpo di pistola che uccise l'artista, sia stato esploso da due ragazzi, proprio mentre stava il maestro stava dipingendo una tela. A prescindere dalle reali cause del decesso, resta indiscutibile l'eredità e l'immenso patrimonio lasciato dal geniale pittore olandese ai posteri.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Guida al Van Gogh Museum

Il Van Gogh Museum è un tributo a uno dei più grandi e famosi artisti di tutti i tempi.Vincent Willem Gogh è stato un pittore olandese vissuto nella seconda metà del 1800 (nasce nel 1853 3 muore nel 1890). Nonostante la sua breve vita (muore infatti...
Mostre e Musei

Come visitare il museo di Van Gogh

Il museo dedicato dal 1973 a Vincent Van Gogh merita un'attenzione particolare. Il pittore ha contribuito a creare la storia dell'arte stessa, per questo motivo visitare una struttura in suo onore è molto importante. Si trova ad Amsterdam e ogni anno...
Arti Visive

Guida alle opere di Vincent Van Gogh

Alcuni dei dipinti di Vincent Van Gogh sono talmente famosi da essere conosciuti da tutti. Il suo tratto è comunque inconfondibile, tanto che, difficilmente ci si può trovare davanti ad un suo lavoro e non riconoscerne lo stile particolare. Con questa...
Arti Visive

Guida agli autoritratti di Van Gogh

Vincent Van Gogh, nato nel 1853 a Zundert e morto nel 1890 ad Auvers-sur-Oise, è considerato uno dei più grandi pittori della storia. Nonostante la sua morte precoce, fu autore di più di 800 tele. È considerato un genio, che influenzò l’arte del...
Mostre e Musei

Guida al Rijksmuseum

Se vi trovate ad Amsterdam, dovete assolutamente visitare il Rijksmuseum, uno fra i più incantevoli musei al mondo. Il Rijksmuseum, il più grande museo olandese, si affaccia sulla suggestiva Museumplein, facilmente raggiungibile con i mezzi di trasporto...
Mostre e Musei

Come visitare la National Gallery di Londra

La National Gallery è una delle gallerie più importanti conosciute nel mondo: contiene numerose opere famose, risalenti ai secoli passati, dal XII secolo ad oggi e di diverse nazionalità. Venne fondata nel 1824 e si trova a Trafalgar Square e i mezzi...
Arti Visive

Pittori impressionisti francesi

In questo tutorial andremo a scoprire i pittori Impressionisti francesi. Il movimento dell'Impressionismo nasce nella seconda metà dell'Ottocento, proprio in Francia. Questi pittori, completavano le proprie opere in poche ore usando una tecnica molto...
Mostre e Musei

Guida al Museo d'Orsay

La Francia rappresenta senza dubbio uno dei luoghi più belli e ricchi di cultura e storia che ci sono al mondo. Essa infatti è costituita da numerose città che ne manifestano l'indubbia bellezza. Tra queste quella più conosciuta è senz'altro la capitale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.