Come decorare con la tecnica trompe l'oeil

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il Trompe l'oeil è una tecnica pittorica davvero particolare e di origine antica, non si sa con precisione quando si è sviluppata, ma i primi accenni di questa tecnica si possono notare già nella Grecia antica. Deriva dal verbo francese " tromper" che significa ingannare; questa tecnica, infatti, inganna l'occhio di chi osserva. Il trompe l'oeil sfrutta la prospettiva (profondità e tridimensionalità), in modo da rendere davvero realistico il dipinto, tanto da far immaginare un soggetto reale. Sembra quasi un incipit del 3D. Tramite questo tutorial vi spiegheremo come decorare con la suddetta tecnica, realizzando opere d’arte molto particolari.

25

Occorrente

  • fogli di carta
  • fogli di lucido
  • colla vinilica
  • idropittura bianca
  • colori acrilici o tempere
35

La realizzazione di un trompe l'oeil è possibile solo per chi possiede una buona conoscenza del disegno, della prospettiva e delle tecniche pittoriche. Ma qual è il posto più adatto per posizionare un trompe l'oeil? Ad esempio una stanza poco luminosa e di piccole dimensioni può essere modificata grazie a trompe l'oeil che rappresentano porte o finestre. Anche i soffitti possono trasformarsi in un cielo azzurro con uccellini in volo; se gli armadi sono troppo grandi rispetto alla dimensione della stanza o le porte sono brutte e anonime, è possibile trasformarleicon il trompe l'oeil in una grande libreria oppure in una luminosa vetrata affacciata su di un magnifico giardino.

45

Prima di iniziare il processo pittorico del trompe l'oeil, occorre decidere quale sarà il soggetto e fare uno schizzo a matita su un foglio di carta. Successivamente dovete preparare la "zona" che deve essere dipinta, cospargendo, su tutta la superficie, un abbondante strato di colla vinilica diluita (1/2 colla, 1/2 acqua). Attendete che si asciughi, circa 1/2 ora, e stendete varie mani di pittura bianca per muro. Ora realizzate un foglio, grande quanto la superficie da decorare, e riportate il disegno, preparato in precedenza, a misura reale. Ricreate il disegno prima su carta da lucido e poi sulla superficie. A questo punto si può procedere con la pittura utilizzando, principalmente, i colori acrilici o le tempere.

Continua la lettura
55

Quando inizierete ad usare il pennello, dovete assolutamente ricordare tutte le tecniche per realizzare un’ ottima prospettiva, delle luci e delle ombre appropriate, che serviranno per conferire una realtà superiore al soggetto. Iniziate a dipingere la base del disegno e le zone più lontane; se state realizzando una vetrata, affacciata su di un giardino, occorre dipingere il cielo e le piante, i cespugli e i fiori più lontani. Continuate il lavoro riproducendo le zone più vicine, ed infine la vetrata, in modo che le dimensioni aumentino gradualmente. Terminato il lavoro proteggete la superficie con una vernice trasparente. Chi non è pratico nel disegno, può acquistare in tutti i negozi di arti visive, dei quadri già pronti, e trasferirli direttamente sull’area interessata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come dipingere un trompe oeil

La tecnica pittorica del trompe oeil sta trovando numerosi consensi nel corso degli ultimi anni. Si tratta di un sistema con il quale si dipinge un'illusione ottica su un muro qualsiasi. Chiunque può mettere in pratica questa idea, magari rendendo gli...
Arti Visive

Come riconoscere lo stile Barocco

Lo stile Barocco nasce intorno al 1600 dopo il Rinascimento ed ha le sue origini a Roma. Il Barocco è la rappresentazione, in tutti le sue sfaccettature, della sfarzosità e festosità che caratterizza quell'epoca. Tutti i settori della cultura sono...
Arti Visive

Magritte: le migliori opere

René Magritte è stato uno dei maggiori esponenti europei della corrente surrealistica. Tra i tanti nomi con cui era conosciuto possiamo ricordare “le saboteur tranquille”, a causa del suo modo delicato di insinuare un dubbio nello spettatore. Bisogna...
Arti Visive

Guida alle opere di Magritte

René Magritte nasce a Lessines il 21 novembre 1898. È un noto pittore, considerato tra i maggiori esponenti del surrealismo belga. Inizialmente il suo stile è vicino al futurismo e al cubismo, ma in seguito si concentra sul genere pittorico detto trompe-l'oeil...
Arti Visive

I maggiori esponenti del cubismo

All'inizio del '900 diversi pittori francesi cominciarono a riprendere i loro soggetti da varie angolazioni simultaneamente, riportando sopra la tela anche i dettagli degli oggetti che loro già erano a conoscenza. Il risultato fu veramente sorprendente...
Recitazione

Come realizzare la scenografia di una stanza

Quando ci troviamo di fronte ad una scenografia, restiamo spesso affascinati da quanto una stanza sia allestita a regola d'arte. La scena che ci appare dinanzi agli occhi assume un aspetto estremamente realistico: inoltre, con il suporto di un'adeguata...
Arti Visive

La street art di Banksy

Sono molto felice di parlarvi di Banksy, un artista di street art presumibilmente inglese. Nato probabilmente a Bristol negli anni Settanta, la sua identità è sconosciuta, avendo scelto di rimanere avvolto nel mistero. Questo fatto, cioè di poter avere...
Arti Visive

Come dipingere un pesaggio

Il paesaggio è uno dei temi classici e più interessanti da dipingere: non si tratta di un’impresa difficile, tuttavia conoscere trucchi sarà di enorme aiuto per ottenere grati risultati. Dipingere un paesaggio mette l’artista di fronte a due sfide:...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.