Come dipingere fiori ad acquarello

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

L'acquarello è una disciplina pittorica raffinata, dai toni pacati e sfumati. Questa tecnica pittorica prevede l'utilizzo di colori composti da uno o più pigmenti finemente macinati e combinati tra loro da una sostanza legante, generalmente gomma arabica. I colori per acquarello vengono applicati diluendoli con acqua. In commercio ne esistono tre tipologie: in pasta (tubetti), solido (pratico in viaggio e all'aperto) e liquido. Il supporto ideale è la carta in fibra di cotone che poco si modifica al contatto con l'acqua. Anche i metodi di stesura sono molteplici: velature sovrapposte, bagnato su bagnato e bagnato su asciutto. Pur essendo molto utilizzata per la praticità di esecuzione, la tecnica dell'acquarello risulta essere tutt'altro che semplice, in quanto rimediare agli eventuali errori di esecuzione è praticamente impossibile. Ecco alcune indicazioni e consigli pratici su come dipingere dei fiori ad acquarello.

29

Occorrente

  • Colori per acquarello
  • Acqua
  • Carta in fibra di cotone
  • Vernice protettiva per acquarello
39

È arrivato il momento di scegliere il modello, nella stagione primaverile ed estiva guardandovi intorno avrete a disposizione numerosi spunti. Una volta scelto il modello da riprodurre, bisognerà decidere se dipingere dal vero oppure scattando preventivamente una fotografia come riferimento. Se possibile sarebbe meglio scegliere il primo metodo, in modo da avere una percezione più reale di spazi e volumi. Analizzate attentamente dove è posizionata la fonte luminosa in modo da riprodurre luci ed ombre in modo corretto.

49

Il primo passo consiste nell'eseguire il disegno a matita con un tratto leggero e più preciso possibile. Evitate di fare linee troppo marcate, soprattutto se utilizzate una matita dura, o di utilizzare la gomma per cancellare. Ricordatevi che il colore ad acquarello non è coprente, quindi eventuali errori commessi nella fase di disegno saranno visibili anche a lavoro ultimato. Procedete quindi con cura.

Continua la lettura
59

Se non siete molto pratici con il disegno a mano libera potete ricorrere al secondo metodo, la fotografia. Qui si aprono due alternative per restituire la fotografia sul foglio di carta. Il primo metodo, attraverso l'uso di una griglia o reticolo, vi permetterà di allenare ed abituare mano ed occhio al disegno. Dovrete dividere il foglio su cui avete stampato la fotografia e il supporto su cui andrete a realizzare il disegno in quadrati della grandezza consona alla complessità del soggetto da restituire su carta. Questo metodo è poco adatto per la tecnica dell'acquarello in quanto, come detto prima, sono vietate cancellature e la griglia non verrebbe nascosta dalle pennellate di colore. Potreste comunque utilizzarlo per alcune prove e per fare un po' di pratica.

69

Il secondo metodo, molto veloce e semplice, prevede l'utilizzo della carta carbone o carta di grafite (trasferisce il disegno in modo più pulito): basterà sovrapporre la carta carbone al foglio di carta in fibra di cotone, dal lato del carbone o grafite, e sopra ancora il foglio su cui è rappresentata la foto presa come modello da ricalcare. Non resta che ripassare i contorni con una matita dura, in alternativa con una penna, e avrete il ricalco del vostro modello pronto per la fase successiva.

79

La seconda fase è quella che vede protagonista il colore. Il foglio deve essere tenuto in orizzontale evitando così che il colore molto diluito coli. Di norma si dipingono prima le zone più chiare per poi andare a sovrapporre il colore più scuro dove serve, quindi individuate, osservando il modello, le parti più chiare del fiore. Ricordate che nell'acquarello, in genere, non si usa il bianco che viene rappresentato dal foglio stesso. Si consiglia di bagnare la carta prima di aggiungere colore per evitare che si vedano troppo le linee di giunzione tra una pennellata e l'altra. Una volta bagnato il foglio, iniziate con le pennellate chiare sul fiore passando lentamente su tutte le zone umide per poi tracciare i contorni del fiore con un tono più scuro e sfumare dove serve, sempre dallo scuro verso il chiaro.

89

Nel caso voleste dipingere più fiori sullo stesso foglio, sarà necessario porre molta attenzione alle giuste proporzioni tra di essi. Lasciate asciugare il tutto e stendete una vernice protettiva per acquarello. Per le prime volte scegliete soggetti più semplici, realizzerete il dipinto in poco tempo e con grandi soddisfazioni. Divertitevi aumentando per gradi la difficoltà.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dipingete su un piano orizzontale
  • Non commettete errori nella fase di disegno per evitare cancellature

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Errori da evitare nella pittura a gouahce

La pittura a gouahce implica una tecnica particolare, per cui si mescolano i pigmenti con colla o gomma arabica e pigmento bianco (biacca oppure gesso). In pratica si tratta di una tempera più pesante e opaca grazie al pigmento bianco. Non a caso...
Arti Visive

Guida alla pittura su tela

Fin da quando l'uomo ha memoria, la principale fonte di comunicazione e scrittura è stata la pittura. Agli albori l'uomo era solito lasciare traccia di se raccontando le proprie gesta attraverso curiose ed utili pitture rinvenute in antiche caverne e...
Arti Visive

Come dipingere un bosco

Durante il corso della storia dell'arte, sono stati scelti tantissimi soggetti da rappresentare, di questi soltanto alcuni sono rimasti ad oggi.Tra tutti, il soggetto più rappresentato è senza dubbio il paesaggio. Questo deriva dal fatto che la natura...
Arti Visive

Come dipingere ad acquerello

La pittura con gli acquerelli viene spesso associata ad un passatempo per bambini, in quanto solitamente la basi si apprendono durante i primi anni di scuola. In realtà è sì, una pittura non troppo complicata, ma richiede comunque concentrazione, tecnica...
Arti Visive

Come dipingere la notte

Van Gogh lo sapeva bene come dipingere la notte, così come Rembrandt, Vermeer e tanti altri artisti famosi. Affascinante e suggestivo, da sempre il buio ha rappresentato nei secoli scorsi un'attrattiva irresistibile per i pittori, scenario ancora oggi...
Arti Visive

Aerografia: consigli tecnici e trucchi

L’aerografia è una particolare tecnica, che consiste nel creare rappresentazioni pittoriche tramite uno strumento specifico, detto aerografo. Questo, mediante un sistema ad aria compressa, nebulizza il colore, spruzzandolo sul supporto da decorare....
Letteratura

Wlliam Turner: le opere principali

Wlliam Turner (Joseph Mallord Wlliam Turner) è nato a Londra nell'aprile del 1775 ed è stato un pittore ed incisore inglese. Turner è un'artista appartenente al movimento romantico, ma è considerato anche il precursore dell'impressionismo.Egli ritrae...
Arti Visive

Come dipingere una natura morta ad acquerello

La pittura ad acquarello è un genere di pittura molto rinomata per la freschezza che dona al dipinto. Per utilizzare gli acquarelli bisogna avere molta esperienza e molta abilità. Infatti non sono ammessi errori poiché risulterebbe difficile se non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.