Come dipingere una chitarra elettrica

di Domenica Magno tramite: O2O difficoltà: facile

La musica è una componente importante della vita dell'uomo sin dai tempi dell'antichità. Tutte le civiltà hanno creato e perfezionato strumenti al fine di trovare melodie che restassero impresse nel cuore e nella sensibilità delle persone. Si trovano testimonianze fin dai tempi degli Egizi di arpe e altri strumenti a corde finemente cesellati e dipinti. Proseguendo questa tradizione antica e portandola all'oggi ecco che durante concerti di artisti di vari generi musicali possiamo notare chitarre acustiche ed elettriche decorate e dipinte, tante volte proprio dagli stessi musicisti che vogliono personalizzare il loro prezioso e amato strumento. Se in possesso di questo moderno e conosciutissimo strumento, volessimo anche noi realizzare un manufatto in sintonia con la nostra passione al 100 per cento, ecco una breve guida su come dipingere una chitarra elettrica.

1 Per creare una chitarra elettrica artisticamente e visivamente più vicina al nostro gusto abbiamo diverse possibilità: quella che consente una maggiore precisione è l'utilizzo dell'aerografo. Ricordate di effettuare questa operazione in un ambiente il più possibile libero da polvere, in quanto questa depositandosi sulla vernice spruzzata crea dei grumi che dovranno poi essere tolti carteggiando, facendovi perdere tempo e... Pazienza. Prestate molta attenzione a non far arrivare la vernice spruzzata nelle parti vicine allo switch perché potrebbe comprometterne il funzionamento. Se non siete in possesso di un aerografo, potrete utilizzare il vecchio e caro pennello, ma in questo caso dovrete a fine verniciatura levigare più volte e ripassare per evitare un effetto a buccia d'arancia. In ogni caso, sia che utilizziate l'aerografo, sia che utilizziate il pennello, il tipo di vernice più adatta è la nitro-lacca, anche se si possono usare quelle in poliestere, in acrilico o oli essenziali. Prodotti che potrete trovare nei negozi di vernici per liuterie. Per l'asciugatura potrete mettere la vostra chitarra al sole, ma l'ideale sarebbe qualche decina di minuti in un forno.

2 Innanzitutto occorre far riemergere il legno, il corpo base della chitarra e per fare questo dobbiamo scartavetrare tutta la precedente vernice. Questo perché ridipingere su una vernice già preesistente non consente un buon fissaggio e i colori risulteranno sovrapposti e quindi falsati. Una volta scoperto il legno, dobbiamo smontare il supporto delle corde per passare alla stesura dell'imprimitura, cioè di uno strato protettivo di vernice incolore che serve ad evitare un disomogeneo assorbimento del colore e la formazione di bolle.

Continua la lettura

3 Passiamo ora al procedimento più importante: levighiamo nuovamente con la carta vetrata dopo aver fatto asciugare la chitarra per almeno 14-16 ore.  Poi passiamo una prima mano di sigillante di poliuretano bianco, lasciamo asciugare per 6 ore, scartavetriamo nuovamente per applicare una seconda mano di questo prodotto che ha l'importante funzione di rendere la superficie del legno molto morbida e liscia.  Approfondimento Come verniciare una chitarra elettrica (clicca qui) A questo punto possiamo liberare la nostra fantasia e la nostra creatività!. 

Come migliorare una chitarra economica Oggi vi aiuterò in un compito apparentemente arduo: insegnarvi a come ... continua » Come scegliere la prima chitarra da acquistare La chitarra è uno fra gli strumenti musicali più gettonati, specialmente ... continua » Come pulire le corde di una chitarra elettrica Un chitarrista sa bene quanto una chitarra elettrica sia preziosa. Chi ... continua » Guida alla scelta della chitarra Scegliere la chitarra adatta alle proprie esigenze non è semplice. La ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come Accordare La Chitarra

La chitarra è uno dei più classici strumenti musicali, tant'è che alcuni artisti la utilizzano come vero e proprio simbolo della loro musica. Ne ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.