Come disegnare le scarpe

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra gli accessori più importanti per completare l'abbigliamento sia maschile che femminile, ci sono innanzi tutto le scarpe. Che siano da giorno, sportive o da sera, con il tacco o meno, completano l'abbigliamento dando un tocco originale alla persona che le indossa. Ogni Scarpa va studiata su misura, seguendo le tendenze. Fornendo ed assecondando i gusti e i momenti in cui viene calzata. Per questo motivo ci sono equipes intere di stilisti e ricercatori, che unendo fantasia e ricerca realizzano modelli sempre nuovi. Occupandosi dello stile e la tendezza del momento. Ma non sottovalutando il confort e la bellezza della scarpa da realizzare. Partendo così. Da un' idea, dopo avere realizzato lo stampo ed il disegno si passa alla creazione vera e propria. Ma nonostante tutto, non è affatto facile carpire all'arte grafica la capacità di disegnare i vari modelli e rappresentare i gusti propri o più consoni ad ogni occasione. Ecco che nella seguente guida vi indico come disegnare le scarpe.

26

Occorrente

  • Foglio
  • Matita
36

Il disegno

Importantissimo è quindi il disegno che altro non è se non la rappresentazione artistica dello stile finale della calzatura. Prima di tutto si inizia disegnando la tomaia, cioè la parte superiore della scarpa. La sua forma calcherà quella del piede stesso e delle sue misure ed in un ovale, più o meno ampio verranno messi i particolari, le cuciture i vari lacci o chiusure, le aperture e tutto ciò che può servire da abbellimento. Tutto questo rispettando le misure delle varie taglie e ricordando che poi attraverso il disegno si dovrà realizzare il calco vero e proprio.

46

Il puntale

Quando, viene disegnato il puntale della scarpa, arrotondato e meno, a seconda dello stile della calzature. Il contrafforte per rinforzare il tallone e le parti più atte ad usura e l'intersuola. Questo elemento serve a rinforzare la suola stessa e ne ha la medesima misura e forma. Si passa poi al sottopiede, disegnato ad ovale, ma sagomato, in modo che combaci nelle misure e nella forma alla tomaia. Di solito nelle calzature comode il materiale con cui si costruiscono le scarpe deve risultare morbido e rispettare le esigenze del piede e le sue caratteristiche. Si disegna poi il guardolo, che rappresenta il pezzo di cuoio che unisce con la cucitura, di solito, la tomaia alla suola.

Continua la lettura
56

La fodera

Infine, si passa poi alla fodera che riveste l'interno della scarpa stessa e che deve combaciare perfettamente con tomaia e suola. Per ultimo il tacco, di varia forma ed altezza a seconda dell'utilizzo. Solo chi sa unire e completare della la scarpa otterrà l'esclusività. Costruendo così, scarpe originali e nello stesso tempo comode e durature.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di disegnare la scarpa scegliere il modello e realizzare il bozzetto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Danza

Consigli per la scelta delle scarpe da tango

Come per ogni tipo di danza, anche il tango prevede una tipologia di scarpa che sia adatta a seguirne i movimenti. La cosa fondamentale è che le scarpe siano comode e calzino perfettamente al nostro piede. L'acquisto delle scarpe, tuttavia, può non...
Danza

Come scegliere le scarpe per il tango argentino

In questo articolo parleremo di come scegliere le scarpe per il tango argentino. Chi balla il tango argentino conosce bene l'importanza delle scarpe. Infatti le scarpe sono uno strumento indispensabile per farsi valere sulla pista da ballo, e per ballare...
Danza

Come scegliere le scarpette da punta

Approcciarsi alla danza classica è un momento delicato e importante. Bisogna tenere conto di innumerevoli fattori anatomici e, di conseguenza, adeguare strumenti e supporti alle caratteristiche morfologiche e alle peculiarità del corpo. Questo avviene...
Danza

Come vestirsi per ballare il flamenco

Il flamenco è un ballo caratteristico dell'Andalusia, la cui nascita è stata molto influenzata dai balli gitani e che, a partire dalla seconda metà dell'800, si è prima diffuso in tutta la Spagna riuscendo poi a conquistare tutto il mondo, grazie...
Danza

Come fare una guarnizione per torta a forma di scarpetta da balletto

Fra i tanti motivi per i quali si presenta l'occasione di preparare una torta c'è anche la celebrazione di un saggio di danza o la partecipazione ad un balletto. In questi casi la classica torta che più si adatta all'evento è quella in pasta da zucchero...
Recitazione

Come realizzare un costume da Guglielmo Tell

Quante volte siete stati invitati ad una festa in costume senza sapere come vestirvi? Sicuramente un sacco di volte. E molto spesso trovare un costume che sappia sorprendere non è assolutamente facile, soprattutto se non si vuole spendere cifre esagerate....
Arti Visive

Come disegnare mani e piedi

Il disegno è un'attività che può definirsi come una passione personale che sviluppa, con l'apprendimento, una vera e propria arte. Ci sono alcune parti, specialmente quando si disegna un corpo umano, che sono davvero difficili da riprodurre nella maniera...
Danza

Come scegliere le scarpette per la danza classica

Le bambine quando sono piccole iniziano ad avere quella enorme voglia di mettersi alla prova in delle attività fisiche, svolgendo delle scelte in base alle proprie passioni. C'è chi si immette nello sport come nella pallavolo e chi invece ama la danza....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.