Come Disegnare Un Viso

di Simona Simbula difficoltà: media

Come Disegnare Un Viso   google.it Disegnare un viso è più semplice di quanto si creda. Potenzialmente, ognuno di noi è predisposto per il disegno: si tratta unicamente di apprendere la tecnica, adoperandoci con ferma volontà e molta costanza, seguendo un metodo e procedendo per gradi. Non è necessario essere imparentati con Giotto: è sufficiente fare molto esercizio, inizialmente con forme molto semplici (un vaso, un'arancia...) e farsi un'idea chiara delle misure e delle proporzioni.

Assicurati di avere a portata di mano: fogli di carta ruvida, a grana spessa 1 matita 2B, mediamente morbida, ottima per le sfumature, o un carboncino 1 gomma "ghiaccio" per cancellare un rapidografo a china per "ripassare" (facoltativo) uno spray fissativo

1 Prima di passare al disegno vero e proprio, è utilissimo esercitarsi con lo "schizzo": fare uno schizzo, o bozzetto, significa incominciare un disegno in modo rapido e senza dettagliare troppo i particolari. Gli schizzi si possono eseguire su carta da pacco, ed è consigliabile farne più di uno, giusto per renderci conto di quale direzione vogliamo dare al nostro disegno. Un consiglio: il foglio non va mai posato su una superficie troppo dura, né "aggredito" con matite troppo appuntite. Al primo problema, si può ovviare disponendo alcuni fogli di giornale sul piano di lavoro, al secondo, semplicemente, scegliendo mine morbide ed eventualmente, "spuntandole" lievemente con dei piccoli colpetti di punta su una superficie dura. Evitate, per quanto potete, le cancellature: sfregare la superficie del foglio è sempre e comunque controproducente. Se proprio siete obbligati a cancellare, controllate che la gomma che state per usare sia pulitissima, o rischiate di macchiare irrimediabilmente il foglio.

2 Come Disegnare Un Viso Le forme presenti in un volto, sono sempre diverse e particolari: di conseguenza, l'interpretazione dovrà essere il più precisa possibile. Innanzitutto, bisogna tracciare sul foglio un ovale, non necessariamente perfetto (dal momento che la sua unica utilità è quella di delimitare l'area su cui si dovrà lavorare). Il tratto dovrà essere leggerissimo, la matita impugnata con dita morbide, inclinata di circa 45° rispetto al foglio. Il foglio stesso, non dev'essere orizzontale, ma inclinato di circa 45°, così da consentire una visione esatta del lavoro che sta progredendo.

Continua la lettura

3 Come Disegnare Un Viso Ora, è necessario tracciare le linee cosiddette "dominanti": prima la linea centrale, quella che attraverserà verticalmente la fronte, il naso e il mento.  Questa linea deciderà se il viso rappresentato sarà frontale o a tre quarti: nel primo caso, attraverserà l'ovale, tagliandolo esattamente a metà.  Approfondimento Come dipingere un ritratto ad olio (clicca qui) Nel secondo caso, sarà decentrata, e una parte del viso resterà "in ombra".. 

4 Come Disegnare Un Viso Adesso, tracciamo tutte le linee dominanti orizzontali, quelle che stabiliscono dove posizioneremo sopracciglia, occhi, punta del naso, bocca e mento. Ricordiamoci che tutte queste linee sono sempre parallele, che la distanza tra un occhio e l'altro equivale alla misura dell'occhio stesso, e che il lobo dell'orecchia è allineato con la parte inferiore del naso. È probabile che il primo tentativo non dia immediatamente i risultati sperati: per correggere gli errori tipici dei principianti è necessario allenare l'occhio e la mano con l'esercizio.

5 Come Disegnare Un Viso In seguito, si dovranno cancellare le linee dominanti, lasciando però intravedere dove passavano. Si incominceranno a tratteggiare leggermente gli occhi, le sopracciglia, in naso, la bocca, il mento e il collo. Contemporaneamente, si inizierà a dare una certa tonalità per mezzo di un minimo di sfumatura (attenzione a dove "cade" la luce!), e a "macchiare", come si dice in gergo: riempire la zona dei capelli, l'ombra del naso, parte del volto e del collo.

6 Come Disegnare Un Viso A questo punto, il disegno è quasi finito. L'ideale è avere di fronte un modello, come una foto, a cui fare continuamente riferimento, perché ora bisogna particolareggiare ciascuno degli elementi: ad esempio, ombreggiare lievemente il labbro inferiore, e in modo un po' più deciso quello superiore; scurire l'iride, ma lasciando da un lato un punto di luce che conferisca profondità allo sguardo; dare una curva definitiva alle sopracciglia, alle narici e al contorno delle labbra, dettagliare i capelli e le orecchie.

7 L'ultimo tocco, è ripassare o "fissare" il disegno, in modo che possa essere conservato senza danneggiarsi. È possibile ripassare sui tratti a matita con l'inchiostro di china, indelebile, che va lasciato asciugare per qualche minuto: l'effetto sarà quello di un disegno molto pulito, dai tratti netti, ma la morbidezza dei lineamenti sarà penalizzata. Se decidete di optare per la matita, o per il carboncino, non dimenticate che questi materiali tendono a sbiadire, poiché le polveri, col tempo, si staccano dal foglio, o "sbiadiscono" per effetto dello sfregamento, ad esempio in una cartella, con altri fogli. Esistono in commercio degli spray fissativi, utilissimi: basta spruzzare sul foglio una patina sottilissima, che verrà interamente assorbita senza lasciare traccia, né "effetto lucido", lasciar asciugare e riporre la vostra opera d'arte!

Non dimenticare mai: - Accingendoci a disegnare, non facciamo mai caso alla luce: tranne che per i mancini, la luce dovrà provenire da sinistra, in modo da non farsi ombra con la mano con cui si disegna.

Come disegnare un viso Come disegnare la Sirenetta Come disegnare Dracula Come disegnare un volto, le proporzioni

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide utili