Come fare l'analisi armonica di un brano musicale

di Stefania F. tramite: O2O difficoltà: difficile

L'analisi armonica è una materia che rientra nel ramo della matematica. Materia molto difficile, l'analisi armonica permette di vedere e studiare le modulazioni caratterizzanti la musica. È una materia che va dall'analisi astratta a funzioni molto complesse. Molti musicisti e autori di brani musicali, ad esempio, utilizzano un'unica struttura per dare vita a diverse canzoni. Come apprenderla? Non è qualcosa che si possa imparare semplicemente e senza un buon insegnante. Infatti la si apprende in conservatorio, o in altre scuole di musica e con tanto studio. In questa guida noi spiegheremo come fare l'analisi armonica di un brano musicale nel modo più semplice più possibile.

Assicurati di avere a portata di mano: Buone basi musicali Saper leggere le note e gli spartiti facilmente

1 Basi Si parte dalle serie di Fourier e dalle sue trasformate. Queste sono riferite all'ambito delle frequenze. Ciò significa che, se si generalizzano a una trasformata di funzioni, si possono realizzare dei gruppi compatti localmente. Come potete notare, è difficile da spiegare in modo approfondito, per questo, se siete interessati, consigliamo un manuale specializzato. Ciò che spiegheremo di seguito sarà come fare un'analisi armonica il più semplicemente possibile.

2 Spiegazione Ascoltando un brano musicale, dovrete risalire alla struttura principale. Ovviamente, per fare ciò dovrete avere già delle buone basi musicali e una conoscenza di note e di regole dell'armonia. Seguite gli accordi e il ritmo. Questo vi aiuterà a capire che una nota richiama matematicamente un'altra. Saper leggere senza problemi uno spartito musicale è essenziale per riuscire in questo. Un altro aiuto è saper usare il pianoforte, perché questo strumento tiene l'orecchio ben allenato!

Continua la lettura

3 Esempio Vediamo ciò di cui stiamo parlando con un esempio.  A questo scopo prendiamo la canzone di John Lennon, "Imagine".  Approfondimento Come comporre una canzone pop (clicca qui) Prendete lo spartito per il pianoforte.  Noterete subito che si basa sul gioco I-IV.  Osservate lo schema: Sol che sale sul Si per poi ricadere sul La.  Noterete anche come la strofa intermedia si avvicini al ritornello, anche melodicamente.  E la strofa finisce sul Fa maggiore.  Spostandovi sulla strofa successiva, noterete quanto sia più complessa.  Crea infatti la struttura II-V-I per via degli accordi Fa-Mi-Re.  Se osservate il ritornello, noterete che è una cadenza IV-V-I che ha in aggiunta il Mi.  In sostanza, queste sono esattamente le basi delle leggi armoniche.  Con i brani classici le cose si complicano notevolmente.  Infatti, per applicarsi a questa materia, è davvero essenziale tanto studio e tanto impegno.

Non dimenticare mai: È consigliabile saper suonare uno strumento, particolarmente il pianoforte

Come improvvisare e suonare una chitarra elettrica Per prima cosa bisogna dire che, improvvisare con una chitarra, sia ... continua » Come improvvisare e suonare una chitarra elettrica Per prima cosa bisogna dire che, improvvisare con una chitarra, sia ... continua » Come scrivere una canzone in inglese Tra i numerosi sogni degli adolescenti uno dei più ambiti è ... continua » Come memorizzare velocemente una canzone Ricordarsi una canzone è uno dei passi fondamentali per chi aspira ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

La musica nel romanticismo

Il movimento culturale del Romanticismo nasce in Germania e nella prima metà del XIX secolo si diffonde in tutta Europa. Nel Romanticismo la musica si ... continua »

Come fare un remix

Come fare un buon remix? Non stiamo parlando di come costruire un mobile o come creare una torta; per fare un buon remix dovrai innanzitutto ... continua »

Come fare un remix

All'interno della guida che andremo a sviluppare in questi passi he contraddistingueranno la nostra guida, ora andremo a occuparci di remix. Proprio come abbiamo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.