Come fare le ombre cinesi

di Stefania Lettieri tramite: O2O difficoltà: media

Quando si parla di ombre cinesi si intende generalmente un'espressione artistica che vanta una lunga ed antica tradizione. Si tratta di un tipo di spettacolo davvero affascinante e suggestivo. Per questo imparare a fare le ombre cinese non è un compito molto semplice. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato come fare.

Assicurati di avere a portata di mano: Stanza buia Lampada Parete Tenda Sagome di cartoncino

1 Scegliere una stanza buia Il luogo migliore per fare le ombre cinesi è scegliere una stanza buia. A questo punto bisogna procurarsi una torcia elettrica oppure una lampada da tavolo orientabile che serviranno a fornire luce diretta. Inoltre bisogna usare uno schermo oppure semplicemente si può utilizzare la parete della stanza per proiettare le immagini. Dopodiché bisogna usare la fonte di luce per illuminare le mani che daranno vita alle forme più disparate. Per cominciare si può simulare il profilo di un animale come ad esempio un uccello in volo o un coniglio, per poi passare a un elefante che mostra la proboscide oppure un cagnolino. Se invece si vuole creare una vera e propria rappresentazione teatrale si possono utilizzare modelli di cartoncino da ritagliare su misura, i quali serviranno per riprodurne le ombre cinesi nel modo più efficace.

2 Esercitarsi Per fare bene le ombre cinesi bisogna esercitarsi molto. Dopo aver imparato le prime tecniche si può continuare simulando ad esempio una colomba in volo. Per poterla riprodurre bisogna posizionare le mani tra la luce e lo schermo. Bisogna rivolgere i palmi indietro, tenendo davanti la mano sinistra con il pollice divaricato e le dita allineate in orizzontale. Si prosegue affiancando il pollice destro a quello sinistro, tenendo la seconda mano in posizione simmetrica con la prima. Sulla parete apparirà il profilo del volatile con le ali spiegate. Chiudendo e aprendo le prime due falangi delle dita si potrà poi dare l'idea del volo.

Continua la lettura

3 Eseguire qualcosa di più difficile Se si vuole eseguire qualcosa di molto più complicato si può provare a riprodurre un rettile come il serpente.  Questa figura si ottiene con una sola mano: si procede aprendo il palmo verso la persona, facendo ruotare il polso di mezzo giro.  Approfondimento Come dipingere in stile cinese (clicca qui) A questo punto si piega in dentro il pollice, distendendo le altre quattro dita.  Si divarica il mignolo staccandolo dall'anulare, dopodiché si piega l'indice a uncino disegnando una piccola apertura sopra il medio in modo da creare l'occhio del serpente.  Per finire si ritrae a scalare il medio e l’anulare.  Quest'ultimo accorgimento servirà per creare la parte superiore della bocca del serpente.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come fare le ombre cinesi

Letteratura: la poetica di Alda Merini Per molti anni, Alda Merini (21 Marzo 1931 - 01 Novembre 2009 ... continua » Come usare la luce in pittura La luce è cio che rende colori e forme visibili all ... continua » Come disegnare una lanterna Oggi vedremo in questo tutorial come disegnare una lanterna. Innanzitutto dovrete ... continua » Come Trasformare La Tua Chitarra In Un Basso Trasformare la tua chitarra in un basso è possibile! Senza dover ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Esercizi per sciogliere le dita

La tecnologia ha prodotto notevoli variazioni nella nostra vita di tutti i giorni. Possiamo facilmente gestire ed organizzare il nostro lavoro e la nostra giornata ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.