Come fare una scultura in cartapesta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La cartapesta è della carta molto antica che viene ampiamente usata nella costruzione di sculture o di altri manufatti artigianali. Diciamo pure che è un tipo di materiale molto semplice da maneggiare e decisamente più economico. Generalmente viene impiegata per allestire dei carri allegorici, oppure, statue di personaggi religiosi da esporre nelle Chiese. Nella scuola primaria invece ne fanno grande uso per la realizzazione di fiori variopinti ed animaletti di ogni tipo. Nei passi a seguire verrà spiegato come fare una scultura in cartapesta, attraverso la descrizione degli elementi principali e, quali sono le caratteristiche base di questa tipologia di scultura.

26

Occorrente

  • Acqua
  • Bacinella
  • Carta di giornale
  • Colla vinilica
  • Gesso
  • Frullatore
  • Colori a tempera o acrilici
  • Pennelli
  • Pezzi di cartone
  • Acqua
36

Per la realizzazione di oggetti in cartapesta potete seguire due procedure differenti: quella macerata, che richiede esperienza e manualità, e quella a strati, che invece è molto più semplice ed è quella più comunemente impiegata. Quest'ultima sarà la procedura che terremo in considerazione. Innanzitutto, procuratevi dei fogli di giornale da riciclare e poi tagliateli a strisce rettangolari: questo procedimento vi servirà per creare lo spessore, aggiungendo piani di materiale alla volta. Per realizzare le parti sferiche, potete usufruire dell'aiuto di alcuni palloncini che, successivamente, scoppierete. Con della colla vinilica, miscelata ad una dose di acqua, stendete alcune strisce di carta da giornale sul palloncino e poi, quando sarà asciutto, scoppiate quest'ultimo.

46

Se invece volete utilizzare la tecnica della carta macerata, dovrete strappare dei piccoli pezzi di carta di giornale e lasciarli in ammollo per almeno due giorni, dentro una bacinella con acqua e colla vinilica, fino a diventare una poltiglia. Passati due giorni, rimuovete l'umidità dalla poltiglia e passatela per alcuni secondi in un frullatore, per rendere il tutto più omogeneo. Infine, aggiungete una piccola parte di gesso bianco ed impastate il composto così ottenuto.

Continua la lettura
56

Se la vostra scultura riguarderà delle maschere per carnevale, potete usare uno stampo di cartoncino, che darete la forma che volete. Successivamente sulla maschera passerete degli strati di carta di giornale. Se, invece, volete dedicarvi alla costruzione di piatti, tenete sempre in considerazione un cartoncino di fondo ed aggiungetevi gli strati di cartapesta tutt'intorno. Per passare poi, ad una eventiale colorazione, potete utilizzare sia i colori a tempera, sia quelli acrilici; dipenderà tutto dalle vostre esigenze o da ciò che avete in casa.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come realizzare una scultura in cera

Per tutti coloro che sono creativi la scultura è una parte fondamentale dell'arte. Diventa il coronamento naturale di tutte le espressioni fantasiose ed artistiche che uniscono l'abilità di creare a quella di dipingere o modellare. Quindi terminare...
Arti Visive

Come fare una scultura in creta

Cosa c'è di meglio che decorare la casa con degli oggetti fatti con le nostre mani? Le possibilità sono moltissime: dalla pittura, al riciclo, alla scultura. Per realizzare decorazioni originali potete utilizzare materiali semplici e facili da reperire....
Arti Visive

Scultura: i principali esponenti del 700

La scultura offre un panorama immenso di opere e artisti. Se molto noti sono il 1500 e il 1600 come periodi in cui la civiltà occidentale ha conosciuto un susseguirsi particolarmente florido di opere artistiche e scultorie, è altrettanto vero che anche...
Arti Visive

Le principali tecniche di scultura

La scultura si sa è una disciplina plastica che di solito si inizia a studiare alle superiori, principalmente al liceo artistico. Chiamata anche modellato, è una materia che vi insegnerà a utilizzare più materiali, principalmente legno e argilla....
Arti Visive

Come fare una scultura in legno

Il legno è uno dei materiali prescelti dall'uomo, sin dall'antichità, per realizzare delle sculture. La creatività umana ha prodotto opere davvero fantastiche, semplicemente partendo da un blocco di legno. Intagliare questo materiale così naturale...
Arti Visive

Come fare una scultura con il Das

Il Das è una pasta sintetica molto simile alla creta che si impiega spesso nelle scuole per creare vari tipi di lavoretti. Essendo piuttosto versatile, questo materiale si presta anche ad un utilizzo professionale, regalando ottimi risultati.A differenza...
Arti Visive

Come fare una scultura di ghiaccio

A volte, il ghiaccio può costituire un ottimo alleato per fare un gran figurone nelle feste o nelle cene con amici e parenti. Potreste infatti utilizzarlo per dare vita a un'atmosfera più sofisticata, ad esempio, attraverso sculture di ghiaccio da far...
Arti Visive

Architettura e scultura romanica: breve guida

L'arte romanica è un'eredità che ci proviene nei secoli. Essa si afferma intorno all'anno Mille in un periodo in cui l'Europa stava vivendo una grande fase di sviluppo. Durante questo periodo storico vennero erette grandiose abbazie e molte cattedrali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.