Come imparare a suonare l'armonica

di Giuseppe Maisano tramite: O2O difficoltà: media

L'armonica è uno strumento sottovalutato da molti: è piccolo, limitato, lo possono suonare tutti. Sbagliato! L'armonica a bocca può dare molte soddisfazioni e non è per nulla semplice da suonare, se vogliamo andare oltre la semplice "oh Susanna". Con questa guida partiremo dalle basi dell'armonica, senza addentrarci troppo nell'argomento, per arrivare a suonare la nostra prima canzone.

1 L'armonica con cui vi consiglio di cominciare è l'armonica diatonica che ha solo 10 fori e permette di emettere 20 suoni. Al contrario, quella cromatica permette di aggiungere i semitoni mancanti tramite la pressione di un pulsante laterale che cambia il registro. Ma torniamo a noi: abbiamo di fronte uno strumento a fiato con 10 fori che emettono suoni se ci soffiate dentro o aspirate. All'interno infatti ci sono 2 ance che vibrano a seconda della direzione dell'intensità del fiato. Ne esistono di varie tonalità, ma se vi interessa suonare blues vi consiglio di prenderle in C, D e A.

2 Avete comprato la vostra prima armonica diatonica? No? correte a farlo e cominciamo con gli esercizi. Prima di tutto, portiamo l'armonica alla bocca, come in foto, e cerchiamo di stringere le labbra come se stessimo fischiando: questo metodo si chiama whistle (fischio, appunto) ed è il più semplice per suonare. Soffiamo nel primo foro, cercando di far uscire un suono pulito, ossia senza andare a far vibrare le ance degli altri fori vicini. Proviamo ora ad inspirare, sempre sul primo foro, cercando di non esagerare con l'intensità: le ance dei primi fori sono molto dure e potrebbero emettere dei suoni sordi o un bending. Di questo parleremo più avanti. Dopo aver provato col primo foro, passiamo agli altri. Cercate sempre di far suonare un foro alla volta.

Continua la lettura

3 Se siete riusciti a far suonare singolarmente ogni foro, soffiando o inspirando, siete pronti per provare a suonare una canzone."Oh Susanna" è il pezzo per antonomasia per ogni armonicista, perchè semplice, allegro e l'abbiamo sentito migliaia di volte.  Vogliamo provare ad intonarlo? Perfetto! Partiamo dal 4° foro, che per un'armonica in C, vi restituirà un Do (C in inglese).  Approfondimento Come suonare l'armonica (clicca qui) Soffiamo, inspiriamo e passiamo a soffiare nel foro successivo.Questa successione non è altro che: Do, Re, Mi.  Nell'immagine vediamo infatti come sono posizionate le varie note sulla vostra armonica in C.  Per le altre tonalità la cosa cambia, in modo da riuscire ad ottenere i suoni che più ci interessano.

4 Per chi sa leggere la musica, online di trovano facilmente gli spartiti di questa canzone, per chi invece si avvicina adesso al mondo della musica esistono le tablature. Sono delle liste di numeri che indicano i fori che vanno soffiati o inspirati (quelli preceduti dal segno "-"), ma non danno nessun valore di tempo alle note: dovrete conoscere la canzone per poter suonarla da una tablatura."Oh Susanna" ha una tablatura di questo tipo: 4 -4 5 6 6 -6 6 5 4 -4 5 5 -4 4 -4 4 -4 5 6 6 -6 6 5 4 -4 5 5 -4 -4 4 -5 -5 -6 -6 -6 6 6 5 4 -4 4 -4 5 6 6 -6 6 5 4 -4 5 5 -4 -4 4.Provare lentamente le singole note, cercate di memorizzare il metodo di respirazione, per non rimanere senza fiato a metà canzone e non abbiate fretta: quando avrete fatto il giusto numero di esercizi, vi verrà automatico suonare senza pensare alle posizioni e alla respirazione. Sarà naturale come se l'aveste sempre fatto!

5 Molto importante per gli armonicisti infatti è il metodo di respirazione. lo imparerete piano piano facendo esercizi, ma notate da subito questo: l'armonica è l'unico strumento a fiato che non ha bisogno di pause per inspirare. Quando inspirate infatti, potete produrre un suono. E' molto importante quindi dosare il fiato quando soffiate per non rimanere a corto di ossigeno, e allo stesso tempo dovete imparare ad inspirare a fondo al momento giusto e sulla nota giusta. L'armonica può essere usata anche come accompagnamento o suonare con gli accordi, che nel nostro caso si formano soffiando o inspirando su due o più fori contemporaneamente. Di questo potremo parlare un'altra volta. Adesso vi lascio ai vostri esercizi e alla vostra prima canzone con l'armonica.

Non dimenticare mai: Non abbiate fretta e non sottovalutate lo strumento: ne sarete ricompensati.

Come pulire l'armonica Sin dalla più tenera età, i bambini cominciano a scoprire il ... continua » Come suonare lo Scacciapensieri Spesse volte, le tradizioni italiane ci nascondono degli oggetti a noi ... continua » Come suonare la zampogna La zampogna è uno strumento musicale spesso legate a sagre e ... continua » Come suonare il piffero Un po' tutti ricordiamo le dolci e incantevoli melodie suonate dal ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come suonare il sassofono

Il sassofono è uno strumento a fiato creato dal belga Adolphe Sax, che lo brevettò e gli diede il proprio cognome. Una cosa importante che ... continua »

Come suonare la lira

La lira è uno strumento musicale a corde, composto da una cassa armonica alla quale sono applicati due bracci verticali, uniti da una traversa. Le ... continua »

Come suonare l'ocarina

L'ocarina è uno strumento a fiato generalmente realizzato in terracotta e dal profilo allungato. A introdurla in Italia fu Giuseppe Donati nel XIX secolo ... continua »

Come suonare il flauto dolce

Nella musica odierna è abbastanza limitato: parliamo del flauto dolce, che ebbe origine fra il Trecento ed il Quattrocento e il cui picco di utilizzo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.