Come ottenere i colori terziari

di Rita Malizia tramite: O2O difficoltà: media

Il mondo dell'arte e dei colori è davvero variopinto, eclettico, fantasioso e creativo. Chi desidera entrare a farne parte, diventando un pittore o un disegnatore, deve sapere quanto è importante dedicarsi, in primis, allo studio dei colori. Studiare i colori è un'attività impegnativa ma fondamentale per conoscerne le sfumature e, soprattutto, per scoprire come ottenere i colori desiderati. Ogni pittore o artista che si rispetti è un mago dei colori, poiché sa come ottenere milioni di diverse tinte e sfumature partendo solo dai colori di base. È a partire dallo studio dei colori che sarà possibile ottenere i colori più diversi e brillanti partendo dalle basi. Ecco come scoprire come ottenere i colori terziari.

1 I colori si suddividono in primari, secondari e terziari. I colori primari sono tre: il giallo, il rosso, ed il blu, mentre i colori secondari sono il verde, l'arancione ed infine il viola. Oltre ai colori primari e secondari sono presenti anche i colori definiti terziari, ogni terziario possiede una fascia di cromie che vanno dalla colorazione più chiara a quella più scura del medesimo colore, quindi avremo il terziario giallo/arancio, il terziario rosso che sfuma in arancione, ed ancora il rosso/viola, il giallo/ verde, il blu che si satura fino ad diventare verde ed infine, il blu/ viola. I colori terziari possono essere ottenuti mescolando vari colori in opportune dosi.

2 I colori secondari ed i terziari sono la risultante della mescolanza di due colori primari, ad esempio utilizzando il rosso con il blu si ottiene il viola, mentre se si mescola il blu con il giallo si ottiene il verde. Infine, se si mescola il giallo con il rosso, si ottiene l'arancione.

Continua la lettura

3 La differenza di base, tra un colore secondario ed un colore terziario, sta nella quantità del colore utilizzato.  Se si modificano le percentuali dei colori, si ottengono le sfumature di colore, e dunque i colori definiti "terziari".  Approfondimento Come Mescolare I Colori (clicca qui) Per imparare ad utilizzare bene i colori ed ottenere i colori terziari desiderati nelle loro infinite sfumature, è necessario prendere un po' di dimestichezza con essi, ed imparare a dosarli secondo l'esigenza del momento ed il colore che si vuole ottenere.

4 Un colore terziario troppo intenso e scuro potrà essere rettificato aggiungendo il primario più "chiaro" (es. Giallo + rosso + rosso = arancione rosso), per schiarirlo si aggiungerà altro giallo. Per scurire i colori terziari, ed ottenere una cromia più intensa, si addizionerà, ad esempio, più blu al giallo per ottenere un verde più scuro.

Come creare tutti i colori con le tempere Per dipingere un quadro con i colori a tempera, non occorre ... continua » Come dipingere un tramonto con le matite colorate Quante volte vi è capitato di assistere ad un tramonto meraviglioso ... continua » Come miscelare colori ad acquarello Gli acquarelli sono dei colori in polvere mescolati a leganti speciali ... continua » Come comporre i colori da quelli primari In natura esistono tre colori primari, ovvero colori che non possono ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come dipingere un tramonto

Il paesaggio al tramonto è sempre molto suggestivo. Fonte di ispirazione poetica ed artistica, suscita emozioni profonde, quasi irripetibili. Gli artisti poi ne vengono particolarmente ... continua »

Come dipingere il mare

Con questa guida ci proponiamo di darvi delle dritte sulla tecnica per raffigurare, attraverso la pittura, un elemento naturale come il mare. L'arte della ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.