Come ottenere il color zolfo

di Laura Suarato tramite: O2O difficoltà: media

Lo zolfo è un minerale di un intenso giallo citrino. E il giallo, si sa, è uno dei tre colori primari, assieme al blu e al rosso. Questo significa che questi tre colori non possono essere generati da altri, ma che possono generare tutti gli altri colori. Poi abbiamo il bianco che è l'assenza dei colori e il nero che è la presenza di tutti i colori. Al mutare della temperatura, muta anche la tonalità, passando dal giallo della fusione all'aranciato dei 160°, al bruno dei 220° e poi a riflessi rossi e azzurri a temperature via via maggiori. Tuttavia, fin dall'antichità, accorti alchimisti sono riusciti a creare segrete tinture. Se ci seguirete in questa breve guida cercheremo di sapere come ottenere il color giallo zolfo.

1 Da sempre lo zolfo è stato associato al fuoco, per via della sua infiammabilità e per quell'odore acre che se ne sprigiona. Tuttavia, il suo colore caldo e vivo, lo pone tra le tonalità delle tinte solari, fra il giallo citrino e l'ocra. Nella scala cromatica RAL viene catalogato al numero 1016. Gli alchimisti medievali lo associavano all'illuminazione delle menti, oltre la coscienza, nella strada che conduceva all'agognata età dell'oro. Vediamo al giorno d'oggi come ripercorrere i passi dei nostri progenitori.

2 Col termine fegato di zolfo chiamiamo quel solfuro di potassio dal caratteristico odore di uovo marcio con cui artisti all'avanguardia riescono ad antichizzare oggetti d'argento e di rame, di bronzo e di ottone, creando una patina uniforme di grande effetto. Siamo nel campo della restaurazione artigianale. Si sciolgono una parte di fegato di zolfo in 20 parti di acqua calda demineralizzata e 2 di ammoniaca concentrata. E il risultato finale è il nostro colore zolfo.

Continua la lettura

3 Passiamo ora ai coloranti vegetali.  La materia prima ci sarà data dall'erba guada, una pianta che cresce spontanea in Cina ed Europa, e coltivata in India.  Approfondimento Come Mescolare I Colori (clicca qui) La luteolina presente nei fiori è il principio attivo che, unito a corteccia di quercia tintoria, a zafferano e all'aloe, riproduce il colore dello zolfo allo stato solido.  I nostri saggi antenati solevano "immergere lo panno nella guadarella" (la nostra erba guada) traendo, previa "lunga aspettazione" un tessuto al colore di zolfo puro.

4 Nelle arti decorative e pittoriche il color zolfo può essere raggiunto con una miscela di colori. I colori utilizzati in queste arti sono i colori acrilici, avremo bisogno del giallo come base, del rosso e del blu. In un recipiente metteremo quattro parti di giallo e una parte di rosso, dopo aver miscelato aggiungeremo una punta di blu. Avremo così ottenuto il color zolfo, caldo ed intenso, che utilizzeremo per le nostre pitture e creazioni. Buon divertimento!

Come dipingere un paesaggio montuoso Ogni artista si ritrova ad affrontare, nel corso della sua vita ... continua » Come comporre i colori da quelli primari In natura esistono tre colori primari, ovvero colori che non possono ... continua » Come preparare il colore marrone con le tempere Per preparare il colore marrone con le tempere occorre semplicemente conoscere ... continua » Come mescolare le tempere e creare nuovi colori L’arte è la forma più complessa di espressioni, che consentono ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come dipingere un tramonto

Il paesaggio al tramonto è sempre molto suggestivo. Fonte di ispirazione poetica ed artistica, suscita emozioni profonde, quasi irripetibili. Gli artisti poi ne vengono particolarmente ... continua »

Come disegnare le fiamme

Ci sono forme in natura che sono facili da disegnare. Ma per poterle fare occorre osservarle, per poi rappresentare ogni minimo particolare. Tra le più ... continua »

Come disegnare un vampiro

Disegnare un vero e proprio vampiro è abbastanza difficile se non si conoscono alcuni trucchi che possano facilitare di parecchio il lavoro, aiutando quindi ad ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.