Come ottenere il colore dell'incarnato

di Anna C. tramite: O2O difficoltà: media

La miscelazione dei colori, indipendentemente dalla tecnica di rappresentazione, non è poi così facile. Per ottenere un colore simile alla realtà bisogna fare molte prove e tentativi. Ogni colore va dosato con attenzione. Può capitare che il colore più impensato formi la tonalità desiderata. Gli artisti che si occupano dell'incarnato sono soprattutto i ritrattisti ed i pittori. Questa guida è di grande aiuto per capire come ottenere il colore dell'incarnato su tela. Scopriamo insieme la misteriosa combinazione di tonalità per riprodurre fedelmente il colore dell'incarnato.

Assicurati di avere a portata di mano: rosso giallo blu bianco terra d'ombra bruciata terra di Siena tavolozza da pittore tela

1 La parola incarnato fa pensare subito al colore rosa. In realtà l'incarnato si compone di diverse sovrapposizioni di colori. Quindi prima di iniziare, dato che non sono tutti uguali, scomponiamo l'incarnato in livelli di colore. Questa capacità ce l'ha esclusivamente un occhio attento ed allenato. Quindi non resta che andare a tentativi, almeno inizialmente. Procuriamoci allora quattro colori: rosso, giallo, blu e bianco. Prendiamo una tavolozza da pittore e versiamone una piccola dose di ciascuno separatamente. Mescolando questi quattro colori otterremo un colore molto scuro. Non spaventiamoci, perché si tratta solo di un colore di partenza che poi schiariremo.

2 Per schiarire questa base non useremo solamente il bianco, ma una miscela di due colori: il bianco ed il giallo. Il bianco è il colore schiarente mentre il giallo conferisce calore all'incarnato. Nel caso avessimo schiarito troppo l'incarnato, possiamo sempre scurirlo. Aggiungiamo allora una puntina di rosso oppure di blu. Questa era la combinazione di partenza per un incarnato chiaro. Per un incarnato medio ai primi 4 colori dobbiamo aggiungere due tonalità di marrone: terra di Siena e terra d'ombra bruciata. Questa volta la base di partenza si crea con il rosso ed il giallo. Ovviamente otterremo una tonalità aranciata. Poi aggiustiamo il colore aggiungendo il blu pochissimo per volta.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Le due terre servono per creare un incarnato olivastro.  Mescoliamo tra loro la terra d'ombra bruciata e la terra di siena Approfondimento Consigli per dipingere bene i corpi umani (clicca qui) Mi raccomando di unirle in parti uguali, nessuna delle due deve prevaricare.  Aggiungiamo questa tonalità di terre alla base appena ottenuta, alternandola con il colore blu.  Ricordiamoci di non mettere mai troppo prodotto.  Facciamo sempre in tempo a metterne dell'altro, ma non possiamo tornare indietro.  Procedendo con questo modo possiamo creare tutte le tonalità che vogliamo di incarnato.  Con un po' di impegno riusciremo ad ottenere quello desiderato.

Non dimenticare mai: Laviamo il pennello passando da un colore all'altro Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come un vero pittore: cavalletto e tavolozza fai da te

Come disegnare un paesaggio marino al tramonto Un paesaggio marino al tramonto è per molte persone il paesaggio ... continua » Come dipingere un ritratto con colori ad olio La pittura ad olio è una tecnica antichissima di profondo effetto ... continua » Come comporre i colori da quelli primari In natura esistono tre colori primari, ovvero colori che non possono ... continua » Come Mescolare I Colori Saper mescolare i colori nella maniera corretta è davvero fondamentale, specialmente ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come dipingere ad olio un volto

In questa guida, vogliamo parlare di un argomento molto interessante ed anche divertente, e cioè quello della pittura. Nello specifico vogliamo proporvi il modo per ... continua »

Come dipingere un tramonto

Il paesaggio al tramonto è sempre molto suggestivo. Fonte di ispirazione poetica ed artistica, suscita emozioni profonde, quasi irripetibili. Gli artisti poi ne vengono particolarmente ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.