Come preparare il colore verde con le tempere

di Raffaele Raff tramite: O2O difficoltà: media

Con i colori primari (giallo, rosso e blu), si possono andare a creare tutte le altre tinte della tavolozza e anche in modo migliore. Per preparare il colore verde con le tempere, infatti, c'è solo bisogno del giallo e del blu. Si può anche determinare la scala di profondità, chiarezza o intensità del colore stesso. Dopotutto nel mondo dell'arte dire "verde" equivale a dire qualcosa di molto (troppo) generico, in quanto le sfumature sono tantissime: dal verde acqua al verde smeraldo, dal verde prato al verde vescica e così via. Nella guida che segue, vediamo insieme come preparare il colore verde con le tempere, imparando anche qualche astuzia per modificarlo.

Assicurati di avere a portata di mano: Pennelli di diverse dimensioni e tela Fogli di prova Acqua Colori primari: giallo e blu Piatti di plastica o fiore dei colori

1 Pensando ai tubetti di tempera, immagino ne abbiate un minimo di cinque. In questi, sicuramente avrete il rosso, il giallo e il blu, colori primari per eccellenza. Per preparare il colore verde con le tempere vi serviranno solo il giallo e il blu, quindi cominciate a prenderli e a metterli da parte. Prendete ora un piatto di plastica o meglio ancora quello che in gergo viene definito un "fiore" per creare così più verdi diversi. Ora spremete da una parte un po' di giallo e dall'altra parte un po' di blu. Scegliete un pennello abbastanza grosso per mescolare, come per esempio un numero 8 o un numero 10.

2 Ora seguite questo criterio: più blu metterete rispetto al giallo, più il verde ottenuto sarà scuro e particolarmente profondo. Al contrario, più giallo metterete rispetto al blu, più il vostro verde sarà chiaro e luminoso. Se fate un prato quindi, vi serviranno entrambe le sfumature. Ecco perché potete divertirvi come meglio credete e, in questo modo, creare tante tinte diverse ma appartenenti allo stesso colore madre. Ricordatevi di usare per ogni colore di verde creato un pennello diverso, per impedire che vi si "sporchi" un verde scuro con un verde chiaro e viceversa.

Continua la lettura

3 Ora che avete creato una rosa di diverse tonalità e avete imparato come preparare il colore verde con le tempere, dovete anche pensare alla sua consistenza.  Accanto a voi mettete sempre un bicchiere di acqua.  Approfondimento Come preparare il colore azzurro con le tempere (clicca qui) Più acqua utilizzerete per mescolare le vostre tinte, più il risultato che otterrete sarà un colore trasparente o comunque più chiaro di quanto pensiate.  Per questo motivo adottate questo consiglio finale: fate sempre delle prove in fogli di brutta per capire meglio la resa reale del vostro colore una volta steso.  Una volta asciugato, se il risultato sarà di vostro gradimento allora potrete procedere.  Seguendo gli accorgimenti di questa guida, avrete imparato come preparare il colore verde con le tempere e anche come sfumarlo a vostro piacimento!. 

Non dimenticare mai: Create sempre più colore che meno, poiché meglio buttarne un pochino che rischiare di non riprodurlo uguale, anche perché difficilmente accade.

Come creare tutti i colori con le tempere Per dipingere un quadro con i colori a tempera, non occorre ... continua » Come dipingere il mare Con questa guida ci proponiamo di darvi delle dritte sulla tecnica ... continua » Come Mescolare I Colori Saper mescolare i colori nella maniera corretta è davvero fondamentale, specialmente ... continua » Come mescolare le tempere e creare nuovi colori L’arte è la forma più complessa di espressioni, che consentono ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come ottenere il color zolfo

i sarà sicuramente capitato di dover pitturare un particolare oggetto e per farlo avremo bisogno di riprodurre un colore ben preciso. Questa operazione non è ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.