Come realizzare il color ghiaccio con le tempere

di Maria Grazia Leotta tramite: O2O difficoltà: media

I colori si suddividono in due grandi categorie: i colori caldi e i colori freddi. Fanno parte del primo gruppo le tinte che suggeriscono una sensazione di calore come il rosso, l'arancione e il giallo mentre i colori freddi sono quelli che suggeriscono basse temperature come il blu, l'azzurro, il verde e il color ghiaccio. Ma come si ottiene quest'ultimo? C'è un modo e adesso vedremo insieme come realizzare il color ghiaccio con le tempere.

Assicurati di avere a portata di mano: colori a tempera

1 Quali tinte scegliere Il color ghiaccio è un derivato del colore dell'acqua che a sua volta viene dal blu. Nel ghiaccio predomina il bianco con una piccola percentuale di blu poiché i colori freddi si schiariscono con il bianco mentre quelli caldi con il giallo. Sono quindi le tonalità del blu che fanno sì che si possa ricreare il color ghiaccio. A queste tinte bisogna aggiungere tonalità di grigio e bianco per ottenere l'effetto desiderato.

2 Le quantità di tempera da utilizzare Per rendere il color ghiaccio quanto più simile alla realtà, I colori a tempera se ben utilizzati sia in fase di applicazione che in fase di preparazione, hanno delle proprietà tecniche straordinarie per poterlo realizzare. La regola principale è quella di contenere una tonalità molto chiara con sfumature in fase di realizzazione. Queste sfumature si possono ottenere con il blu o le tonalità di grigi e una base corposa di tempera bianca. Tenete presente che i colori freddi tendono ad allontanarsi nella visione di chi li osserva. Discorso diverso per i colori caldi che invece tendono ad avvicinarsi. In parole più semplici e comprensibili, il color ghiaccio deve dare l'impressione della trasparenza, di qualcosa di etereo e di freddo. Tenendo conto della base chiara e neutra, con le varie sfumature dobbiamo cercare di dare l'effetto della profondità. I colori da usare per sfumare sono i blu e le tonalità di grigio.

Continua la lettura

3 Applicate sulla tela
Il consiglio più importante di cui dovete tenere conto è che non dovete provare direttamente sulla tela perché rischiate di sporcarla inutilmente o di rovinare quello che avete già realizzato.  Fate la prova su una tela utilizzata per le prove facendo attenzione a dosare bene i colori.  Approfondimento Come dipingere con il ghiaccio (clicca qui) Importante anche il tipo di tempera e la diluizione.  Quando avrete ottenuto il color ghiaccio e siete soddisfatti del risultato, potete applicare il colore sulla vostra tela.  Se proverete una sensazione di freddo, avrete la prova che l'esperimento è perfettamente riuscito.  A volte non si riesce al primo colpo ma la pratica e l'esperienza faranno senza dubbio la differenza.

Come dipingere un ritratto ad olio Quando guardiamo una persona, dal vivo o ritratta in un'immagine ... continua » Come dipingere il mare Con questa guida ci proponiamo di darvi delle dritte sulla tecnica ... continua » Come preparare il colore arancione con le tempere Il termine colore a tempera indica colori coprenti all'acqua formati ... continua » 5 consigli per dipingere con le tempere Pigmenti in polvere mescolati con emulsionanti in fase acquosa danno vita ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come dipingere un bosco

Durante il corso della storia dell'arte, sono stati scelti tantissimi soggetti da rappresentare, di questi soltanto alcuni sono rimasti ad oggi.
Tra tutti, il ... continua »

Come disegnare un olivo

L'olivo ha delle antichissime origini. Documenti e scoperte archeologiche ne fanno risalire la coltivazione a più di 6000 anni addietro. Attorno all'olivo ci ... continua »

Come fare un mosaico a tempera

State attraversando un periodo di creatività molto particolare, desiderando di creare qualcosa di speciale, unico, originale e in modo particolare con le vostre mani, avendo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.