Come realizzare un paesaggio con la tecnica dell'encausto

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Cimentarsi nella realizzazione di un quadro con un paesaggio, utilizzando la tecnica dell'encausto, potrebbe non essere così difficile. Cos'è l'encausto? L'encausto è una tecnica pittorica molto antica e di grande effetto. Questa può essere applicata sui muri, ma anche su marmo, legno, avorio e terracotta.  La tecnica originaria prevede che i colori vengano miscelati a cera punica e mantenuti caldi su dei bracieri e poi stesi con dei pennelli o delle spatole sul supporto.  

26

Occorrente

  • Muro
  • acquaragia
  • colori a tempera
  • pennelli di varie dimensioni
  • cera liquida per pavimenti
36

Prendete i colori a tempera che avete scelto di utilizzare per realizzare il vostro paesaggio. Spremete i tubetti in ciotoline separate ed eventualmente miscelate in un secondo momento nel caso in cui vogliate creare delle tonalità diverse. Aggiungete in ogni ciotolina della cera liquida fino ad ottenere un composto non eccessivamente liquido per evitare possibili colature in fase di pittura.  A questa miscela andrà addizionata l'acquaragia. Amalgamate per bene il composto ed iniziate
a dipingere prelevando i colori dalle ciotole. Utilizzate varie tonalità di azzurro per il cielo, aggiungendo qualche sfumatura bianca per dare l'idea delle nuvole. Utilizzate il verde scuro come base per creare delle colline. Potreste aggiungere qualche tocco di giallo e marroncino.

46

Quando avrete concluso il dipinto attendete qualche giorno (due dovrebbero bastare) affinché si asciughi la tempera e si formi il film pittorico. Una volta finita la fase di asciugatura passate alla fase successiva che consiste nel dare una passata di cera liquida per pavimento su tutta la superficie del dipinto. Potrete compiere quest'operazione attraverso l'utilizzo di un pennello di medie dimensioni. Fate in modo che il pennello non sia troppo bagnato per evitare colature, che possono essere eventualmente riprese, ripassando rapidamente sulle gocce. La stesura deve essere uniforme. Per ottenere il risultato migliore è meglio stendere una seconda mano di cera liquida, non appena si sia asciugata la prima. A questo punto attendete una decina di minuti.

Continua la lettura
56

Adesso accendete il phon e diffondete aria molto calda, con un movimento circolare, a 10-15 centimetri di distanza dal dipinto. Inizierete ad osservare un effetto lucido/satinato. Con questa operazione i colori si mischiano meglio alla cera e alla stesura finale
Finita l’opera di riscaldamento di ogni parte del vostro dipinto, attendere almeno un’ora e iniziate la fase della lucidatura a mano. Utilizzate un panno abbastanza morbido. Con il passare dei giorni l’effetto splendente diminuirà e la vostra opera acquisirà un aspetto decisamente più satinato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La fase di asciugatura può essere notevolmente accelerata attraverso l'utilizzo del phon

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra

La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824. Oggigiorno esso è meta di numerosi turisti che si recano appositamente per visitare le famosissime opere che vi risiedono all'interno. In questa guida pertanto verranno presentati i dieci quadri...
Arti Visive

Come valutare un dipinto

Un'opera d'arte ha in genere una funzione estetica. L'arte fisica si esprime attraverso la pittura, la scultura, l'architettura nonché la fotografia. Esiste poi l'arte scenica o teatrale basata sulla musica, la danza ed il cinema. Un pennello, una tela...
Arti Visive

Tecniche per dipingere l'erba di un prato

Quando si osserva un dipinto il primo particolare che si nota sono i colori. In questo modo si riesce a cogliere la forma e le sue sfumature. Per ogni tipo di dipinto si possono utilizzare varie tecniche. Naturalmente, queste variano secondo il soggetto...
Arti Visive

Leonardo da Vinci: le opere più importanti

Leonardo da Vinci (1452-1519) è stato uno delle figure più importanti del Rinascimento italiano ed è considerato uno dei più grandi geni dell'umanità. Leonardo si occupò infatti di scultura, architettura, anatomia, e fu pittore, musicista e inventore....
Arti Visive

Edvard Munch: le principali opere

Edvard Munch 1863-1944) è stato un artista norvegese, tra i primi a concepire l'espressionismo, un modo dell'artista di dipingere un quadro facendone prevalere l'emotività interiore. La sua vita è stata segnata da eventi tristi, come la morte della...
Arti Visive

Come utilizzare i colori ad olio

La pittura a olio è una tecnica pittorica che utilizza pigmenti in polvere mescolati con basi inerti e oli. Le origini della pittura a olio affondano le radici nell'antichità; ne davano notizia già Marco Vitruvio Pollione, Plinio il Vecchio e Galeno....
Arti Visive

Come restaurare un dipinto moderno

Siete alle prime armi e non avete abbastanza esperienza su come restaurare un dipinto moderno? Niente paura. Se ci giriamo intorno alle chiese è possibile notare come molti affreschi o quadri sono stupendi. I colori utilizzati per vivacizzare un dipinto...
Arti Visive

5 consigli per un dipinto che ritrae le montagne

Da sempre i paesaggi sono l'ispirazione principale di chi dipinge. Fin da bambini siamo abituati a disegnare montagne, case e nuvole. Se invece ancora da adulti abbiamo questa passione, la cosa si fa seria. Realizzare un dipinto che ritrae le montagne...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.