Come riconoscere gli stili pittorici

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Il procedimento da attuare per distinguere più stili pittorici non è molto semplice e, comunque, ci vogliono molti anni di esperienza e conoscenza prima che una persona riesca nell’intento. Si può avere un’ infarinatura generale che può aiutare nella collocazione storica del dipinto stesso, si può comprendere la nazionalità e il linguaggio. Questo ultimo, molto importante, è una firma che lasciano tutti i pittori, in quanto ognuno attua il proprio metodo di lavoro. Tramite questo tutorial vi spiegheremo come riconoscere alcune dipinti, con una conoscenza artistica basilare, in modo da riuscire a districarvi nelle numerose opere giunte fino a noi.

24

Iniziamo a comprendere le opere che vanno dal Duecento al Quattrocento, mettendo in evidenza tutti i cambiamenti. I primi dipinti del Duecento riguardavano, principalmente, soggetti di tipo religioso, messi al centro del quadro, molto piatti, senza un minimo di prospettiva e profondità, contornati da altre figure, poste accanto, più piccole rispetto al soggetto stesso. Questo permetteva di rendere il soggetto centrale più grande e visibile. Il tutto dipinto con colori oro, che adornavano anche le vesti. Nel Trecento, grazie agli studi di Giotto, le rappresentazioni variano moltissimo, a causa della presenza di elementi architettonici e un piccolo accenno di prospettiva. Inoltre si iniziano a rappresentare scene in movimento, non più statiche.

34

Nella seconda metà del Cinquecento si può ammirare la prima rappresentazione della notte e i ritratti, su scene che rappresentano la storia passata. Non che, vi è la presenza di uno sfondo più colorato, sgargiante, con rappresentazioni molto michelangiolesche. Nel seicento troviamo un maggiore contrasto luminoso, la crudezza delle immagini, molto realistiche. A rendere tutto ciò più affascinante sono la rappresentazioni di corpi plastici con una luce quasi teatrale. Nel Settecento iniziale vi è un chiarismo nei colori da parte di Tiepolo, un ritorno alla preziosità, al particolare, alla leziosità dei gesti, al Verismo da parte dei Vedutisti e alla fine del Settecento un ritorno alla mitologia, al classico e a un disegno puro.

Continua la lettura
44

Alla fine del Quattrocento fino agli inizi del Cinquecento si ha una grandiosa modifica grazie a Leonardo Da Vinci. Si iniziano a rappresentare le figure, con il viso rivolto a tre quarti, inoltre si iniziano le rappresentazioni di più figure, una vicino all’altra, che danno maggiore movimento al quadro. Aumenta la prospettiva e si sviluppa il tratto sfumato dei personaggi. Aumenta l’uso dei colori ad olio, permettendo una maggiore rappresentazione della natura, che arriva ad occupare il primo piano della scena. Accresce la raffigurazioni di corpi in movimento e nudi, arricchiti dai monili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Guida alla pittura su tela

Fin da quando l'uomo ha memoria, la principale fonte di comunicazione e scrittura è stata la pittura. Agli albori l'uomo era solito lasciare traccia di se raccontando le proprie gesta attraverso curiose ed utili pitture rinvenute in antiche caverne e...
Arti Visive

Canova: le principali opere

L'epoca del Neoclassicismo in ambito artistico vede tra i suoi maggiori esponenti il marchese Antonio Canova. Originario di Venezia, città che gli diede i natali nel 1757, Canova viene ricordato per la bellezza delle proprie sculture. Le linee sinuose...
Arti Visive

Come dipingere in stile astratto

Dipingere è un'attività molto rilassante, capace di stimolare la fantasia e la creatività di ogni persona. La mente si libera dello stress quotidiano e si riempie di forme e figure della nostra immaginazione. Chiaramente, ci sono diversi stili pittorici,...
Arti Visive

Come utilizzare la tecnica dell'acquatinta

Alcune volte ci capita di perdere molto tempo girando per i vari negozi, alla ricerca di un regalo unico e particolare per i nostri amici o parenti e, spesso, dopo tanta fatica per la ricerca, il suo costo risulta anche molto elevato. Potremo quindi provare...
Arti Visive

Come iniziare a dipingere un quadro ad olio

La pittura ad olio è uno dei metodi pittorici più utilizzati nei quadri: si tratta di una tecnica estremamente complessa che conserva inalterato il suo fascino fino ai nostri giorni. Quante testimonianze di quadri famosi abbiamo nelle gallerie d'arte...
Arti Visive

I maggiori esponenti del romanticismo

Il Romanticismo è un movimento culturale che si sviluppa in Germania alla fine del diciottesimo secolo: nasce in contrapposizione all'Illuminismo, che aveva dominato l'intero secolo precedente. Viene introdotto dallo "Sturm und Drang", dal quale prende...
Arti Visive

Come utilizzare i pastelli acquerellabili

Illustrare la propria fantasia è una delle prime arti che impariamo ad esprimere. Maneggiare matite, pennelli e colori è, spesso, anche una forma di intrattenimento. Ogni bambino, ad esempio, ama dare vita ai propri sogni con carta e pastelli. Si tratta...
Arti Visive

Montano d'Arezzo: biografia e dipinti

Se siamo degli amanti dell'arte, ci sarà sicuramente capitato di voler ottenere maggiori informazioni sulla vita e le opere di alcuni particolari artisti che più preferiamo. Grazie ad internet potremo facilmente reperire tutte le informazioni di cui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.