Come ripulire e restaurare un dipinto ad olio

di Maurizio Bianchi tramite: O2O difficoltà: media

La pittura ad olio con il tempo tende a sporcarsi e i vecchi dipinti realizzati con questa tecnica possono perdere di brillantezza e apparire opachi. Se abbiamo in casa un quadro ad olio i cui colori sono diventati spenti, non perdiamo le speranze: prima di metterlo in soffitta e dimenticarlo, possiamo riportarlo al suo originale splendore. Serviranno una buona dose di pazienza e tanta buona volontà ma il risultato finale sarà soddisfacente. Vediamo quindi come è possibile ripulire e restaurare un dipinto ad olio.

Assicurati di avere a portata di mano: un pennello grande, molto morbido e pulito cotone idrofilo un grosso panno pulito (più grande del quadro) essenza di trementina (reperibile nei colorifici ben forniti) cotton fioc un piccolo pennello morbido stracci puliti acetone (reperibile nei colorifici ben forniti) vernice protettiva per colori ad olio un pennello di setole di cinghiale piatto

1 Come prima cosa dovremo togliere la tela dalla cornice. Se il dipinto è coperto da un vetro togliamolo e provvediamo a pulirlo con un panno pulito. Facciamo molta attenzione perché spesso i bordi dei vetri adoperati per proteggere i quadri possono essere molto taglienti. Prendiamo quindi tutte le precauzioni necessarie per non tagliarci, ad esempio possiamo utilizzare dei guanti protettivi. Puliamolo come faremmo con qualsiasi altro vetro e lasciamolo da parte.

2 A questo punto possiamo procedere con la pulizia della tela. Il primo semplice trattamento da fare riguarda la polvere che andrà rimossa da tutta la superficie con l'ausilio di un pennello morbido e ben pulito. Procediamo muovendo il pennello dall'alto verso il basso, quindi ruotiamo la tela di novanta gradi e passiamo nuovamente il pennello. L'operazione dovrà essere compiuta in tutti i sensi, fino a quando tutta la polvere sarà rimossa.

Continua la lettura

3 Proteggiamo la tela da possibili strappi inserendo dell'ovatta (cotone idrofilo) nei punti di contatto con il telaio, facendo particolare attenzione agli spigoli.  Per compiere questa operazione lavoriamo con la tela appoggiata a faccia in giù sopra un panno pulito.  Approfondimento Come utilizzare i colori ad olio (clicca qui) Sarà necessario procedere delicatamente, con calma e senza fretta.

4 Possiamo passare adesso alla fase di rimozione della patina. Giriamo la tela mettendola di nuovo con la parte dipinta in alto, in modo da poter procedere con il rinfresco e la pulizia dei colori. Servirà un piccolo batuffolo di cotone imbevuto di essenza di trementina. Iniziamo passando delicatamente il tampone su un angolo del dipinto e controlliamo che su di esso non rimangano tracce di colore. Dopo aver verificato che la pittura è sufficientemente resistente, possiamo procedere con la pulizia di tutta la superficie.

5 Il cotone andrà sostituito non appena diventa sporco. Nel caso in cui il quadro abbia una superficie molto ruvida, dovremo provvedere a completare l'opera con l'ausilio di un cotton fioc imbevuto di essenza di trementina. Se neppure in questo modo si dovesse riuscire ad arrivare nelle parti più nascoste, potremo utilizzare un piccolo pennello intinto nella trementina, tamponando di volta in volta il dipinto per rimuovere gli eccessi di liquido.

6 Se dopo aver effettuato la pulizia, se la vernice protettiva dovesse presentarsi screpolata, sarà necessario asportarla. A tal fine verseremo in due scodelline distinte della trementina e dell'acetone, imbeviamo un tampone pulito in ciascun liquido. Teniamo in una mano il tampone con l'acetone e nell'altra quello con la trementina, quindi passiamo delicatamente il tampone con l'acetone e subito dopo quello con la trementina. L'acetone agirà sciogliendo la vernice protettiva, mentre la trementina servirà a rimuoverla. Anche in questo caso inizieremo da un angolo del dipinto, per verificare la resistenza dei colori. I tamponi andranno cambiati spesso.

7 L'ultima operazione da effettuare è la riverniciatura, prima però, dovremo lasciare la tela ad asciugare completamente, lontano da fonti di calore. Una volta che il dipinto è completamento asciutto, stendiamolo con la parte pitturata in alto, sopra un piano orizzontale pulito. Stendiamo un sottile strato di vernice protettiva specifica per colori ad olio. Il pennello ideale da utilizzare per compiere questa operazione, è un pennello estremamente pulito e morbido, possibilmente in setole naturali. La vernice deve essere stesa in uno strato uniforme e leggero, quindi deve essere fatta asciugare completamente, lasciando la tela in posizione orizzontale. Dopo qualche giorno, potremo procedere a rimontare il quadro.

Non dimenticare mai: Procedi sempre con molta calma, non devi avere fretta l'acetone è un solvente molto potente, non insistere troppo nello stesso punto

Come dipingere gli alberi a olio Quella a olio è una tecnica pittorica molto amata dagli artisti ... continua » Come iniziare pitturare un quadro La pittura è la più importante forma d'arte, sollecita l ... continua » Come dipingere ad olio un paesaggio La pittura rappresenta un hobby assolutamente polivalente. Nello specifico, infatti, consente ... continua » Come dipingere il mare Con questa guida ci proponiamo di darvi delle dritte sulla tecnica ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come dipingere l'arcobaleno

Se vi siete da poco avvicinati alle belle arti ed in particolare alla pittura, avete fatto un'ottima scelta. Dipingere non solo vi permetterà di ... continua »

Come dipingere olio su tela

Se abbiamo sempre sognato di riuscire a realizzare un bellissimo dipinto con le nostre mani, ma non conosciamo le varie tecniche necessarie per riuscirci, potremo ... continua »

Guida alla pittura su tela

Fin da quando l'uomo ha memoria, la principale fonte di comunicazione e scrittura è stata la pittura. Agli albori l'uomo era solito lasciare ... continua »

Renoir: le migliori opere

La storia dell'arte è piena di artisti e pittori che hanno contribuito ad arricchire con la loro opera la cultura mondiale. Gli impressionisti con ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.