Come scegliere un corso di dizione

di Pierangelo Stano tramite: O2O difficoltà: media

La storia della lingua italiana, così come la stessa storia italiana, è decisamente complessa, caratterizzata di lotte per il dominio linguistico e di una serie di inflessioni dialettali che si sono inserite nel nostro linguaggio, e che sono tuttora presenti nella nostra quotidianità. Nonostante le innumerevoli diversità esistenti tra regioni, province e comuni, esiste una lingua italiana ed esistono una serie di scuole di dizione o corsi singoli, che possono insegnarci a correggere i nostri errori e le nostre inflessioni regionali. Ma come fare a scegliere la scuola più adatta a noi o il corso migliore? Questa guida ci offre dei suggerimenti per decidere come scegliere un corso di dizione.

1 Scuole di teatro Le possibilità di scelta di un corso di dizione, soprattutto nelle grandi città sono ampie; generalmente le scuole di teatro offrono spesso la possibilità di partecipare a tali corsi in quanto hanno la necessità di insegnare agli aspiranti attori il giusto modo di pronuncia delle parole. In tal caso però bisogna assicurarsi che non utilizzino una dizione spiccatamente teatrale che potrebbe da un lato risultare troppo ostica da imparare e dall'altro un po' buffa nel parlare. Solitamente, infatti, quando una persona segue un corso di dizione, molte persone che lo circondano improvvisamente inizieranno a sentirlo parlare diversamente.

2 Evitare corsi online Decisamente da evitare invece i corsi online, molti siti web offrono corsi di dizione che possono risultare utili per ripassare le regole e ascoltare la voce di chi sa ben parlare in dizione, ma per imparare bene la dizione è necessario essere seguiti da un maestro che ascolti la nostra voce e che può segnalarci tutti gli errori. Il primo obiettivo di un corso di dizione è infatti "ascoltare": il nostro orecchio deve imparare ad individuare gli errori (sia in noi che negli altri) e a correggerli automaticamente.

Continua la lettura

3 Non essere precipitosi La scelta infine non deve assolutamente essere precipitosa.  Un ottimo primo passo è seguire la lezione di presentazione del corso (che ogni buona scuola organizza); il primo approccio con la dizione è importantissimo sia per stabilire la giusta empatia con i compagni del gruppo e l'insegnante del corso sia per non vergognarsi mai del modo che si ha di parlare o delle continue correzioni.  Approfondimento Recitazione: esercizi di pronuncia (clicca qui) Utile può essere l'associazione al corso di dizione anche di un corso di lettura, per imparare a leggere bene, anche in pubblico e con il microfono, cosa che può sempre essere utile.  Fondamentale è l'applicazione continua delle regole acquisite.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Manuali di dizione: quali scegliere?

Dizione lingua italiana: le principali regole L'ars oratoria veniva già studiata nell'antica Roma come disciplina ... continua » 10 errori comuni dell'attore esordiente La recitazione, il mondo del cinema, ed ancor più quello del ... continua » Le regole base della dizione La dizione, detta anche ortoepia (ossia pronuncia corretta), si occupa di ... continua » Come migliorare la recitazione La recitazione è un valido strumento per poter lavorare nel campo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come diventare attore di teatro

Recitando possiamo dare sfogo a tutte quelle che sono le nostre fantasie e le nostre abilità. Questa guida vuole offrirvi delle utili indicazioni per conoscere ... continua »

Come recitare in un musical

L'arte della recitazione è un'arte piuttosto antica come anche quella della musica. Entrambe hanno generato nel corso dei secoli moltissime opere degne di ... continua »

Come fare il ventriloquo

L'arte della recitazione racchiude un vasto campo di attività che si possono intraprendere ed imparare seguendo determinate scuole. Una delle arti più strane e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.