Come scrivere le note sul pentagramma

di Girolama Adelfio tramite: O2O difficoltà: media

La musica ha da sempre affascinato l'uomo che nel corso dei secoli è riuscito a creare brani musicali, sinfonie e molto altro ancora per allietare le proprie orecchie e la propria anima. Tuttavia per poter iniziare a suonare uno strumento sarà fondamentale imparare a scrivere e leggere le note musicali. Potrebbe sembrare un'impresa ardua, ma in fondo non lo è! Basta un po' di impegno e amore per la musica! È importante sapere che esiste un quaderno apposito, il pentagramma o rigo musicale e, che le note sono sette: DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI. Leggete attentamente gli utili suggerimenti che troverete in questa guida su come scrivere le note sul pentagramma.

Assicurati di avere a portata di mano: quaderno per la musica penna

1 Il pentagramma generalmente è formato da cinque linee parallele e quattro spazi che, le distanziano una dall'altra. Le note vengono scritte sia sulle linee che negli spazi, ma anche fuori, aggiungendo i cosiddetti "tagli addizionali" che altro non sono che delle piccole lineette che tagliano le note e permettono di riconoscerle. DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI, si ripetono sempre nella stessa successione. Questo significa che dopo il SI abbiamo di nuovo un altro DO, che sarà però di un'altezza maggiore al precedente. Il gruppo formato dalle sette note più il DO successivo forma un'ottava. In base alla disposizione, una scala musicale può essere ascendente se si parte dal DO per arrivare al SI e, discendente se viene posizionata al contrario. Affinché tutto risulti più chiaro, provate ad osservare la tastiera di un pianoforte, constaterete che la successione dei tasti è sempre la stessa ma, partendo da sinistra e procedendo verso destra otterrete suoni sempre più acuti ad ogni ottava.

2 Prima di cominciare, ricordiamo che all'inizio del pentagramma va riportato il simbolo della chiave, che fa riferimento ad una nota specifica. In genere si fa parla di chiave di violino, detta anche chiave di sol perché posizionata sulla riga dell'omonima nota. È bene sapere però che ne esistono sette:
- la chiave di sol
- la chiave di fa
- la chiave di baritono
- la chiave di soprano
- la chiave di mezzo soprano
- la chiave di contralto
- la chiave di tenore.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Posizionate prima di tutto la chiave di violino sul secondo rigo, quello riservato alla sua nota poi, scrivete sul primo rigo, partendo dal basso il MI, sul secondo il SOL, sul terzo il SI.  Nel primo spazio il FA e nel secondo il LA.  Approfondimento Come imparare a leggere la musica dal pentagramma (clicca qui) Il RE invece va' posto sotto al primo rigo, mentre il DO, con un taglio addizionale, va messo su una linea precedente alla prima.  Scrivere le note sul pentagramma potrebbe sembrare piuttosto difficile all'inizio, ma seguendo le indicazioni di questa guida e facendo molta pratica, riuscirete in breve tempo ad imparare e comporre tutti i brani musicali che vorrete.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: note musicali pentagramma il pentagramma

Come Leggere La Chiave Di Violino Chi ama la musica e desidera imparare a suonare uno strumento ... continua » Come leggere le note musicali L’uomo da sempre ama la musica che gli provoca forti ... continua » Come memorizzare la chiave di fa La musica è un dono; è quanto di più affascinante possa ... continua » Come Leggere La Chiave Di Basso La musica è una forma d'arte davvero affascinante. Chi esegue ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Dettato musicale: come farlo

Un dettato musicale è un esercizio che viene svolto principalmente nelle scuole di musica, negli istituti musicali e nei conservatori e consiste sostanzialmente nello scrivere ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.