Come scrivere un libro horror

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Scrivere un libro è un po' il sogno di chiunque, qualcuno lo fa per diletto, qualcuno perché vuole diventare uno scrittore famoso e raggiungere la fama che pensa di meritare. Esistono molti generi, e forse uno di quelli che più appassiona i giovani è il genere horror. Scrivere un buon libro però non richiede solo una buona tecnica narrativa, ma molta fantasia e ingegno, per far si che il racconto scorra in maniera fluida e sia apprezzata dal pubblico. Per scrivere un libro horror non serve solamente la fantasia. Il lettore vorrà ritrovare nella vostra opera le caratteristiche di questo genere ma anche la vostra personalità, il vostro stile, la vostra visione del mondo. Stephen King, ad esempio, ha più volte ammesso l'influenza di H. P. Lovecraft ma ha un modo di scrivere più concreto, tangibile.
Piccolo exursus storico: elementi cruenti sono presenti anche in libri antichi ma l'horror diventa genere autonomo nel periodo romantico. È spesso un modo per reagire ad un particolare momento storico, ha la funzione di liberarci dalle paure e, grazie a quello che viene definito effetto catartico, di farci apprezzare il ritorno alla tranquillità, alla normalità.
I personaggi, l'ambientazione e la trama sono gli elementi che differenziano ogni genere dall'altro e non fa eccezione l'horror. Vediamo quindi in questa guida come un buon libro horror, attraverso pochi passaggi che daranno ottimi spunti per chi vuole iniziare.

25

Descrivere i personaggi del racconto

I personaggi: è fondamentale una buona introspezione psicologica dei protagonisti, di fronte a situazioni estreme ogni persona rimane senza difese e si mostra per quello che è. È un presupposto importante per dare credibilità al personaggio e permettere l'identificazione del lettore, che proverà le stesse paure se l'autore avrà scandagliato con attenzione la natura umana.
Oltre a descrivere i tratti specifici di ogni protagonista, in modo che la rispettiva particolarità rimanga impressa, far emergere il carattere dalle scelte e dall'azione drammatica, scegliere di mostrare i fatti e non di raccontarli.
Spesso il “mostro” è un personaggio principale, in questo caso deve avere delle qualità, anche se usate in maniera negativa, che sono all'altezza o superiori dei protagonisti positivi. Più è combattuto il contrasto e più sale la tensione.

35

Creare un'atmosfera di paura

L'ambientazione: meglio evitare di perdersi in descrizioni troppo dettagliate e piene d'aggettivi, smorzano la suspense e rischiano d'annoiare. Frasi semplici e concise, scorrevoli ma penetranti, lo scopo è quello di creare un'atmosfera che risvegli le nostre paure ancestrali, radicate nell'inconscio (il buio, i luoghi inesplorati e misteriosi, lugubri, i cimiteri o le case abbandonate ecc.).
In un buon libro horror è più importante la descrizione dello stato d'animo dei personaggi che quella di un dato ambiente o di una scena scabrosa, provoca più paura una situazione cupa che un'azione sanguinolenta ed efferata. È molto facile cadere nelle stereotipo, bisogna fare molta attenzione a non “tingere” troppo di nero e rosso le pagine del libro, in un bel libro horror l'ambientazione accompagna la narrazione e non la soffoca.

Continua la lettura
45

La trama del racconto

La trama: partire da una situazione serena, tranquilla, e creare un crescendo di tensione fino al climax finale.
Un'altra regola fondamentale è collegare ogni azione con un rapporto di causa-effetto credibile ed evitare quindi che le scene appaiano slegate. La suspense creata con tanta cura rischia altrimenti di perdersi.
Lo scrittore di libri horror sceglie di solito una di queste due strade:
-racconta fenomeni “mostruosi” e inspiegabili (allucinazioni, forze ultraterrene, magie) e libera la propria fantasia con fantasmi, vampiri, demoni, licantropi.
-racconta fatti agghiaccianti che potrebbero succedere nella vita di qualsiasi persona (catastrofi, violenze, torture).
In ogni caso i protagonisti devono avere uno scopo da perseguire ad ogni costo, le capacità e la determinazione sono le qualità che rendono la storia avvincente, che suscitano l'ammirazione del lettore.
Non tutti gli scrittori horror inventano di sana pianta la storia, molti rielaborano in maniera personale miti e leggende già esistenti ed è forse la strada migliore per chi si cimenta per la prima volta con il genere.
Per scrivere un buon libro ed impadronirsi di una buona tecnica narrativa, si può iniziare ad ispirarsi a qualche autore preferito, imitando il suo modo di scrivere e adattandolo di volta in volta al proprio stile. E chi lo sa? Magari ne riuscirete ad inventare uno vostro. Non mi resta quindi che augurarvi buona fortuna e buon divertimento con i vostri romanzi.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Letteratura

i dieci migliori racconti di Stephen King

Non c'è incubo o delirio che Stephen King non abbia esplorato con il suo talento di narratore. Non c'è regista horror che non lo abbia letto con attenzione, quando non ha basato una pellicola su uno dei suoi racconti. Non c'è appassionato dell'horror...
Letteratura

Come scrivere il finale di un libro horror

Scrivere il finale di un libro horror è impegnativo almeno quanto scrivere l'inizio, perché bisogna tirare le fila, scegliere le parole giuste perché rimanga memorabile.Le parole hanno una potenza evocativa grande se collocate nel punto giusto e capire...
Letteratura

Come iniziare un racconto horror

Il cinema rappresenta un modo per distrarsi dai momenti tristi, o semplicemente per sfuggire dalla noia. I film che andiamo a vedere al cinema, o direttamente al calduccio in casa propria, sono molti. In base al genere preferito possiamo scegliere il...
Letteratura

Scrivere un buon racconto horror

Appena si finisce di leggere un romanzo spesso ci si sente un po' spaesati: si vorrebbe ritornare indietro, dentro alle pagine del libro, che però purtroppo sono finite. Questo accade specialmente quando ci si immerge in una realtà fantastica così...
Letteratura

I migliori scrittori americani di oggi

La letteratura contemporanea, malgrado l'insidia condotta dai nuovi media e dai social network, che veicolano indubbiamente nuove modalità di leggere e scrivere, è viva, fervida e ricca di autori di notevole spessore. In questo panorama attuale, gli...
Recitazione

Come raccontare una storia horror

Saper raccontare una storia non è una cosa cosi semplice come può sembrare; bisogna avere una cadenza scorrevole, saper scandire bene le parole e, soprattutto, saper sfruttare i toni della voce. Specialmente se stiamo parlando di un racconto di paura,...
Letteratura

10 motivi per leggere i libri di Stephen King

Stephen King è uno degli scrittori più prolifici di sempre, con oltre 50 romanzi, 160 racconti e 400 saggi, raccolti in centinaia di libri, che gli sono valsi vendite record (oltre 350 milioni di copie vendute) e alcuni dei riconoscimenti letterari...
Letteratura

I migliori romanzi di Edgar Allan Poe

La Letteratura è quanto di più prezioso abbiamo per esplorare nuovi mondi e sperimentare emozioni ed avventure sempre nuove nella veste dei vari protagonisti. Tra i classici della letteratura, tra le opere più belle ed interessanti da leggere, spicca...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.