Come scrivere un monologo comico

di Luna // tramite: O2O difficoltà: difficile

Tutti sanno che il teatro è costruito spesso sui monologhi. Un monologo se ben strutturato, è in grado di colpire, di prendere in mano la scena teatrale, di coinvolgere il pubblico, di farlo restare a bocca aperta per tutta la sua durata, ecc.. Parlare e fare un discorso sensato o anche assurdo di continuo su un tema che riprende più temi e si ricollega a diverse cose senza mai finire, può essere definito un vero e proprio monologo. Nel caso di un monologo comico, bisogna essere proprio bravi a scriverne il testo, e in questa guida, vi mostreremo come fare.

Assicurati di avere a portata di mano: Avere molta fantasia e molta voglia di far ridere.

1 Prima di scrivere un buon monologo, bisogna certamente avere una certa cultura teatrale o cinematografica comica. Un monologo comico deve essere studiato, capito, deve contenere battute ironiche, battute a doppio senso, collegamenti esterni per essere più lungo e particolare e deve essere senz'altro coinvolgente. Potete scrivere un monologo comico parlando ad esempio di un personaggio (non di voi stessi) in situazioni davvero imbarazzanti e divertenti, dovrete poi pensare di far innamorare il pubblico dell'eventuale personaggio durante la descrizione di questa persona, inserire dei momenti di pausa per far capire le battute al pubblico e farlo ridere nel momento giusto, ecc..

2 Per scrivere un monologo comico, partite in linea generale con un discorso, e cercate di nn svelare mai la fine del vostro racconto o monologo, perché dovrete in maniera comica coinvolgere il pubblico fino alla fine. Il monologo può anche raccontare di un personaggio attraverso una serie di vicende e di incidenti comici che lo hanno portato a compiere un gesto altrettanto comico e fuori di testa, può raccontare di momenti di follia, di isteria descritti sotto l'aspetto comico e divertente. Create sempre una struttura precisa per sviluppare al meglio il vostro monologo comico dividendolo in maniera sensata in un preciso e comico inizio, in una parte centrale davvero divertente e in un finale travolgente e delirante.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Ovviamente l'inizio del monologo comico, deve subito far ridere per far restare il pubblico attaccato alla bocca e all'aspetto di chi reciterà il vostro monologo.  La parte centrale dovrà essere il fuoco e il momento clou della storia, mentre la fine, può concludersi con una morale comica su tutta la storia che conclude l'evento, la vita o la storia che avete descritto.
Con un po' di studio, di fantasia e di passione per le sceneggiature teatrali, arriverete a formare un lavoro di grande successo.

Non dimenticare mai: Studiate monologhi già esistenti. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Come scrivere un monologo

Come scrivere un monologo I pensieri, le parole, i sentimenti vengono riportati, in letteratura, in ... continua » Come scrivere un racconto comico Scrivere è sicuramente un qualcosa di bello e allo stesso tempo ... continua » 10 regole per scrivere un testo teatrale Quando ci si approccia alla scrittura, si sceglie di esprimere se ... continua » 5 monologhi teatrali per un provino Quando decidiamo di presentarci per un provino in teatro, oltre la ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Teatro: come vincere l'ansia

Forse non lo sapete, ma alcuni tra i più grandi attori sono estremamente timidi.
Lo si può notare quando rilasciano interviste, o meglio ancora quando ... continua »

Costumi e maschere teatrali

Condizioni stravaganti ed umoristiche distinguevano invece le maschere impiegate nella commedia, che ricalcavano aspetti degli eroi ed entità divine con la bocca ristretta in un ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.