Come scrivere un'orazione funebre

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gli affetti sono la cosa più importante e preziosa che ogni essere umano possiede, ma purtroppo non durano in eterno. Capita, infatti, nella vita di dover dare degli addii a persone care e spesso ci si sente in dovere di salutarli con un epitaffio o un'orazione funebre per far sì che siano ricordati per sempre. In queste opere si parla delle azioni buone che le persone defunte hanno fatto in vita loro, ma anche di ciò che erano realmente. Scrivere delle parole al riguardo non è certo facile visto il dolore che offusca la mente, ma vediamo come fare passo passo. In questa guida daremo utili consigli su come scrivere un'orazione funebre che possa ricordare in maniera adeguata il caro estinto.

27

Informarsi bene sul defunto

Per prima cosa bisogna conoscere bene la persona a cui dedicarla. Inutile dire che se non la si conosce perfettamente è meglio evitare oppure si rischia di lasciare ricordi errati o parlare di ciò che il defunto odiava nella vita. Dunque bisogna prima informarsi bene.

37

Evidenziare i pregi del defunto

È possibile rivolgersi sia direttamente al defunto sia alle persone presenti alla celebrazione. Si può iniziare dicendo ciò che era la persona e che un po' tutti sanno, poi mano a mano si entra nei dettagli. Ad esempio: "Tizio era conosciuto da molti, era tranquillo e cordiale ma soprattutto generoso. Non tutti sanno che anni fa donò il bracciale d'oro regalatogli da sua nonna a un clochard...". Si possono aggiungere anche dei racconti che regalano un sorriso, nei quali il defunto ha fatto un gesto buffo o ha detto qualcosa di divertente.

Continua la lettura
47

Parlare di come sarà la vita senza il defunto

A questo punto bisogna parlare di come sarà adesso la vita senza la persona non più in vita e si fanno notare ancora meglio le cose dette al precedente punto, ossia tutti i suoi pregi. È possibile riferire anche qualche suo difetto, ma dicendo anche il modo in cui cercava di rimediare a ciò.

57

Esprimere i propri sentimenti verso il defunto

Arrivati ai saluti, si possono inserire dei saluti con racconti accaduti con la persona defunta dove si introducono cose piuttosto commoventi. E per ultimo mettere tutto ciò che si prova, come ad esempio "ti ho voluto bene dal giorno in cui mi sorridesti e mi aiutasti" oppure "sei stato speciale per me da quando ho aperto gli occhi e ti ho visto al mio fianco".
Sintetizzando il tutto si può anche parlare del defunto raccontando qualcosa di divertente all'inizio, qualcosa che riguardi un'opera buona fatta dal deceduto e una cosa commovente.
Scrivere un'orazione funebre non è certo uno dei momenti più belli ed emozionanti della propria vita, ma alle volte è necessario farlo. Ed è bene farlo nella maniera giusta per lasciare un buon ricordo della persona che ormai non c'è più.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Canova: le principali opere

L'epoca del Neoclassicismo in ambito artistico vede tra i suoi maggiori esponenti il marchese Antonio Canova. Originario di Venezia, città che gli diede i natali nel 1757, Canova viene ricordato per la bellezza delle proprie sculture. Le linee sinuose...
Arti Visive

Guida delle opere di Gaudì

Antoni Gaudì, nasce a Reus (Tarragona), in Catalogna, ed è oggi uno dei più grandi architetti spagnoli di cui si possa fare menzione. La sua vita è costellata di lutti e disgrazie familiari, a partire dalla prematura morte del fratello Francesc, col...
Mostre e Musei

Guida al Castel S. Angelo di Roma

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di turismo e, nello specifico, rimarremo nei confini italiani. Come avrete notato attraverso la lettura del titolo stesso che accompagna la nostra guida, ora andremo a offrirvi una guida al Castel...
Mostre e Musei

Visita alla Basilica di S. Lorenzo

All'interno di questa breve guida, andremo a parlare di cultura, e lo faremo attraverso l'arte. Cercheremo di offrirvi qualche informazione utile per spingervi a optare per una Visita alla basilica di S. Lorenzo.Tra i molti palazzi ed opere d'arte da...
Arti Visive

I maggiori esponenti del barocco

Il termine "barocco", deriva dal francese baroque e fu inventato nel corso del Settecento per contrapporre l'enfasi e l'esagerazione del Seicento alla razionalità illuminista. Proprio per questo, il suo stile mirava a stupire e affascinare, con l'abbondanza...
Mostre e Musei

Come e perché visitare il museo egizio di Torino

I Musei sono un ottimo luogo dove passare un fine settimana, alla scoperta e ricerca di nuove cose da sapere, esperienze da fare, dove aumentare la propria cultura. Ogni città che si rispetti possiede almeno uno o due museo piuttosto prestigiosi, all'interno...
Arti Visive

La pittura dell'arte etrusca

In qualsiasi epoca, l'Italia ha conosciuto diversi stili di arte con relativi artisti che fanno parte della storia del paese. Per arte etrusca, si intende lo stile artistico che si è sviluppato nei territori che vanno da nord di Roma fino ad arrivare...
Letteratura

Come scrivere una lettera informale

In questo articolo cercheremo di far capire ai nostri lettori come e cosa fare per poter scrivere una lettera informale, senza incorrere in errori e sbagli che finirebbero per compromettere il significato della stessa lettera. A tutti noi è capitato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.