Come suonare la grancassa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Uno degli strumenti più grandi, pesanti e che maggiormente incuriosisce grandi e piccini è indubbiamente la grancassa. Questo enorme tamburo è l'elemento più imponente presente in un'orchestra sinfonica, di un gruppo e anche di una batteria. In questo ultimo caso, però, viene comunemente chiamato con l'abbreviazione 'cassa'. È proprio un elemento indispensabile nelle bande di paese che, di norma, si esibiscono durante le feste patronali o le ricorrenze di maggior rilevanza sociale. In queste occasioni, la grande percussione è posta a capofila, quasi ad indicare la propria imponenza sugli altri componenti. La guida che segue indicherà in modo semplice e lineare come suonare la grancassa, ricordando che, in ogni caso, la cosa fondamentale è il continuo esercizio assiduo e lo studio meticoloso oltre che, naturalmente, una grande passione. Vediamo come procedere.

26

Occorrente

  • Grancassa
  • Bacchetta
36

Cosa si utilizza per suonare la grancassa

La prima cosa da sapere è che il suono della grancassa è determinato dalla percussione di una pelle tramite una apposita bacchetta di legno, conosciuta anche con il nome di 'mazza'. Solitamente in cima a questa bacchetta viene posto un piccolo elemento rotondo, di materiale più soffice per poter impattare in maniera non eccessivamente secca contro la membrana della cassa. Le pelli della grancassa sono due e fondamentalmente producono lo stesso suono; si trovano alle opposte estremità del corpo cilindrico di legno che compone lo strumento.

46

Come modulare il suono della grancassa

Generalmente il suono emesso dallo strumento non segue una nota precisa. È comunque utile, quando si suona in una banda o in una orchestra, 'orientare' verso l'armonia generale il suono che viene emesso. Fatelo allentando e restringendo le pelli della cassa; in questo modo produrrete una nota rispettivamente più bassa o più alta. Solitamente esistono degli attrezzi detti chiavi che consentono la manovra di restringimento o di allentamento delle suddette membrane.

Continua la lettura
56

Come fare durare di più o meno una nota prodotta dalla grancassa

È inoltre possibile lavorare molto sulla durata della nota che emetterà lo strumento. Per esempio, colpendo il centro di una pelle, saprete che il suono riuscirà a durare quanto più a lungo possibile; percuotendo invece verso l'esterno della pelle stessa finirete per ottenere un suono probabilmente più sordo e più cupo, ma al contempo anche dalla durata molto più breve quanto più vi avvicinerete ai bordi dello strumento. Allo stesso modo, praticando un foro nella pelle (tecnica usata nella cassa della batteria) potrete avere un suono dalla durata inferiore.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' comunque utile, quando si suona in una banda o in una orchestra, 'orientare' verso l'armonia generale il suono che viene emesso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Come montare una batteria

La batteria si compone di diversi elementi. Essenzialmente si distinguono piatti, tamburi ed altri strumenti a percussione. I piatti, di vari modelli, differiscono per diametro, profilo, spessore. Si riconoscono il crash, il ride, lo splash, l'hi-hat...
Musica

Come scegliere una batteria acustica

Scegliere la batteria acustica giusta per il proprio studio, scuola o casa comporta tutta una serie di conoscenze specifiche in materia. In questa guida vi aiuteró a sapere come comprendere le caratteristiche fondamentali di questo complesso strumento,...
Musica

Come scegliere le pelli della batteria

Sono molti i fattori che influiscono sul suono di un tamburo; le sue dimensioni, il tipo di legno, la pelle utilizzata e l'accordatura sono i principali. In base al suono desiderato, il batterista può agire su questi fattori a piacimento. La scelta della...
Musica

Come suonare il basso

Prima di vedere come suonare il basso, cerchiamo di capire cos'è. Con il temine " Basso", si indica uno strumento musicale, che produce suoni gravi. I bassi, sono una famiglia di strumenti, che generalmente fungono da accompagnamento e sostengono, ma...
Musica

5 tecniche fondamentali per suonare la batteria

Avete il ritmo che scorre nelle vene? Tutti gli oggetti che trovate si trasformano in strumenti musicali? Allora siete nel posto giusto: Invece che distruggere piatti, posate e quant'altro per emettere suoni che vagamente somigliano a quelli di una batteria,...
Musica

Come scegliere i piatti della batteria

La batteria è forse lo strumento maggiormente personalizzabile dato il numero di componenti che è possibile aggiungere o cambiare. Oltre ai tamburi (grancassa, rullante, uno o più tom e timpani) rivestono grande importanza i piatti perché non solo...
Musica

silenziare la batteria acustica con materiali di facile reperibiltà

Sei un amante e un abile suonatore della batteria ma i tuoi i vicini non ne possono più e minacciano di denunciarti? Niente paura, non occorrono grandi lavori di insonorizzazione. La batteria si può silenziare anche con materiali di scarto o comunque...
Musica

Come scegliere un rullante in metallo

La batteria, il noto strumento musicale, è composta da piatti e tamburi e più precisamente da grancassa, timpani e rullante. Questa tipologia di complesso risale al diciannovesimo secolo, ebbe origine negli Stati Uniti d'America e fece le sue prime...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.