Come visitare Castel Sant'Angelo Roma

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri cari lettori, a capire come poter visitare Castel Sant'Angelo di Roma. Quando si cammina lungo il Tevere a Roma, oltre ai ponti che permettono di andare da una parte all'altra, la cosa che più fra tutte salta all'occhio, è il bellissimo Castel Sant'Angelo. Particolare, sontuoso, quasi come se si trovasse sospeso tra i ponti del Tevere. Quando si pensa a Roma, non sempre si fa riferimento a questo bellissimo monumento che vale la pena visitare. Ecco come fare per visitare Castel Sant'Angelo. Iniziamo subito il nostro magnifico viaggio, tra le meraviglia romane!

26

Occorrente

  • guida pratica
  • cartina di Roma
36

Ponte Elio

Per arrivare al castello, si attraversa il maestoso Ponte Sant'Angelo che si chiamava, originariamente, Ponte Elio, costruito dall'Imperatore Adriano insieme al mausoleo che ha dato origine al castello. La prima cosa che si nota, sono le tantissime statue di angeli che costeggiano tutto il ponte fino ad arrivare al Castello. Fu ideato da Adriano come sua futura tomba e non come fortezza. Insieme a Roma, questo mausoleo visse tutte le insidie del Medioevo e gli orrori del Sacco di Roma. Piano piano ci si rese conto di come la sua posizione strategica avrebbe potuto aiutare i romani nei vari combattimenti. Successivamente, il mausoleo fu trasformato in un castello, probabilmente intorno al X secolo.

46

I cinque piani

Castel Sant'Angelo si può dividere in 5 piani. Il primo piano (o anche pianterreno) è caratterizzato dalla famosa rampa elicoidale. Continuando a salire sulla sinistra, vi è la cordonata di Alessandro VI e da qui, si arriva direttamente al terzo piano. Il secondo piano è detto anche piano delle prigioni e vi si arriva scendendo dal Cortile di Alessandro VI, posto nel piano superiore. Al terzo piano si aprono due grandi cortili: il Cortile dell'Angelo, con l'angelo di marmo di Raffaelo di Montelupo, già collocato fino al 1752 alla sommità del Castello, e il Cortile di Alessandro VI, già menzionato precedentemente, con un bel pozzo di marmo del secolo XVI. Questi due cortili fiancheggiano il piccolo bagno di Clemente VII con affreschi di Giulio Roano, cui si accede per una minuscola scaletta molto caratteristica.

Continua la lettura
56

Giulio II del Sangallo

Al quarto piano, detto anche piano papale, vi è la loggia di Giulio II del Sangallo e anche l'appartamento papale (in quanto per un periodo il castello è stato utilizzato dai papi come fortezza). Questo è composto da magnifici saloni con affreschi di Giulio Romano ed altri pittori della scuola di Raffaello. Vi sono anche la Sala del Tesoro, la Sala della Cagliostra e quella Paolina. Al quinto ed ultimo piano potrete trovare la grande terrazza nella quale vi è l'Arcangelo di Bronzo. Da qui potrete ammirare un bellissimo panorama della città di Roma, uno dei più belli in assoluto.Castel Sant'Angelo è solo una delle meraviglie che la nostra città eterna, Roma, ci può offrire!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le meraviglie romane sono tante e non si può vivere senza visitarle tutte!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Mostre e Musei

Roma: i migliori musei

Roma, capitale d'Italia rappresenta ed ha da sempre rappresentato nei secoli uno dei centri culturali più ricchi ed importanti del mondo.La città vanta infatti una lunghissima serie di musei all'interno dei quali sono gelosamente custodite le più...
Mostre e Musei

Artigianato etnico a Milano

Per artigianato etnico s'intende la produzione di mobili ed oggetti vari da parte degli artigiani, che esprimono il gusto e lo stile della propria terra tramite le loro opere. Nella città di Milano, come in quasi tutte le cittadine della Penisola italiana,...
Arti Visive

Come fare un angelo con gli origami

La tecnica degli Origami è molto antica, e arriva dall'Oriente. È una tecnica per piegare la carta, e anche se richiede molta manualità, è un piacevole passatempo creativo adatto a tutti. La tecnica degli origami è utile per creare vari oggetti,...
Mostre e Musei

Guida ai castelli di Napoli

La città di Napoli è una delle più antiche del Mediterraneo, e tra i tanti siti e monumenti vanta alcuni tra i castelli più belli del mondo ma che hanno anche alle spalle una storia particolare. Si tratta di strutture che risalgono al periodo in cui...
Arti Visive

Guida all'arte del Bramante

Donato Bramante è una delle figure di primo piano dell'arte italiana del Rinascimento. Le prime opere di questo valente architetto furono create a Milano e comprendevano il complesso di Sant'Ambrogio e la chiesa di Santa Maria delle Grazie. A Roma, il...
Arti Visive

L'arte di Corrado Giaquinto

Corrado Giaquinto fu un importante pittore che visse nel 1700. Figlio di Francesco, sarto di origine napoletana e di Angela Fontana, barese, realizzò numerose opere di grande livello. Nacque nel 1703 a Molfetta e morì nel 1765 a Napoli. Visse anche...
Musica

Breve storia del Festival di Sanremo

Il Festival di Sanremo nasce nel 1951 e prende il nome dalla città in cui viene svolta la manifestazione, Sanremo appunto, nel Ponente Ligure. Il conosciutissimo "Teatro Ariston" è stato, dal 1977, il palcoscenico fiorito di questo grande spettacolo,...
Arti Visive

Vita e opere di Michelangelo Buonarroti

Michelangelo Buonarroti, nacque a Caprese nel 1475 e morì a Roma nel 1564. Era un architetto, uno scultore, un pittore ed un poeta. Da Caprese tornò a Firenze con la famiglia e, a tredici anni, entrò come apprendista al Ghirlandaio. Tra le sue opere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.