Come visitare i beni del FAI

di Unknown Unknown tramite: O2O difficoltà: media

Il FAI, ossia il Fondo Ambiente Italiano, è attivo sin dal 1975 per la tutela e per la valorizzazione del territorio italiano. In particolar modo si occupa del patrimonio artistico e culturale del nostro Bel Paese. Consiste in un'organizzazione senza scopo di lucro, che sopravvive grazie alle donazioni spontanee oppure ricavate dai 5 X 1000, alle iscrizioni, ai lasciti dei cittadini o delle aziende italiani. I beni del FAI sono dislocati in tutta quanta l'Italia, e si tratta di castelli o complessi monumentali, giardini o luoghi di natura, ville e case d'arte. Su questi beni, l'associazione predispone dei progetti in vari ambiti oppure delle visite. In questa semplice ed esauriente guida vi spiegheremo come visitare i beni del FAI. A questo punto, pertanto, non vi rimane altro da fare che continuare nella lettura dei brevi passi di questa guida.

1 Benefici previsti per l'ingresso Innanzitutto è necessario precisare che i beni del FAI possono essere visitati gratuitamente, oppure si può ottenere uno sconto sul biglietto. Per usufruire di questi benefici è necessario essere iscritti ad un'associazione, oppure possedere la rispettiva tessera. Il costo della tessera può variar a seconda di differenti aspetti. Nello specifico, la tessera ordinaria costa 20 euro per i ragazzi fino ai 25 anni, 66 euro per le famiglie costituite da due coniugi con figli fino ai 18 anni, 60 euro per le coppie e 39 per i singoli. Nel caso in cui sia presente una gruppo di scuola, sarà possibile usufruire degli opportuni sconti. Ulteriori benefici, inoltre, riguardano i bambini fino ai 4 anni di età, i quali possono entrare gratuitamente. Invece i bambini con età compresa tra 4 e 12 anni possono usufruire di uno sconto. Per concludere, i disabili pagano ma non il loro accompagnatore.

2 Altre indicazioni di accesso Molti beni sono assolutamente difficili da accedere, oppure inaccessibili per un disabile. Pertanto, per evitare spiacevoli situazioni, è buona regola contattare le singole proprietà preventivamente. Per quanto riguarda gli animali, possiamo dirvi che sono ammessi i cani guida. Inoltre è anche possibile eseguire dei filmati e delle foto, se si aggiunge un'ulteriore spesa di 3 euro. Naturalmente i prezzi FAI variano a seconda del bene che si prende in considerazione, e per poterli consultare è sufficiente recarsi sul sito internet dell'associazione. Il programma che si aprirà farà comparire una cartina. A questo punto sarà possibile cliccare nelle parti in cui si ha l'intenzione di andare. Dopodiché si aprirà la sezione di proprio interesse, con le indicazioni necessarie, tra cui gli orari di apertura, i prezzi, le informazioni e le prenotazioni.

Continua la lettura

3 La formula all inclusive Con il Visit FAI l'associazione consente ai gruppi di poter accedere ad una formula "all inclusive", cioè che prevede un ingresso ed una visita guidata sia ai beni Fai che ai musei con relativi sconti, dislocati in tutta l'Italia, nei borghi e nelle enoteche.  Secondo questo tipo di accesso si potrà anche usufruire di pasti tipici nelle strutture convenzionate, di siti culturali e di sconti su acquisti presso i bookshop.  Approfondimento Come trovare mostre gratuite a Roma (clicca qui) Ogni bene che si va a visitare presenta una sua proposta che può essere consultata nel sito dedicato.  Nel periodo primaverile si possono visitare, gratuitamente, alcuni siti in quanto aperti al pubblico, consultando il sito apposito.

Come trovare mostre gratuite a Roma Chi non ha mai visitato la Capitale almeno una volta nella ... continua » I musei gratis di Milano Da qualche anno, in Italia, coloro che non possono permettersi di ... continua » 5 modi per risparmiare sui libri Se anche tu sei un amante dei libri e vorresti conoscere ... continua » Come visitare il Museo di Hundertwasser di Vienna Hundertwasser rappresenta uno dei musei più importanti di Vienna. Precisamente è ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Guida al Museum Berggruen

Berlino è sicuramente una delle capitali europee più artistiche e culturali, in quanto ospitano il maggior numero di musei. Uno dei fiori all'occhiello della ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.