Come visitare il Museo di storia naturale a Milano

di Alessandro Giordano tramite: O2O difficoltà: media

Se amate l'arte e la cultura allora sicuramente amate anche i tanti musei che le città, e in particolare le grandi città vi possono offrire. In questa guida parleremo di una città d'arte, ci stiamo riferendo a Milano e più precisamente al Museo di storia naturale. In seguito, vi verrà infatti spiegato come poter visitare il museo di storia naturale a Milano.

1 Cenni sul museo Il Museo di Storia Naturale di Milano venne fondato nel 1838, a seguito delle importanti donazioni di reperti che due famosi naturalisti dell'epoca fecero alla Città di Milano. Con gli anni, poi, il museo si è sempre più arricchito di materiale, divenendo uno dei più importanti musei d’Europa.
Al suo interno sono inoltre presenti 7 sezioni di studio che si occupano esclusivamente di ricerca scientifica a livello internazionale, nei campi naturalistici e di conservazione ed incremento delle collezioni presenti nel museo. Nel lontano 1943 tale museo fu quasi distrutto del tutto da alcuni bombardamenti e tante collezioni subirono alcuni danni, ma una volta terminata la guerra nel 1952 il museo fu risistemato e reso aperto al pubblico. Ma vediamo passo per passo come è realizzato questo famosissimo museo.

2 I dinosauri Molto ampia e dettagliata è la raccolta di reperti della Sala n°7, che è interamente dedicata ai dinosauri. In questa sala possiamo ammirare, fra gli altri, un magnifico esemplare di Triceratopo e la riproduzione di uno scavo paleontologico con lo scheletro di un dinosauro a becco d’anatra. Tra le altre specie contenute nel museo, si possono ammirare gli scheletri di Allosauri, Stegosauri, Dromeosauri e Plateosauri. Da qualche anno, inoltre, troneggia all’interno del museo anche un maestoso scheletro di Tyrannosaurus Rex, uno dei più grandi dinosauri carnivori apparsi sulla Terra, entrato ormai nell'immaginario collettivo e reso famoso da molte pellicole cinematografiche. Da non perdere anche la Sala n° 18, interamente dedicata ai cetacei, contenente fra l'altro lo scheletro gigantesco di una balena. Inoltre il museo è provvisto di una biblioteca molto ricca e aperta alla consultazione del pubblico.

Continua la lettura

3 Orari e costi Il Museo di Storia Naturale è accessibile al pubblico da martedì a domenica, dalle ore 9.00 alle 17.00.  Per quanto riguarda il costo del biglietto, quest'ultimo si aggira intorno ai 3 euro, sono inoltre previste riduzioni per over 65 e studenti, oltre che vantaggiosi abbonamenti annuali.  Approfondimento 5 musei da visitare con i bambini in Lombardia (clicca qui) A questo punto la guida è terminata, non vi resta quindi di invogliarvi a visitare questo bellissimo museo.

Non dimenticare mai: Da ricordare l'offerta del "biglietto cumulativo", valido 3 giorni, che consente la visita al Castello, Museo Archeologico, Museo di Storia Naturale e Museo del Risorgimento.

Musei a Milano: quali visitare con i bambini Milano, la città della moda, accoglie i turisti nella sua instancabile ... continua » I 10 migliori musei di Torino Torino ex capitale d’Italia è una città ricca di storia ... continua » I musei imperdibili di Milano Sia che la si scelga per passare il week end o ... continua » Come visitare il Museo di arti decorative di Praga A Stare Mesto (il quartiere della città vecchia) nell'area di ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Guida ai musei di Ginevra

La città di Ginevra, nel cantone svizzero omonimo, rappresenta il centro culturale della regione, ma ciò non deve stupire, visto che in Europa, è la ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.