Come visitare l'acquario di Genova

di Alessandro Spasiano tramite: O2O difficoltà: facile

L'Acquario di Genova è nato grazie ad un'idea di una famiglia genovese ed è stato inaugurato nel 1992. Si tratta di una struttura lunga più di 250 metri che si estende su ben quattro piani dove è possibile ammirare centinaia di specie diverse di creature marine. Per visitare l'Acquario di Genova, ci si deve recare al Porto Antico, più precisamente nel Piazzale Ambrogio Spinola. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come visitare l'acquario di Genova.

1 Pesci dei mari freddi Ci vorranno circa due ore per vedere tutte le meraviglie del mondo marino. Fermati a vedere, come prima cosa, gli animali dei mari freddi, tra cui la foca comune, il pinguino di Magellano, quello di Papua e i pesci del ghiaccio. Visita poi gli animali che vivono nei mari tropicali come il pesce chirurgo, i pesci farfalla, i coralli molli, il pesce pagliaccio e la medusa Chrysaora. Ti consiglio di ammirare con attenzione i coralli che hanno colori sgargianti. Noterai anche diverse specie di pesci ricchi di colore.

2 Pesci del Mediterraneo Passa poi ai pesci che abitano nel Mar Mediterraneo. Ammirerai le razze trigoni, lo squalo grigio, il cavalluccio marino, la stella rossa, il delfino Tursiope, il polpo ed i pesci di banco. L'ambiente in cui questi vivono, ti sarà utile per capire la ricchezza del patrimonio ambientale e le bellezze che si nascondono nelle acque mediterranee. Prosegui la tua visita per vedere le vasche dedicate alle acque salmastre, dove scoprirai il pesce arciere, il pesce quattrocchi, il lamantino ed il pesce perioftalmo, alquanto particolare poiché prende ossigeno dall'aria umida attraverso la mucosa della sua bocca.

Continua la lettura

3 Pesci d'acqua dolce e tropicali La vasca riservata agli animali che vivono nelle acque dolci tropicali ospitano il caimano nano di Cuvier, il pesce gatto, il piranha rosso ed il pesce dal corpo allungato, l'arowana, ovvero il pesce che vola e che vive nei fiumi del Sud America.  Passiamo agli ospiti delle foreste tropicali, tra cui i colibrì e l'iguana dei tubercoli.  Approfondimento Guida al Palazzo ducale di Genova (clicca qui) Non dimenticarti di vedere la parete vegetale, qui ricostruita, con oltre 150 piante vive tropicali che sono state fissate in particolari tasche di feltro.

4 Il museo del Mare e la mostra interattiva Il tuo itinerario deve proseguire verso il Museo del Mare al Galata ed il sommergibile Nazario Sauro S 518. Al Museo del Mare potrai vedere le prime navi a remi, al primo e secondo piano scoprirai i segreti dei velieri e le esplorazioni geografiche, al terzo piano avrai tutte le informazioni sul viaggio in America di Cristoforo Colombo. Non perdere la mostra interattiva che ti permetterà di vivere un viaggio virtuale verso l'America, il Brasile e l'Argentina nel periodo degli emigrati. Davanti al Galata Museo del Mare, noterai il grande sommergibile Nazario Sauro S 518, che è stato costruito nel 1976 ed è esposto nel museo dal 2010.

Guida al museo oceanografico di Monaco Il Museo Oceanografico di Monaco si erge a picco sul mare ... continua » I migliori musei del cinema in Italia "Il cinema è un'invenzione senza futuro" dissero i fratelli Lumière ... continua » Guida al Museo di Palazzo Poggi a Bologna Dal 1711, nel palazzo si trovano i laboratori dell'Istituto di ... continua » Guida ai cimiteri monumentali più belli Fra le tante attrazioni turistiche possibili, i cimiteri monumentali non sono ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Torino: cosa visitare

Torino è una delle città più belle della nostra penisola. Chi non ci è mai stao, deve assolutamente visitarla. Chi invece ha già visitato questa ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.