Cosa sono i paradigmi verbali in latino

di Alfredo Gorlini tramite: O2O difficoltà: media

In latino, come del resto anche in italiano, i verbi appartengono a diverse coniugazioni, ognuna con le proprie caratteristiche morfosintattiche. In particolare, quattro sono le coniugazioni in latino, e capire a quale di queste un verbo appartiene è possibile già analizzando il suo infinito, che terminerà in -are se è della prima, in -ere (con e lunga) se è della seconda, in -ere (con la e breve) se è della terza, in -ire se è della quarta. A questo punto, occorre capire cosa sono i paradigmi verbali in latino: non sono altro che delle particolari "formule" che riportano al loro interno alcune forme prestabilite di un verbo, così da facilitarne la coniugazione. Dato un verbo, il suo paradigma è dato dalla successione della prima e della seconda personale singolare del presente indicativo, della prima persona singolare del perfetto indicativo, dal supino e dall'infinito; nel caso del verbo "laudare" (o, ad essere precisi, "laudo", poiché in latino la forma base di un verbo è la prima persona singolare del presente indicativo), ad esempio, il suo paradigma sarà: laudo, laudas, laudavi, laudatum, laudare.

1 Presente Come abbiamo detto, il paradigma si forma con diverse voci verbali, e le prime due sono la prima e la seconda persona singolare del presente indicativo: queste due voci ci danno numerose indicazioni sul verbo, permettendoci di scoprirne la coniugazione (se si è abbastanza esperti) e il significato (come già detto, un verbo sul vocabolario latino non si cerca all'infinito, ma alla prima persona dell'indicativo presente). Dal tema verbale del presente si ricavano poi numerose altre voci verbali, come l'imperfetto e il futuro.

2 Perfetto La terza voce verbale di un paradigma è il perfetto indicativo, un tempo latino che corrisponde al nostro passato remoto: è di vitale importanza conoscere come cambia il tema di un verbo al perfetto, perché da esso si ricava la coniugazione di molti altri tempi, come il piuccheperfetto e il futuro anteriore, oltre che il perfetto e il piuccheperfetto congiuntivo.

Continua la lettura

3 Supino e Infinito Chiudono il paradigma verbale il supino e l'infinito, due modi verbali che non sono coniugabili (se non in determinate circostanze, di cui non ci occuperemo), entrambi molto importanti: il primo, perché viene usato in un gran numero di voci verbali, soprattutto passive (in abbinamento al verbo "sum"); il secondo, perché ci toglie definitivamente ogni dubbio riguardo la coniugazione a cui appartiene il verbo, permettendoci di ipotizzarne le desinenze in ogni modo e tempo.

Come leggere una poesia in arabo Riuscire ad esprimere le emozioni con i versi di una poesia ... continua » Consigli per imparare le tecniche di ballo latino americano Negli ultimi anni il ballo latino americano è diventato uno dei ... continua » Dante Alighieri: le opere Quando si parla di letteratura italiana, Dante Alighieri è forse il ... continua » Come si scrive un testo espositivo Il testo espositivo fornisce informazioni, spiegazioni, dati su un determinato argomento ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

La vita di Dante Alighieri

La vita di Dante Alighieri inizia a Firenze nel 1265 in un periodo storico in cui la città vive una fase di straordinario sviluppo economico ... continua »

Le satire di Ariosto

Chi è questo poeta che soffre di come il mondo è e di come non è e potrebbe essere, eppure lo rappresenta come uno spettacolo ... continua »

Il mito della Fenice

La Fenice è una creatura mitologica unica al mondo nel suo genere. I primi a nominare questo animale furono gli storici greci Esiodo ed Erodoto ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.