D'annunzio e il fascismo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questa guida, vogliamo parlarvi di un argomento letterario, e nello specifico di D'annunzio, studiato in ogni scuola di grado ed ordine, ma in particolar modo della sua relazione con periodo molto importante della nostra storia e cioè il Fascismo.Gabriele D'Annunzio fu un poeta scrittore ed un personaggio di spicco nel periodo del novecento. Molti dei suoi scritti testimoniano le sue tendenze politico sociali, uno dei primi in cui si evince la sua idea politica, è "le vergini". D'Annunzio, senza essere esplicitamente fascista, diede vita ad una liturgia, che esprimeva le fondamenta del concetto fascista ed il riconoscimento della razza, come suddivisa in specie "normali" e specie "superiori", avvicinandosi sensibilmente al concetto nazista e alla teoria del super uomo di Nietzshche. Vediamo insieme D'Annunzio, il fascismo e la sua interpretazione.

27

Occorrente

  • libri di letteratura
37

Il rapporto di D'Annunzio con la politica e l'ideologia fascista, non fu da subito esplicito, lo scrittore in un primo momento non condivise pienamente le teorie mussoliniane e la politica dello stato fascista. Allo stesso tempo, Mussolini temeva il pensiero dannunziano il suo potere e la sua forza sovversiva, mentre D'Annunzio aveva un certo timore nel contrapporsi, se pur in maniera parziale, al regime fascista, temendo ritorsioni. Fu così che per convenienza reciproca trovarono un equilibrio attraverso accordi taciti e non. Mussolini, dal canto suo, stimava D'Annunzio e gli inviò dei finanziamenti per restaurare la villa di Cargnacco (Vittoriale degli italiani), ma per precauzione fece istallare dei microfoni per controllare lo scrittore. Il suo potere nel riuscire ad influenzare le masse, era risaputo, il suo pensiero politico e sociale, coinvolgeva la gente e per questo veniva avvertito come una potenziale minaccia, da tenere sotto controllo, ed uno strumento da utilizzare a proprio vantaggio.

47

Era temuto il suo pensiero, così come le sue azioni, eventi che lo mettevano ancor più in risalto, tra esse, ricordiamo la sua partecipazione alla prima guerra mondiale, il lancio su Vienna di volantini tricolori, effettuata dal suo aereo personale, ed infine, l'occupazione della città di Fiume, evento che non fu condiviso da Mussolini il quale fece bloccare, dal generale Badoglio, il rifornimento di viveri, non sostenendo il colpo di stato.

Continua la lettura
57

D'Annunzio e Mussolini vivevano un rapporto fondato sulla convenienza reciproca, la sfiducia, l'emulazione e la competizione, mentre Mussolini utilizzava il poeta "vate", per fare propaganda politica, uno strumento potente ed ammaliante, D'Annunzio sfuggiva al controllo del regime con iniziative personali, spesso non approvate. Le ostilità tra i due si accentuarono, quando Mussolini decise di allearsi con la Germania.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare la propria storia e letteratura, è un modo per conoscersi meglio!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Musica

Claude Debussy: vita e opere

Tramite questo tutorial, vi daremo tutte le notizie necessarie per conoscere a fondo il grande musicista Claude Debussy. Parleremo della sua vita e delle opere da lui prodotte che, per la loro complessità, si possono definire come la base delle odierne...
Letteratura

Breve sintesi del decadentismo

Il Decadentismo, in breve sintesi, è una corrente letteraria e culturale. Nasce in Francia alla fine dell'Ottocento. Ne sono esponenti illustri i "poeti maledetti". Baudelaire, Verlaine, Mallarmé e Rimbaud inaugurano la rivista "Le Décadent". È il...
Letteratura

Breve storia della letteratura italiana

In questa guida troverete un breve excursus sulla storia della letteratura italiana che parte dal Duecento e procede fino ai nostri giorni in un intreccio di generi e influenze difficili da delineare. Il secolo XIII, dunque, vede la nascita della letteratura...
Mostre e Musei

Guida al Castello Sforzesco di Milano

Il castello Sforzesco di Milano è uno degli edifici storici più caratteristici della città, assieme al Duomo. La costruzione risale al medioevo, quando la famiglia dei Visconti ebbero l’esigenza di costruire una fortificazione per difendere la città....
Letteratura

Alberto Bevilacqua: vita e opere

Catalogare un maestro del calibro di Alberto Bevilacqua è alquanto periglioso: si rischia di essere riduttivi. Noto a tutti come scrittore, è stato anche documentarista, sceneggiatore, regista, poeta, critico del costume, insomma quel che in altri termini...
Letteratura

Ludovico Geymonat: concetti chiave del suo pensiero filosofico

Ludovico Geymonat è stato uno dei più importanti filosofi e matematici italiani del Novecento. È nato a Torino l'11 maggio del 1908. Nel 1930, ha conseguito la laurea in filosofia presso l'Università della capitale piemontese, discutendo la tesi sul...
Mostre e Musei

L'impero coloniale italiano

L'impero coloniale italiano è un fenomeno che ha sempre suscitato molto interesse tra i banchi di scuola. Ebbe iniziò a partire dal 1882 con la prima occupazione da parte dell'Italia con la città di Assab in Eritrea e successivamente, con la conquista...
Letteratura

I 5 migliori libri di Hemingway

Ernest Hemingway è stato lo scrittore simbolo del Novecento letterario. Ha influenzato generazioni di scrittori grazie alla sua rottura con un certa tradizione stilistica. Nato il 21 luglio 1899 a Oak Park, nell'Illinois, morirà suicida il 2 luglio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.