Danae: l'analisi del dipinto di Tiziano

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Personalità stravagante e suggestiva, Tiziano Vecellio ha vissuto in un tempo lacerato da sismi profondi, illuminato dal tramonto apparente dei soli metafisici preesistenti. Dallo stile del pittore si sono andate a delineare molte personalità artistiche, fino al grande Renoir e all'italiano Mancini. In un Cinquecento ricco di identità instabile, la figura del Vecellio giganteggia. Se da giovane aveva respinto l'invito del Bembo e si era rifiutato di collaborare con la Corte pontificia, a questa declinazione risale la vena che sfocerà più tardi nelle ioniche rivelazioni come quella da cui è nata Danae, una delle sue opere più alte. Nella guida che segue, l'analisi del dipinto di Tiziano.

24

La tela di Danae, con ogni probabilità iniziata da Tiziano a Venezia nel 1544 e terminata a Roma durante il suo soggiorno del 1545-1546, fu realizzata per il cardinale Alessandro Farnese, nipote di papa Paolo III. Rimasta nella capitale fino al 1649, subì innumerevoli spostamenti (a Parma, a Napoli, a Palermo e quindi nuovamente a Napoli). Trafugata da Hermann Goering durante la seconda guerra mondiale, fu recuperata in Austria dopo la fine del conflitto e riconsegnata allo Stato italiano nel 1947.

34

Quest'opera rappresenta esemplarmente l'evoluzione del linguaggio del pittore cadorino dopo il confronto con l'esperienza del manierismo italiano che ha caratterizzato i suoi lavori dei primi anni quaranta, come per esempio il "San Giovanni Battista" dell'Accademia oppure "L'incoronazione di spine" del Louvre. In Danae l'attenzione per i valori plastici ravvisabile in quelle opere viene superata, in favore di uno stile più originale, caratterizzato dalla massima libertà tecnica e cromatica, di cui Tiziano volle dare una lampante dimostrazione proprio nella Roma dominata da Michelangelo.

Continua la lettura
44

Il soggetto mitologico del dipinto è di carattere dichiaratamente erotico: Danae, figlia del re di Argio Acrisio, prigioniera in una torre di bronzo, viene sedotta da Giove trasformatosi in una pioggia d'oro. Riproducendo la metamorfosi terrena del padre degli dei, Tiziano realizza questo quadro stendendo il colore sulla tela con pennellate morbide e sinuose, con una tecnica che esclude il disegno preparatorio. L'essenza dell'opera Tizianesca del disegno e del chiaroscuro, confermata dalle recenti indagini radiografiche, era già stata notata da Michelangelo che, secondo il Vasari, dopo aver visto la Danae che Tiziano aveva appena terminato di dipingere a Belvedere, avrebbe completato il dipinto lodandone il "colorito" e la "maniera", ma lamentando, appunto, l'assenza di disegno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

I 10 quadri più famosi della National Gallery di Londra

La National Gallery è un museo situato a Londra dal 1824. Oggigiorno esso è meta di numerosi turisti che si recano appositamente per visitare le famosissime opere che vi risiedono all'interno. In questa guida pertanto verranno presentati i dieci quadri...
Arti Visive

Tintoretto: le migliori opere

Talentuoso allievo di Tiziano, Jacopo Robusti o Tintoretto era così scorbutico che fu cacciato dalla bottega del maestro dopo pochi giorni, sempre che non si debba dar credito alla versione secondo cui la rottura fu determinata dalla rivalità. Vero...
Mostre e Musei

Guida al National Gallery Of Scotland

La National Gallery of Scotland è una galleria d'arte situata ad Edimburgo (Scozia) ed è prevalentemente un Ente di beneficenza. Il museo si trova in un edifico di stile neoclassico progettato da William Henry Playfair, uno dei più geniali architetti...
Arti Visive

Guida alle opere di Giorgione

Lo pseudonimo di Giorgione si riferisce a Giorgio Barbarella (o Zorzi da Castelfranco), il famoso pittore italiano del periodo rinascimentale di origine veneziana. Il soprannome fu usato molto probabilmente in attribuzione alla statura dell'artista, insolita...
Arti Visive

Hayez: vita e opere

Francesco Hayez (Venezia 1791-Milano 1882), ultimo di 5 fratelli, è considerato il caposcuola del Romanticismo italiano. Nato in una famiglia povera (padre di origini francesi, madre veneta) viene affidato alla zia sposata con un mercante amante della...
Letteratura

Artemisia Gentileschi: vita e opere

Artemisia diventò un'importante pittrice italiana, facente parte della scuola del Caravaggio. Sin da bambina, mostrò il suo talento nell'impastare i colori e nel realizzare le prime bozze. Artemisia incarnò per eccellenza il simbolo del femminismo...
Mostre e Musei

I quattro musei più belli al mondo

Approfittando delle vacanze, finita la scuola, è piacevole trascorrere una mezza giornata ammirando l'arte in senso lato. Quasi tutte le città, grandi o piccole che siano, conosciute o meno note hanno una pinacoteca o una mostra che il più delle volte...
Arti Visive

Tintoretto: opere e stile

Jacopo Robusti, veneziano di metà cinquecento, è stato uno dei grandi pittori del Rinascimento italiano: noto al mondo come "il Tintoretto", nome che deve al mestiere del padre, pittore di stoffe, questo artista viene ricordato perché è stato uno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.