Dettato musicale: come farlo

di Lucia Melas tramite: O2O difficoltà: media

Un dettato musicale (o dettato melodico) è un esercizio che serve per imparare a comprendere al meglio la musica. Fa parte delle prove di Teoria e Solfeggio che vengono praticate al Conservatorio. La prova consiste nel sentire una melodia suonata lentamente al pianoforte e il compito dell'alunno è quello di riportarla nella maniera corretta sul pentagramma. Prima di affrontare l'esame, durante l'anno accademico, vengono svolte parecchie lezioni di prova. Per questo, vediamo insieme come si svolge il dettato musicale e come farlo.

1 Cos'è il dettato musicale Il dettato musicale appartiene al gruppo di lezioni che riguardano la Teoria e il Solfeggio. Normalmente le lezioni si svolgono due volte a settimana e sono collettive. Per queste lezioni il numero degli alunni non può essere inferiore a dieci. La lezione dura all'incirca due ore.

2 Come si svolge il dettato musicale Nella lezione di dettato musicale il brano, da trascrivere sul pentagramma, viene proposto al pianoforte dall'insegnante. Essendo una lezione collettiva bisogna attendere che tutti abbiamo captato il frammento da trascrivere. Un dettato è composto da 17 fasi quindi, a causa del riascolto di ogni frammento, l'intero dettato potrebbe durare molto a lungo. Nel caso in cui l'insegnante si rendesse conto che tutta la classe recepisce le note ai primissimi ascolti, si passa subito al frammento successivo. Di norma, l'ascolto di un frammento, si può ripetere fino a quattro volte e in ogni lezione si svolge solo un dettato.

Continua la lettura

3 Come si prepara un alunno per il dettato musicale Un alunno, per prepararsi al meglio al dettato musicale, deve iniziare preparando il proprio foglio pentagrammato.  Il rigo va suddiviso in quattro frammenti di due misure ciascuno.  Approfondimento Come imparare a leggere la musica dal pentagramma (clicca qui) È consigliabile assegnare un titolo a ogni frammento, si potrebbe numerarli oppure assegnarli una lettera dell'alfabeto (A-B-C e così via).  Si apre il rigo pentagrammato con la chiave di Sol e successivamente si scrive la frazione del tempo del brano che si andrà ad ascoltare.  Prima di scrivere la melodia sul pentagramma, si consiglia di scrivere di getto il ritmo che si è appena ascoltato su un altro foglio.  In questo modo non si perde tempo nel collocare subito, nel modo giusto, le note sul pentagramma.

4 Quanti dettati musicali bisogna svolgere In media, in un anno accademico del Conservatorio, si svolgono circa trenta dettati, con punte che arrivano fino a trentacinque. Questo numero non è per niente sufficiente per la preparazione all'esame di fine corso. Secondo i docenti del Conservatorio ne occorrono almeno 150 all'anno. Per questo si consiglia a ogni alunno, di svolgere durante la carriera accademica, minimo 450 dettati musicali.

Non dimenticare mai: Eseguire almeno 150 dettati musicali all'anno.

Solfeggio ritmico: come migliorare L'ora di musica si incontra inizialmente alle scuole elementari. Naturalmente ... continua » Come disegnare una chiave di violino Quando nacque l'uomo, dopo poco nacque anche la musica: canti ... continua » Come Leggere La Chiave Di Violino Chi ama la musica e desidera imparare a suonare uno strumento ... continua » Come scrivere uno spartito musicale Lo spartito musicale è uno strumento fondamentale per un musicista. Chi ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come suonare il pianoforte

Il pianoforte è uno strumento musicale a corde percosse mediante martelletti azionati da una tastiera. La tastiera è composta da 88 tasti, 52 di colore ... continua »

Come comporre una canzone pop

Tante persone ascoltano la musica, in particolare il genere musicale più diffuso è quello detto "pop"; il quale indica una musica popolare (popular music in ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.