Differenze tra commedia e tragedia greca

di Maria Liccardo tramite: O2O difficoltà: media

La differenza tra commedia e tragedia greca potrebbe sembrare palese per alcuni.
Ci sono molte situazioni in cui questi due modi di fare teatro si fondevano a formare un genere teatrale incredibilmente innovativo e appassionante, ma noi inizieremo con il definire le principali differenze tra commedia e tragedia per poi indicare le principali caratteristiche simili. La differenza principale tra la commedia e il dramma è che la commedia è una storia divertente con un lieto fine, mentre una tragedia è una storia seria con un finale triste. Prima di analizzare la differenza tra la commedia e la tragedia è necessario analizzare i due generi separatamente. Ecco quali sono le differenze tra commedia e tragedia greca.

1 Spiegazione della commedia Una commedia può essere semplicemente definita come una storia a lieto fine che fa ridere il pubblico. Una commedia è una storia che illustra le idiosincrasie della gente comune, ha un lieto fine in cui protagonista raggiunge il suo obiettivo alla fine. Come indicano i termini stessi, la commedia era studiata per far ridere la gente, mentre la tragedia era un genere drammatico, triste e spesso accompagnato da un finale doloroso e funesto. Il lieto fine invece, era caratteristico del teatro comico. Una commedia di successo non solo ha la capacità di rendere il pubblico felice e divertito, ma può anche rendere il pubblico a capire gravi problemi sociali o individuali.
Gli attori che apparivano in una commedia greca rappresentavano personaggi contemporanei sdrammatizzando i problemi del giorno greci con la loro interpretazione.

2 Stile della commedia e della tragedia Nella tragedia i temi trattati erano analoghi a quelli della commedia, la maggior parte delle volte mistici e tratti dall'epica fusa all'azione con lo scopo di catturare il pubblico e farlo immedesimare dentro l'avventura del protagonista. In armonia con i personaggi e le situazioni della commedia, il suo stile era misero, modesto.
Ne è prova il linguaggio ordinario e popolare che veniva utilizzato per rappresentarla.
La tragedia, contrariamente, fu studiata per la nobiltà e la borghesia, nonostante Pisistrato permise ai poveri di vederle gratuitamente per un periodo.

Continua la lettura

3 Differenze sul finale Il lieto fine della commedia era la conseguenza diretta delle buone azioni compiute dal protagonista. 
Esse esaltavano l'amore per il prossimo, la solidarietà, la modestia e l'umiltà.  Approfondimento Come scrivere la sceneggiatura di una commedia teatrale (clicca qui)
Al contrario della tragedia, i singoli personaggi della commedia erano persone con valori poco pregiati, a volte spregevoli.  Unendo molti di questi comportamenti la commedia creava uno strano ma piacevole effetto comico nel pubblico che assisteva.

Come diventare attore comico Se si vuole diventare attori comici, di cinema o di teatro ... continua » Come scrivere una commedia romantica Fra tutti i generi cinematografici la commedia romantica è quello più ... continua » Come analizzare un testo teatrale Il teatro è stato e rimane tuttora, uno dei più importanti ... continua » Plauto: vita e opere Tito Maccio Plauto fu un poeta comico latino, nato a Sarsina ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

L'Adelchi di Manzoni: guida

L'Adelchi di Manzoni è una tragedia in cinque atti ed endecasillabi del 1822. Ambientata nell'Alto Medioevo, narra la fine del regno longobardo. Nel ... continua »

Alan Bennett: vita e opere

Alan Bennett è uno scrittore ed attore britannico noto anche come sceneggiatore e drammaturgo. Figlio di un macellaio e di una casalinga nasce nel 1934 ... continua »

William Shakespeare: vita e opere

Figura circondata da uno dei misteri più fitti della storia della letteratura, William Shakespeare è uno degli scrittori (e drammaturghi) più influenti e più citati ... continua »

Shakespeare: Otello

L'Otello è una delle tragedie più conosciute di William Shakespeare. Scritta nel 1603 circa, l'opera si ritiene ispirata ad una novella di Giambattista ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.