Dove trovare tutti gli standard jazz

di Sara Bucciarelli tramite: O2O difficoltà: media

Viene definito uno standard jazz un pezzo del repertorio jazz che è conosciuto, apprezzato e spesso riprodotto da diversi musicisti nel corso della storia, e che gli ascoltatori riconoscono già dalla prima nota.
Come potete immaginare, non essendoci una definizione tecnica, non esiste una lista definitiva di standard jazz: mentre su alcuni brani non si può dibattere - basti pensare a My Funny Valentine, composta nel 1937 da Richard Rodgers e Lorenz Hart per il musical di Broadway "Babes in Arms" - per altri l'appartenenza al gruppo degli standard jazz è opinabile, soprattutto per brani precedenti o posteriori al periodo '30-'70, il periodo d'oro dei grandi standard jazz.

In quest'articolo vi mostrerò dove trovare con pochi click tutti gli standard jazz!

1 Prima di cominciare la nostra ricerca e il nostro ascolto, dobbiamo addentrarci in maniera più approfondita nel concetto dello standard jazz.
Per prima cosa, non tutti gli standard jazz sono stati scritti da musicisti jazz, a partire dalla già citata My Funny Valentine: i compositori possono essere musicisti di Boradway e Hollywood, o, nel caso degli europei, si può trattare di canzoni folk nazionali (come i brani di Bossa Nova di Joao Gilberto) o di musica etnica (i famosi gipsy); la confusione più grande è storicamente quella che c'è sul confine tra jazz e blues, che è così labile che tantissimi brani e standard jazz possono appartenere a entrambi gli insiemi.

2 Adesso che abbiamo un'idea più precisa di cos'è uno standard jazz, passiamo alla ricerca e all'ascolto.
Google ci darà sicuramente molte risposte, alcune più attendibili di altre, ma per i meno esperti consiglio due fonti principali.

Per quelli di voi che vogliono una panoramica il più estesa possibile e a cui interessa sapere quali sono compositore originale, origini, storia, e quali altri musicisti hanno riarrangiato il brano, consiglio la lista di wikipedia che trovate in quest'articolo. Il grande vantaggio è che potete cliccare sul titolo di una canzone e leggere pagine e pagine della sua storia.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Per quelli di voi che preferiscono ascoltare e poi scoprire il background del brano, consiglio vivamente la playlist di youtube che trovate in quest'articolo, Top 100 Jazz Classics Playlist | Best Jazz Songs of All Time, sul canale YouTube Electronics USA: si tratta di ben 223 brani che vi garantisco sono i migliori standard jazz della storia suonati e cantati dai migliori musicisti!
Una volta che vi sarete fatti un'idea, se desiderate, potrete fare qualche ricerca su wikipedia e scoprire qual è la storia della canzone che vi affatto emozionare, per un ascolto ancora più profondo.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Lista di standard jazz

La musica Jazz in Italia Quando si parla di Jazz in Italia, ci si può riferire ... continua » Thelonius Monk: Il jazz degli anni 40' La musica che siamo soliti ascoltare oggi è molto differente rispetto ... continua » Breve storia della musica jazz Il Jazz è un particolare genere musicale nato negli Stati Uniti ... continua » La musica Jazz in Italia Quando si parla di Jazz italiano, si farà sicuramente riferimento, sia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Breve storia della musica blues

Il blues risulta essere precisamente un genere musicale che ha radici profonde nella storia afro-americana. Il genere, infatti, ha avuto origine nelle piantagioni del Sud ... continua »

Come suonare il Tamburo

Il tamburo può essere suonato per percussione o tramite battenti.. È uno strumento tipicamente rituale, utilizzato per accompagnare sia cerimonie solenni che per scandire il ... continua »

Come fare un remix

All'interno della guida che andremo a sviluppare in questi passi he contraddistingueranno la nostra guida, ora andremo a occuparci di remix. Proprio come abbiamo ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.