Dove trovare tutti gli standard jazz

di Sara Bucciarelli tramite: O2O difficoltà: media

Viene definito uno standard jazz un pezzo del repertorio jazz che è conosciuto, apprezzato e spesso riprodotto da diversi musicisti nel corso della storia, e che gli ascoltatori riconoscono già dalla prima nota.
Come potete immaginare, non essendoci una definizione tecnica, non esiste una lista definitiva di standard jazz: mentre su alcuni brani non si può dibattere - basti pensare a My Funny Valentine, composta nel 1937 da Richard Rodgers e Lorenz Hart per il musical di Broadway "Babes in Arms" - per altri l'appartenenza al gruppo degli standard jazz è opinabile, soprattutto per brani precedenti o posteriori al periodo '30-'70, il periodo d'oro dei grandi standard jazz.

In quest'articolo vi mostrerò dove trovare con pochi click tutti gli standard jazz!

1 Prima di cominciare la nostra ricerca e il nostro ascolto, dobbiamo addentrarci in maniera più approfondita nel concetto dello standard jazz.
Per prima cosa, non tutti gli standard jazz sono stati scritti da musicisti jazz, a partire dalla già citata My Funny Valentine: i compositori possono essere musicisti di Boradway e Hollywood, o, nel caso degli europei, si può trattare di canzoni folk nazionali (come i brani di Bossa Nova di Joao Gilberto) o di musica etnica (i famosi gipsy); la confusione più grande è storicamente quella che c'è sul confine tra jazz e blues, che è così labile che tantissimi brani e standard jazz possono appartenere a entrambi gli insiemi.

2 Adesso che abbiamo un'idea più precisa di cos'è uno standard jazz, passiamo alla ricerca e all'ascolto.
Google ci darà sicuramente molte risposte, alcune più attendibili di altre, ma per i meno esperti consiglio due fonti principali.

Per quelli di voi che vogliono una panoramica il più estesa possibile e a cui interessa sapere quali sono compositore originale, origini, storia, e quali altri musicisti hanno riarrangiato il brano, consiglio la lista di wikipedia che trovate in quest'articolo. Il grande vantaggio è che potete cliccare sul titolo di una canzone e leggere pagine e pagine della sua storia.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Per quelli di voi che preferiscono ascoltare e poi scoprire il background del brano, consiglio vivamente la playlist di youtube che trovate in quest'articolo, Top 100 Jazz Classics Playlist | Best Jazz Songs of All Time, sul canale YouTube Electronics USA: si tratta di ben 223 brani che vi garantisco sono i migliori standard jazz della storia suonati e cantati dai migliori musicisti!
Una volta che vi sarete fatti un'idea, se desiderate, potrete fare qualche ricerca su wikipedia e scoprire qual è la storia della canzone che vi affatto emozionare, per un ascolto ancora più profondo.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Lista di standard jazz

Breve storia della musica jazz Il Jazz è un particolare genere musicale nato negli Stati Uniti ... continua » I maggiori esponenti del jazz Il jazz è una tipologia di musica che ha avuto inizio ... continua » Come improvvisare un pezzo jazz al piano La musica jazz è nata all'inizio del Novecento in America ... continua » Thelonius Monk: Il jazz degli anni 40' Thelonius Monk, padre del jazz degli anni '40, è stato un ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Storia del blues

Il termine Blues deriva dalla locuzione inglese "to feel blue" vale a dire essere malinconico. Il blues è un canto popolare di origine afro-americana e ... continua »

Come formare una band

Suonate qualche strumento e avreste il desiderio sfrenato di formare una band, ma non sapete da dove iniziare? Questo articolo soddisfa esattamente le vostre esigenze ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.