Empatia: approccio cognitivo e affettivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per empatia si intende la capacità di un individuo di comprendere le emozioni che un'altra persona sta provando. Deriva dal greco empatéia, parola composta da en (cioè dentro) e pathos (cioè emozione, affetto o sofferenza). Inizialmente si riferiva alla partecipazione del pubblico alle rappresentazioni dell'artista. Il termine è entrato nel linguaggio comune grazie ai due tedeschi J. G. Herder e Novalis, che hanno usato la parola "Einfühlung" per identificare sensazioni e relazioni che scaturiscono tra opere d’arte e persone. Il termine è stato collegato ai rapporti interpersonali nel 1909, ad opera di E. B. Tichener. In quel periodo non si parlava, tuttavia, di approccio cognitivo o affettivo, ma nel giro di poco tempo il termine è stato assorbito dal linguaggio comune ed entrato nell'ambito della psicologia moderna. Con i passi che seguono ci occuperemo proprio di empatia e vedremo proprio l'approccio cognitivo e affettivo.

25

Lo sviluppo dell'empatia

Cominciamo subito col dire che normalmente l’empatia inizia a svilupparsi già nel primo anno di vita di un bambino, sebbene in forma abbastanza basilare. Tuttavia, soltanto intorno ai 4 anni si sviluppa una teoria della mente con una forma di empatia vera e propria. La teoria della mente, infatti, è un'abilità speciale che permette di comprendere che ogni persona ha un proprio pensiero. Non c'è un unico approccio all'empatia e i metodi di misurazione fanno riferimento agli aspetti da cui essa è composta. Vi è una componente cognitiva ed una affettiva, che andiamo ora a vedere passo per passo.

35

Il ruolo dell'empatia

L’empatia può essere, quindi, suddivisa in due forme principali. La prima che citiamo è l’empatia cognitiva, detta “teoria della mente” o “mentalizzazione”: questa consiste nella spinta ad identificarsi con lo stato mentale di altri individui. L'empatia affettiva, invece, consiste in quella spinta che fa rispondere con un’emozione appropriata agli stati mentali altrui. La forma cognitiva è la capacità di comprendere il punto di vista dell'altro. Secondo quanto afferma la dottoressa J. Halpern, la forma affettiva è la risonanza o sintonia emotiva. Quando, per fare un esempio, si ascolta una persona ansiosa, subentra una sensazione di ansia. Quando, invece, si ascolta un individuo depresso, subentra la tristezza. La risonanza è una sorta di sfondo emotivo al processo del cercare di immaginare cosa sta provando l’altro individuo. Si tratta di una risposta naturale ed emotiva a quelle che sono le difficoltà altrui. In altre parole, secondo la definizione della psicologa Deborah Serani, l’empatia affettiva è l’abilità di sentire ciò che un'altra persona prova, mentre l’empatia cognitiva è l’abilità nel sentire quello che un’altra persona sta pensando. L’empatia affettiva viene controllata dalle funzioni della parte inferiore del cervello, mentre l’empatia cognitiva è essenzialmente regolata dalle funzioni della parte superiore.

Continua la lettura
45

L'allenamento dell'empatia

Le persone con alcuni disturbi della sfera psicologica non avvertono empatia cognitiva, sebbene possano provare l'empatia affettiva. Tuttavia è importante sapere che l’empatia è un’abilità che può essere "allenata" attraverso diverse terapie. L'empatia cognitiva si occupa di capire cosa sta pensando una persona in quel momento. L'empatia affettiva, invece, va ad analizzare sentimenti ed emozioni che stanno muovendo quella persona. Eseguire degli esercizi specifici tramite l'aiuto e il contributo di un professionista può aiutare la persona a comprendere le proprie emozioni e quelle che provano gli altri. Ovviamente il procedimento richiede tempo, oltre che un importante lavoro su se stessi e sulla propria sfera emotiva.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Recitazione

10 consigli per interpretare un personaggio

Nel corso della propria attività di attore teatrale o cinematografico, può capitare di sovente di imbattersi in personaggi particolarmente complessi e difficili da interpretare. Mettere in pratica una vera e propria tecnica per riuscire al meglio nel...
Recitazione

Come scegliere un corso di dizione

La storia della lingua italiana, così come la stessa storia italiana, è decisamente complessa, caratterizzata di lotte per il dominio linguistico e di una serie di inflessioni dialettali che si sono inserite nel nostro linguaggio, e che sono tuttora...
Recitazione

Come organizzare uno spettacolo teatrale per bambini

Introdurre i bambini alla recitazione è un attività culturalmente stimolante e pedagogicamente raccomandata per sviluppare l' empatia e lo spirito di gruppo, soprattutto in età scolare. Coinvolgere nella recitazione è anche un modo per tirare fuori...
Musica

Presenza scenica: come stare sul palcoscenico

Per diventare un cantate affermato, non basta solo una bella voce, è necessaria una personalità che lo distingua dagli altri e soprattutto una forte presenza scenica. Questo aspetto consente ai cantanti di fare la differenza rispetto ad altri e quindi...
Letteratura

10 consigli per scrivere un romanzo

Quella per la lettura è una passione capace di trascinare i lettori in mondi alternativi a quello reale. I romanzi, in particolare, ci strappano alla realtà grazie alle loro storie e ai loro personaggi. Non è raro che, col tempo, nasca in molti di...
Musica

Consigli per superare un provino di canto

Affrontare un provino di canto, specie da esordienti, fa davvero paura. La prospettiva di doversi esibire davanti a giudici professionisti puó causare panico o ansietá, andando a compromettere la vostra performance. Se vi state preparando per la vostra...
Letteratura

Come scrivere un romanzo per bambini

Elaborare degli scritti per bambini è un compito molto difficile ma estremamente emozionante. Sicuramente si tratta di un lavoro stimolante per un adulto che, per raggiungere lo scopo prefissato, deve tornare indietro di tanti anni ricordando la sua...
Letteratura

Idee per animare una lettura

Animare una lettura di gruppo, soprattutto nel caso siano presenti dei bambini, è molto importante. Non è raro infatti trovarsi in situazioni in cui l'attenzione non sembra decollare, e questo accade spesso a causa di una lettura poco convincente e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.