Guida ai musei di Lussemburgo

di Veronica De Stasio tramite: O2O difficoltà: media

Abbracciata dalla Francia, avvolta dal Belgio e protetta dalla Germania, la capitale del Granducato di Lussemburgo con l'omonimo nome, ha le sembianze di una vera e propria roccaforte. Fulcro storico e culturale, ricco di influenze cosmopolite per via del turismo di stampo internazionale e uno dei centri più funzionali d'Europa, Lussemburgo stupisce ovviamente anche per il patrimonio artistico. Una guida relativa ai suoi musei, si pone l'obiettivo di illustrarne una panoramica generale soffermandosi ovviamente, nelle strutture più caratteristiche.

1 Museo nazionale di storia dell'arte Uno dei musei più importanti di Lussemburgo è il "Musée National d'Histoire et d'Art", al cui interno ci sono oggetti di archeologia e storia, reperti appartenenti al periodo gallo-romano e infine, esposizioni riguardanti la tradizione popolare. La disposizione è strategica e sequenziale, di immediata comprensione per i curiosi meno esperti e piena di particolari che potranno essere colti dai professionisti del settore. È la molteplicità che seduce in modo semplice e pittoresco.

2 Museo di storia naturale Un altro museo notevole e degno di essere menzionato tra i più importanti è il "Musée National d'Histoire Naturelle", una collezione ricca di flora e fauna Lussemburghese ma non solo: temi come la biodiversità e l'origine dei vulcani sono allestiti dentro mura da un colore adatto come l'arancione tenue, dalla tonalità morbida e non invadente ma altamente suggestiva.

Continua la lettura

3 Mudam Infine, arriviamo all'era odierna.  Uno dei musei più originali e nuovi di Lussemburgo, il "Mudam", che come dice l'abbreviazione stessa è un museo d'arte contemporanea, conosciuto anche col nome "Musée d'Art Moderne Gran-Duc Jean".  Approfondimento Guida al Musée National des Beaux-arts (clicca qui) Tutte le sale sono state pensate per valorizzare le oltre cento opere provenienti da artisti diversi, da esperti di design a pittori, da architetti a scultori.  Ogni ambiente viene proposto in modo innovativo e perfettamente in linea con i canoni artistici dell'era moderna: bizzarri e pittoreschi.

4 Strutture artistiche Concludiamo col dire che Lussemburgo non è grandissima, ma non per questo delude dal punto di vista funzionale, anzi. Le strutture artistiche sono poche ma efficienti, nonché curiose: da una parte mantengono la tradizione, proponendo reperti risalenti al medioevo, dall'altra si lasciano andare alla contemporaneità, esaltando le più audaci sculture. Diciamo che manca la parte di mezzo, quella moderna, ma questo non è un punto a sfavore, anzi. L'attenzione per le mostre temporanee ospitate bilancia egregiamente, non solo con scelte volte ad arricchire alcuni vuoti temporali dal punto di vista artistico, ma anche per la cura che viene apportata all'allestimento.

Museo d'Orsay: storia Situato nel pieno centro della capitale francese, affacciato sul lato occidentale ... continua » I musei più belli di Parigi Parigi è una città bellissima che vale la pena di visitare ... continua » Guida ai musei di Singapore La terra della Malesia, ha una popolazione dove l'integrazione regna ... continua » I 10 migliori musei della Calabria La Calabria è una regione Italiana che vanta di un territorio ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Correggio: vita e opere

Correggio è il nome d'arte di un pittore italiano: Antonio Allegri, nato e morto proprio nella città di Correggio, in provincia di Reggio Emilia ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.