Guida ai pennelli per l'acquerello

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per chi si avvicina per la prima volta alla tecnica dell'acquerello, la scelta del pennello è davvero fondamentale. Trovare dei pennelli adeguati che si associano con le esigenze proprie, non è complicato: si potrà seguire questa semplice guida che vi mostrerà le qualità delle tipologie di pennelli che esistono in commercio.

24

Esistono 4 tipi di pennelli

Gli artisti, fino a metà Ottocento, si creavano loro da soli i pennelli che gli servivano. Soltanto dopo l'Ottocento sono sorte industrie vere e proprie, in grado di soddisfare i bisogno di tutti secondo le tecniche di pittura utilizzate. Esistono solitamente quattro tipi di pennelli che si usano per la tecnica dell'acquerello:
- di scoiattolo;
- di bue;
- in setola;
- in pelo di martora.
I pennelli fatti in pelo di scoiattolo sono quelli usati più frequentemente dagli artisti per gli acquerelli. Presentano caratteristiche tecniche come i pennelli in martora, però hanno un costo minore. E’ vero che non sono elastici come quelli di martora, però in compenso la loro pulizia richiede minori attenzioni.

34

Pennelli fatti in pelo di bue e di setola

I pennelli fatti in pelo di bue vengono creati usando i peli più chiari delle orecchie dei buoi. Esse sono molto residenti e non permettono di dipingere piccoli dettagli, restano più adatti a ricoprire di colore zone ampie. Questi pennelli sono adatti a dipingere acquerelli di dimensioni grandi.


Nei pennelli fatti di setola viene prelevata dai lati del dorso del maiale, in seguito viene sbiancata coi prodotti chimici. Essi hanno una fibra piuttosto dura e che in certi casi può rovinare la trama della carta soprattutto se la carta è piuttosto sottile.

Continua la lettura
44

Pennelli fatti in martora

I pennelli fatti in martora sono invece i più ricercati. Essi hanno una fibra robusta ma elastica ed inoltre sono caratterizzati da punte molto lunghe e sottili adatte per eseguire minuti dettagli e ritocchi nelle fasi finali degli acquerelli. Questi pennelli sono molto delicati e costosi. Per mantenerli in buono stato per lungo tempo, servono particolari cure perché si deformano facilmente.


La ghiera di un buon pennello deve essere resistente alla corrosione e senza saldatura, poi con l’usura tende sempre a rompersi. Solitamente le ghiere più economiche sono fatte in metallo nichelato, in alluminio e in cupronichel. Un pennello che si rispetti si riconosce anche dal manico, che deve essere ben maneggevole e ben bilanciato. Un pesante manico affaticherebbe inutilmente la mano, mentre un pennello troppo leggero resta scomodo da usare. Buon capolavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Arti Visive

Come scegliere i pennelli

Una parte importante della pittura, sia essa edilizia, per falegnameria oppure le belle arti, è sicuramente la scelta dei pennelli. I pennelli possiedono un ruolo importante per la pittura, in quanto ne esistono di diverse tipologie, forme, consistenza...
Arti Visive

5 consigli per dipingere con gli acquerelli

Molti di coloro che si avvicinano al meraviglioso mondo della pittura dimostrano una certa riluttanza nei confronti degli acquerelli. I colori ad acqua sono in effetti uno strumento difficile da dominare; nel contempo rappresentano una maniera versatile...
Arti Visive

Come scegliere i pennelli per la pittura ad olio

La pittura ad olio è un bellissimo modo per passare il tempo, ma può anche essere una vera e propria passione. Per poter dare vita all'arte della pittura è necessario scegliere accuratamente i pennelli. Infatti ciò che è davvero indispensabile per...
Arti Visive

Come dipingere gli alberi ad acquerello

Disegnare e dipingere con gli acquerelli non è affatto semplice: per riuscire ad ottenere buoni risultati ci vuole, oltre che una certa abilità "innata", anche un bel po' di esperienza. Occorre innanzi tutto scegliere la materia prima: pennelli, cartoncini...
Arti Visive

Come dipingere una natura morta ad acquerello

La pittura ad acquarello è un genere di pittura molto rinomata per la freschezza che dona al dipinto. Per utilizzare gli acquarelli bisogna avere molta esperienza e molta abilità. Infatti non sono ammessi errori poiché risulterebbe difficile se non...
Arti Visive

Come dipingere un ritratto ad acquerello

Il ritratto rappresenta uno dei generi pittorici più antichi della storia. Infatti l'uomo ha visto nel dipinto un mezzo per opporsi all'avanzare del tempo, tramandando un'immagine di se quasi immortale. Esistono diverse tecniche per dipingere un ritratto,...
Arti Visive

Come dipingere con acquerelli

Tutte le tecniche pittoriche sono assolutamente affascinanti e con ciascuna di loro, è possibile realizzare lavori davvero interessanti. Tuttavia, una delle tecniche che si differenzia dalle altre per la freschezza delle immagini che riesce a regalare...
Arti Visive

La pittura a tempera: strumenti e tecniche

La pittura a tempera è una delle forme artistiche più antiche: era infatti giá utilizzata da Egizi, Greci e Romani. Il nome deriva dal latino “temperare” ovvero mescolare. Per tempera si intende infatti quella tecnica che usa pigmenti in polvere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.