Guida al Partenone di Atene

di Unknown Unknown tramite: O2O difficoltà: media

Quando si pensa all'arte in generale, si tende ad immaginare anche gli antichi e gli storici monumenti, tra i quali non può non essere dimenticato il rinomato Partenone di Atene. Questo imponente colosso dell'architettura greca, rappresenta il tempio dedicato alla Dea Atena. Esso è conosciuto in tutto quanto il Mondo, e costituisce il simbolo della sua nazione. In questa semplice ed esauriente guida, pertanto, come potrete immaginare, parleremo proprio di questo l'argomento. A questo punto non vi rimane altro da fare se seguire i brevi passi di questa guida al Partenone di Atene.

Assicurati di avere a portata di mano: Dispositivi fotografici e videocamere.

1 Cenni storici La realizzazione di questo importante monumento è attribuita al Generale ateniese Pericle, che è vissuto nel V secolo a. C. Questo personaggio storico ha commissionato, all'architetto Ictino, il completamento di un progetto realizzato da Callicrate. I lavori hanno avuto inizio intorno al 447 a. C, sotto la guida dello scultore Fidia. Quest'ultimo, inoltre, ha realizzato alcuni elementi decorativi, tra cui una statua di oltre 12 metri di altezza, ricoperta di oro e di avorio, dedicata alla Dea Atena. Le imponenti dimensioni di questo tempio si basano sui canoni della sezione aurea, che prevede particolari proporzioni, sicuramente apprezzate in epoca classica. Il tempio in questione, con una facciata ottastila (ossia formata da otto colonne) e in stile ionico-dorico, aveva anche la funzione di tesoreria.

2 Com'è oggi il Partenone Purtroppo. Al giorno d'oggi rimane ben poco di questo monumento colossale, che viene quotidianamente ammirato, visitato ed apprezzato in tutto quanto il Mondo. Infatti, è doveroso citare che, al posto dei colori, un tempo brillanti e che lo facevano risplendere di luce, ora ne è rimasto soltanto il marmo bianco. Inoltre del suo fregio frontale, possiamo trovare soltanto un accenno, mentre il tetto ed alcuni elementi interni sono crollati in seguito ad un'esplosione. Tra l'altro differenti sculture rimanenti sono, al giorno d'oggi, patrimonio del famoso Museo di Londra. Tuttavia nonostante tutto, il Partenone è sicuramente uno dei templi più importanti di tutto il globo terrestre, dal momento che è riuscito a conservare il suo fascino senza tempo. Ci sono persone che preferiscono visitarlo sopratutto al tramonto, quando le colonne variano di colore passando dall'avorio, al rosa fino all'oro. Questo rende tale opera d'arte ancora più affascinante, creando un'emozione indescrivibile per quanto suggestiva, per colui che visita l'intera struttura.

Continua la lettura

3 Informazioni per l'accesso Il Partenone, in ogni caso, è stato la fonte di ispirazione per molti architetti, tanto da essere replicato a Nashville nel 1897.  Visitare il Partenone è abbastanza semplice.  Approfondimento I 10 monumenti più belli al mondo (clicca qui) Infatti è possibile arrivare ad Atene mediante voli, anche low cost, in partenza dai principali aeroporti italiani ed europei, nonché tramite nave oppure traghetti, che solitamente si fermano a Patrasso.  I biglietti per effettuare la visita in questa struttura, possono essere acquistati localmente o precedentemente online.  Il prezzo intero è di 12 euro, mentre quello ridotto è pari a 6 euro.  Invece i ragazzi sotto i 18 anni di età entrano gratuitamente.  Comunque, su internet vi consigliamo di dare uno sguardo, effettuando le opportune ricerche, per poter trovare dei tour culturali, organizzati per la visita di Atene.  La capitale greca, naturalmente, non presenta soltanto il Partenone, ma ci sono molte altre attrattive monumentali che meritano di essere visitate.  È chiaro che il Partenone, rappresentando il vero e proprio simbolo di questa antica e storica città, è il luogo da non perdere durante una visita in Grecia.

Non dimenticare mai: Scegliete sempre un periodo dell'anno dove non ci sia troppo turismo di massa e soprattutto optate per periodi climatici miti, vi godrete più tranquillamente la visita. Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.viaggioineuropa.it/

I miti greci più famosi "Mythos" è il termine greco che significa "mito". In origine era ... continua » Arte classica: storia, stile e maggiori esponenti L' arte classica è una corrente che da sempre ha affascinato ... continua » Scultura arcaica greca: i principali esponenti La scultura greca arcaica si sviluppò tra il VI secolo a ... continua » Musei a Londra: quali visitare con i bambini Londra è senza dubbio una delle mete turistiche più frequentate al ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

L'arte di Raffaello in breve

L'arte di Raffaello . Raffaello Sanzio è un pittore ed architetto italiano, di talento del Rinascimento. Spesso il suo nome viene pronunciato insieme a quelli ... continua »

L'arte nei Musei Vaticani

I Musei Vaticani racchiudono un patrimonio artistico secolare, raccogliendo tutte le opere d'arte accumulate nel tempo dai diversi Papi che si sono succeduti e ... continua »

L'architettura nel Rinascimento

L'architettura nuova del '400, rispetto al periodo del Gotico, possedeva delle regole nuove. Infatti, nella meravigliosa Firenze, cominciò un processo di revisione, grazie anche ... continua »

Breve storia dell'arte greca

L’arte greca è sicuramente una passaggio molto importante nella storia dell’arte. Insieme all'arte romana, questi due unite sono conosciute solitamente con il ... continua »

Guida al British Museum

Il British Museum è senza dubbio uno dei musei storici più famosi e grandi in Europa ma anche nel mondo. Nasce per volere di Sir ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.